Dna, un nuovo progetto mira a sequenziare il genoma degli eucarioti

Scienze
getty-ricercatori

Le informazioni raccolte durante la missione ‘Earth BioGenome Project’ (Ebp) potrebbero aiutare la comunità scientifica a capire come tutelare le specie in via di estinzione 

Il progetto ‘Earth BioGenome Project’ (Ebp) potrebbe rappresentare un grande passo avanti per la biologia. L’ambizioso scopo della missione è sequenziare il genoma di ogni animale, pianta, fungo e protozoo esistente sulla Terra e utilizzare le informazioni raccolte per capire come tutelare le specie in via di estinzione. Secondo gli scienziati, infatti, il Dna potrebbe celare dei preziosi indizi su come gli esseri viventi si adeguano ai cambiamenti ambientali.
Come parte del progetto, il Wellcome Sanger Institute si è impegnato a sequenziare il genoma di tutte le 66.000 specie presenti nel Regno Unito.

Il codice genetico degli eucarioti

Il progetto mira a ‘leggere’ il codice genetico di ogni organismo appartenente al vasto gruppo degli eucarioti, i quali, a differenza dei procarioti, sono caratterizzati dalla presenza nelle loro cellule di un nucleo isolato da una membrana.
“Finora è stato sequenziato il genoma di solo 3.300 delle 1.5 milioni di specie conosciute”, dichiara Harris Lewin, docente presso l’Università della California di Davis e capo del progetto.
“La conoscenza della comunità scientifica è più limitata di quel che si potrebbe pensare”, ha commentato il professore durante un’intervista a BBC News. “Questo progetto potrebbe colmare alcune delle lacune maggiori e consentire una migliore comprensione delle forme di vita conosciute”.

Le conseguenze del progetto

Se il progetto andrà a buon fine, l’intera comunità scientifica beneficerà delle nuove scoperte. In primo luogo, il sequenziamento del genoma di tutti gli eucarioti conosciuti consentirà una migliore comprensione delle forme di vita che popolano il pianeta. Per il professor Lewin, si tratterebbe di un traguardo paragonabile per importanza allo sbarco sulla Luna. Una buona riuscita della missione potrebbe contribuire, inoltre, a proteggere le specie in via di estinzione dalle minacce dovute al cambiamento climatico. Per capire come salvaguardarle, è fondamentale analizzare il loro Dna per scoprire come si adattano ai mutamenti ambientali. Infine, i risultati del progetto potrebbero condurre a delle scoperte utili per gli esseri umani, come dei metodi per proteggere le coltivazioni dalla siccità e dalle malattie. 

Scienze: I più letti