Tumore polmone, al via la campagna "L'esame più importante della tua vita"

Salute e Benessere
©IPA/Fotogramma

È stata lanciata da Amgen, in collaborazione con Ipop e Walce Onlus, per informare i pazienti oncologici e i loro familiari sul tema del tumore al polmone, che solo in Italia colpisce ogni oltre 40mila persone ogni anno

ascolta articolo

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato

 

"L'esame più importante della tua vita". È il titolo della campagna lanciata da Amgen, in collaborazione con Ipop e Walce Onlus, per informare i pazienti oncologici e i loro familiari sul tema del tumore al polmone e, in particolare, sul ruolo giocato dalle possibili alterazioni genetiche del tumore al polmone non a piccole cellule e sull’importanza di definire la “carta d’identità” della malattia per accedere a terapie mirate.

Questionario online

approfondimento

Tumore al polmone, un progetto europeo per le cure basate sull’IA

Sui siti ufficiali di Amgen, Ipop e Walce Onlus è disponibile un questionario per approfondire la conoscenza della patologia e acquisire informazioni utili per affrontare il percorso terapeutico oncologico in modo più consapevole e attivo. Come spiegato da Amgen in una nota, sono disponibili test molecolari, basati su tecnologie mediche avanzate, in grado di individuare le alterazioni genetiche associate al tumore, eseguendo più analisi contemporaneamente su un unico campione di tessuto e quindi in tempi più brevi rispetto alle analisi sequenziali dei test standard. "Si tratta di una risorsa diagnostica molto importante, perché permette di ottenere la "carta d’identità" del carcinoma con il minore disagio possibile per il malato. Purtroppo attualmente questa tipologia di test non è presente in eguale misura nelle strutture sanitarie a livello nazionale. È allora fondamentale che le istituzioni e le associazioni lavorino insieme affinché la distribuzione diventi più capillare, facilitandone l'accesso ai pazienti", ha spiegato Bruno Aratri, presidente dell'associazione Ipop Onlus (Insieme per i pazienti di oncologia polmonare). "Oltre alla tempestività è sicuramente la precisione della diagnosi che può fare la differenza in quel 30% di pazienti affetti da tumore al polmone non a piccole cellule che possono essere trattati con i farmaci a bersaglio molecolare. E la percentuale è, fortunatamente, destinata a crescere in fretta grazie ai risultati ottenuti dalla ricerca", ha aggiunto Silvia Novello, presidente di Walce Onlus (Women against lung cancer in Europe).

Tumore polmone: numeri

Il tumore al polmone solo in Italia colpisce oltre 40mila persone ogni anno. Stando ai numeri comunicati da Amgen, nel 2020 sono stati registrati 41mila nuovi casi. Si tratta della seconda neoplasia più frequente tra gli uomini (15% del totale dei tumori) e terza tra le donne (6%).

Salute e benessere: Più letti