Covid, Rezza: "Crescono Rt e incidenza, ma intensive stabili"

Salute e Benessere
©Ansa

Lo ha dichiarato il direttore della Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza, in un video a commento dei dati settimanali relativi al consueto monitoraggio Covid-19. "Si osserva un leggero incremento nell'occupazione dei posti di area medica", ha aggiunto

ascolta articolo

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato

 

"Anche questa settimana cresce leggermente il tasso di incidenza dei casi di Covid-19 nel nostro Paese e anche l'Rt mostra una leggera tendenza all'incremento: siamo a 1,04 e quindi di poco al di sopra della soglia epidemica". Lo ha dichiarato il direttore della Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza, in un video a commento dei dati relativi al monitoraggio settimanale sulla diffusione del Covid-19 in Italia. (COVID: LE ULTIME NOTIZIE IN DIRETTA)

La situazione negli ospedali

approfondimento

Covid in Italia e nel mondo, le notizie del 25 novembre

Quanto alla situazione negli ospedali, Rezza ha spiegato che si osserva "un leggero incremento nell'occupazione dei posti di area medica; mentre fortunatamente resta del tutto stabile l'occupazione dei posti in terapia intensiva, che è al di sotto di ogni soglia di criticità".

Iss: salgono da 1 a 6 le Regioni a rischio alto  

In base ai dati del monitoraggio settimanale Iss-ministero della Salute sul Covid-19, questa settimana sono sei le Regioni classificate a rischio alto. Si tratta di Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Marche, Puglia e Veneto. La scorsa settimana solo una Regione, la Liguria, era classificata a rischio alto. Tredici Regioni, invece, sono invece classificate a rischio moderato (contro le 12 della scorsa settimana) e due sono classificate a rischio basso (contro le 8 di sette giorni fa).

Salute e benessere: Più letti