Ultimata la mappatura del Dna del grano usato per fare il pane

Foto di archivio (Getty Images)
2' di lettura

Decodificato il codice genetico: è il prodotto di 13 anni di ricerche del Consorzio Internazionale per il sequenziamento del genoma del grano 

Il sequenziamento del genoma del grano usato per preparare il pane, a lungo considerato impossibile da realizzare dagli scienziati, è stato effettuato grazie alla collaborazione di ricercatori provenienti da tutto il mondo: l'International Wheat Genome Sequencing Consortium ne ha pubblicato una descrizione dettagliata sulla rivista Science. Ottenere una sequenza di riferimento di alta qualità è un traguardo importante perché, essendo la coltura più diffusa in tutto il mondo, è essenziale per la sicurezza alimentare di miliardi di persone. Secondo gli esperti le recenti ondate di calore nell'Europa settentrionale, in Asia e in Canada avranno un effetto importante sulla produzione di grano nel 2018. Inoltre, parassiti, salinità e cambiamenti climatici continuano a danneggiare le colture. Per soddisfare le esigenze future di una popolazione mondiale proiettata verso i 9,6 miliardi di abitanti entro il 2050, la produttività del grano deve aumentare dell'1,6% ogni anno e i nuovi studi potrebbero aiutare a renderlo più resistente.

107 mila geni e 4 milioni di marcatori molecolari

Il genoma di un organismo è simile a una dettagliata tabella di marcia, contenente tutte le informazioni necessarie per costruire e mantenerlo attivo e sano. Ora che gli scienziati e gli agricoltori conoscono i geni e i fattori responsabili di tratti quali la resa, la resistenza alle malattie fungine e la tolleranza allo stress ambientale, saranno in grado di produrre varietà più resistenti. Il genoma del grano è grande cinque volte il genoma umano ed è anche più complesso. Comprende 21 cromosomi, provenienti da tre sotto genomi molto simili. I ricercatori hanno utilizzato i classici metodi di mappatura e le più recenti tecnologie di sequenziamento del DNA per codificarlo. I dati della sequenza sono stati assemblati e ordinati lungo i 21 cromosomi utilizzando algoritmi altamente efficienti e i geni sono stati identificati con specifici software. Lo studio localizza su 21 cromosomi, oltre 107 mila geni e 4 milioni di marcatori molecolari.

13 anni di ricerche

Catherine Feuillet, coautrice dell'articolo e ricercatrice, afferma: “Questo risultato potrebbe avere implicazioni immediate per la produzione di grano in tutto il mondo. Vorrei essere di nuovo all'inizio della mia carriera perché il divertimento inizia adesso: ora è possibile decifrare in modo efficiente la biologia del nostro raccolto. Dopo 13 anni di sforzi con la comunità del grano abbiamo raggiunto il nostro importante traguardo". 

Leggi tutto
Prossimo articolo

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Schermata Home"

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Home"