Perù, Linee di Nazca: scoperto un nuovo geoglifo a forma di gatto

Scienze

Lo stile dell’opera, trovata su una collina nell’area della Pampa de Jumana, suggerisce che sia stata creata tra il 200 a.C. e il 100 a.C., nel tardo periodo della civiltà Paracas

Le linee di Nazca (Perù), un sito patrimonio mondiale dell'Unesco dal 1994 che ospita geoglifi creati oltre 2mila anni fa, continuano a riservare piacevoli sorprese. Nelle scorse settimane, durante i lavori di manutenzione in un punto panoramico per i visitatori, è stato scoperto un nuovo geoglifo a forma di gatto.

Come riporta la Cnn, secondo le stime degli archeologi, lo stile dell’opera, trovata su una collina nell’area della Pampa de Jumana in Perù, suggerisce che sia stata creata tra il 200 a.C. e il 100 a.C., nel tardo periodo della civiltà Paracas. 

"Rappresentazioni di questo tipo di felino si trovano spesso nell'iconografia della ceramica e dei tessuti nella società di Paracas", precisa il ministero della Cultura del Paese, in un comunicato dedicato alla scoperta. 

OFICINA DE COMUNICACIÓN E IMAGEN - Ministerio de Cultura Perù

La scoperta nel dettaglio

approfondimento

Come fare amicizia con i gatti? La risposta da uno studio britannico

 

La figura del gatto, come precisa la fonte, “era appena visibile e stava per scomparire a causa della sua posizione su un pendio abbastanza ripido e degli effetti dell'erosione naturale”. Durante i lavori di pulizia del sito, gli archeologi hanno scoperto una serie di linee di larghezza variabile da 30 a 40 centimetri che unite ricreano la figura di un gatto. 

“Il geoglifo mostra una figura felina di profilo, con la testa rivolta in avanti”, ha precisato Johny Isla, archeologo responsabile del sito di Nazca. 

“È abbastanza sorprendente che stiamo ancora trovando nuove opere, ma sappiamo anche che ce ne sono altre da trovare", ha aggiunto. 

L'antico geoglifo a forma di gatto, che misura 37 metri di lunghezza, si unisce a una serie di altri disegni zoomorfi trovati nel paesaggio della regione nel secolo scorso, comprese le raffigurazioni di un colibrì, una scimmia e un pellicano.

 

 

Linee di Nazca: patrimonio dell'Unesco

 

Le linee e i geoglifi coprono un'area di circa 450 chilometri quadrati e furono creati tra il 500 a.C. e 500 d.C., secondo l’Unesco, che ha aggiunto il sito alla sua lista del patrimonio mondiale nel 1994, descrivendolo come uno dei "più grandi enigmi dell'archeologia". 

"Sono il gruppo di geoglifi più eccezionale in tutto il mondo e non hanno eguali per estensione, grandezza, quantità, dimensione, diversità e antica tradizione rispetto a qualsiasi opera simile al mondo", precisa l’Unesco. "La concentrazione e l'accostamento delle linee, nonché la loro continuità culturale, dimostrano che si trattava di un'attività importante e di lunga durata, circa mille anni".

Scienze: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24