Croce Rossa, la storia dell'organizzazione internazionale

Salute e Benessere
GettyImages-Croce_Rossa_e_Mezzaluna_Rossa_Internazionale

Nell'anniversario della fondazione, ecco le tappe principali della nascita di questa associazione senza scopo di lucro, avvenuta su iniziativa dell'imprenditore svizzero Jean Henry Dunant nel 1863

La Croce Rossa Internazionale compie nel 2019 156 anni dalla sua fondazione, avvenuta su iniziativa dell'imprenditore svizzero Jean Henry Dunant nel 1863. La scelta della ricorrenza – la Giornata mondiale della Croce Rossa si celebra ogni anno l'8 maggio – non è casuale: coincide, infatti, con il giorno di nascita del suo promotore. Ecco quali sono state le tappe principali della storia di questa organizzazione.

Il manifesto fondativo

È il 24 giugno del 1859. A San Martino e Solferino, sulle colline a sud del Lago di Garda, infuria una delle battaglie più cruente della Seconda Guerra di Indipendenza e, in generale, del XIX secolo. Sul campo rimangono centomila tra morti e feriti e dispersi sui trecentomila soldati francesi, sardo-piemontesi e austriaci che si stanno fronteggiando. Testimone di quella carneficina è l'imprenditore svizzero Jean Henry Dunant. Giunto in Italia per un incontro d'affari con Napoleone III, racconterà quel conflitto in un libro uscito tre anni più tardi, nel 1862. Dunant scrive che le conseguenze della battaglia sono state rese ancor più gravi dalla totale assenza di sanità militare. Quel libro, dal titolo "Un souvenir de Solférino", diventerà una sorta di manifesto fondativo della Croce Rossa.

Nobel per la Pace

Dunant non si limita a raccontare gli scontri di Solferino e San Martino, ma fa di più: chiede una migliore assistenza per i soldati feriti durante la guerra. Da questa proposta nasce l’idea di creare una squadra ad hoc, composta da infermieri addestrati e volontari, che possa costituire lo zoccolo duro della sanità militare. La richiesta dell'imprenditore svizzero si traduce nella nascita, nel febbraio del 1863 a Ginevra, del Comitato internazionale della Croce Rossa. Uno dei primi cinque membri di questa istituzione è proprio Dunant, che nel 1901 riceverà il Nobel per la Pace. Alla fondazione del Comitato centrale segue anche la nascita delle varie organizzazioni nazionali, istituite nell’ottobre del 1863, sempre a Ginevra. Circa un anno dopo, nell’agosto del 1864, nella città svizzera viene stabilito che strutture e personale sanitario siano totalmente neutrali rispetto ai conflitti in cui intervengono.

Emblema e significato

Con la Prima Convenzione di Ginevra del 1864 vengono stabiliti anche il nome e l'emblema della Croce Rossa. Si decide per l'adozione di un bracciale e di una bandiera transnazionali, che rimangano uguali in tutti gli Stati: una croce rossa su sfondo bianco. Questo emblema non ha alcuno significato religioso, ma è solo la bandiera svizzera a colori invertiti: un omaggio al Paese che ha ospitato la Convenzione. Ha, invece, un duplice significato a livello simbolico: uno indicativo in tempo di pace, che serve a segnalare le installazioni e il personale sanitario, l’altro protettivo in tempo di conflitto. Quest'ultimo deve avere dimensioni maggiori in modo da essere visto dai combattenti.

La Mezzaluna Rossa e l'emblema del terzo protocollo

L'emblema della Croce Rossa, però, non viene accettato da tutti. L'Impero Ottomano, ad esempio, dichiara nel 1876, durante il conflitto con la Russia, che questo simbolo contrasta con le convinzioni religiose dei suoi soldati. Per questa ragione viene concesso l'uso della Mezzaluna Rossa in campo bianco, che in seguito verrà adottata da diversi Paesi arabi o a maggioranza musulmana. La questione dell'emblema si ripropone nella seconda metà degli anni '90 del Novecento, quando Israele propone il riconoscimento della Stella di David rossa. Per rispondere a questa esigenza e, in generale, a quelle dei Paesi che non accettano né la Croce né la Mezzaluna, viene realizzato un nuovo simbolo: l'emblema del terzo protocollo, il Cristallo Rosso, all'interno del quale possano essere inseriti simboli locali. L'emblema del terzo protocollo diventa simbolo ufficiale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa Internazionale dall'8 dicembre 2005 e l'anno successivo viene adottato anche da Israele.

Salute e benessere: Più letti