Acqua Guizza, richiamati due lotti per rischio contaminazione

Salute e Benessere
Giuzza-Fonte Valle Reale

I prodotti interessati dal richiamo sono venduti nelle confezioni da 6 bottiglie da un litro e mezzo e fanno parte dei lotti 10LB2202A e 08LB2208A, realizzati nello stabilimento di Gran Guizza Spa situato in località Valle Reale a Popoli, in provincia di Pescara

ascolta articolo

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato

 

Con un comunicato ufficiale, il ministero della Salute ha pubblicato un avviso di richiamo di due lotti di acqua minerale naturale "Guizza" a marchio "Fonte Valle Reale" per "rischio microbiologico" per "Staphylococcus aureus".
I prodotti interessati dal richiamo sono venduti nelle confezioni da 6 bottiglie da un litro e mezzo e fanno parte dei lotti 10LB2202A e 08LB2208A, realizzati nello stabilimento di Gran Guizza Spa situato in località Valle Reale a Popoli, in provincia di Pescara, con scadenza rispettivamente il 20 gennaio 2024 e il 26 gennaio 2024. Il ministero della Salute invita tutti i consumatori che hanno eventualmente acquistato il prodotto indicato a non consumarlo e a restituirlo al punto vendita.

 

Rischio contaminazione da stafilococco aureo

approfondimento

Acqua non potabile in zona aeroporto Olbia, scatta divieto

La decisione, come ha spiegato Gran Guizza SpA in una nota, "è stata presa a seguito dei campionamenti svolti dall’Arta Abruzzo per conto del Sian Srl di Pescara presso il sito produttivo di Popoli, che hanno riscontrato la presenza dell’indicatore di contaminazione stafilococco aureo in alcuni prodotti finiti". La società  invita a non consumare i prodotti appartenenti ai lotti oggetto di ritiro e precisa che il richiamo si riferisce solo ed esclusivamente lotti indicati, garantendo "l’assoluta purezza per tutti i prodotti e i lotti non indicati nella comunicazione".

"Attesa di rianalisi e conferma conformità"

Nel comunicato viene, inoltre, precisato che l'azienda "ha deciso di ritirare il prodotto finito confezionato che ha evidenziato la contaminazione, nonostante da analisi interne non risultassero anomalie, in attesa di rianalisi e conferma di conformità da parte dell'organo di vigilanza. L'azienda sta collaborando con le Autorità competenti per l’accertamento delle eventuali cause e la risoluzione della problematica". Nella nota, l'azienda precisa "che gli impianti di Gran Guizza sono progettati, realizzati, collaudati e controllati in conformità ai più stringenti requisiti di sicurezza". Gran Guizza Spa ha, infine, dichiarato di aver "attuato tutte le azioni volte alla tutela della salute dei consumatori come il ritiro/richiamo precauzionale dei prodotti finiti e la contestuale comunicazione alle autorità sanitarie", ribandendo che la "sicurezza dei propri consumatori è la priorità assoluta".

Salute e benessere: Più letti