Leucemia infantile, verso cure a bassa tossicità. Lo studio

Salute e Benessere

Utilizzando un farmaco a bassa tossicità mai usato prima contro la leucemia, combinato con il desametasone, sarebbe possibile ottimizzare l'efficacia della terapia. A indicarlo una nuova ricerca pubblicata su Cell Reports Medicine

 

ascolta articolo

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato

 

Negli ultimi decenni, la ricerca scientifica nel campo dei tumori del sangue è avanzata a grandi passi, migliorando i tassi di sopravvivenza alla leucemia infantile, che attualmente hanno superato quota 80%. Nuovi sviluppi in merito arrivano da un studio condotto da Newcastle University, Northumbria University, Princess Máxima Center for Pediatric Oncology e University of Glasgow che potrebbe aprire la strada allo sviluppo di trattamenti a bassa tossicità contro questa forma di tumore. I risultati sono stati pubblicati sulle pagine della rivista specializzata Cell Reports Medicine.

Lo studio

approfondimento

Leucemia, identificata proteina che sarebbe coinvolta nel suo sviluppo

Nel corso dello studio, attualmente ancora in fase iniziale, il team di ricerca è riuscito a individuare un possibile nuovo metodo di trattamento antitumorale, potenzialmente in grado di mitigare gli effetti collaterali e al contempo di garantire una migliore efficacia rispetto ai farmaci attualmente utilizzati. Ad oggi, infatti, la resistenza al trattamento e la tossicità rimangono le principali sfide cliniche da risolvere con urgenza per ridurre ulteriormente i decessi dovuti alla leucemia e prevenire gli effetti collaterali dei farmaci utilizzati nel trattamento del cancro.

I risultati

Nello specifico, il team di ricerca ha osservato che utilizzando un farmaco a bassa tossicità mai usato prima contro la leucemia, combinato con il desametasone, un farmaco che viene somministrato di routine ai malati di cancro, sarebbe possibile ottimizzare l'efficacia della terapia contro le cellule leucemiche. Questo nuovo metodo di trattamento è stato testato su un midollo osseo artificiale creato utilizzando cellule staminali umane. Dai test è emerso che la combinazione dei due farmaci non causa alcuna tossicità aggiunta.

Salute e benessere: Più letti