Sistemi alimentari inadeguati, messo a punto l’indicatore “Diet Gap”

Salute e Benessere
©Getty

Si tratta di un nuovo indicatore, proposto per misurare l'inadeguatezza dei sistemi alimentari attuali dal punto di vista della salute e della sostenibilità. È il risultato di uno studio, pubblicato su “Nature Food”, condotto da un team di ricercatori del Politecnico di Torino

Si chiama “Diet gap” ed è un nuovo indicatore, messo a punto per misurare l'inadeguatezza dei sistemi alimentari attuali dal punto di vista della salute e della sostenibilità. Lo ha proposto un team di ricercatori del Politecnico di Torino all’interno di uno studio, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica “Nature Food”.

I consumi di carne rossa e legumi

approfondimento

Cenare poco prima di dormire potrebbe alterare la glicemia: lo studio

Come riferito da Marta Tuninetti, Luca Ridolfi e Francesco Laio, ricercatori del dipartimento di Ingegneria dell'Ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture del Politecnico di Torino e autori dello studio, “secondo le indicazioni della commissione Eat-Lancet, dovremmo limitare il nostro consumo settimanale di carne rossa a un massimo di 200 grammi”. Ma, hanno proseguito, “in media, superiamo di 2,5 volte questa soglia; in Europa tale soglia viene superata di ben 4 volte con importanti ripercussioni sulla salute e sull'ambiente”, hanno spiegato. “Guardando invece al consumo di legumi, il Diet Gap mette in luce un consumo ben inferiore alla quantità ideale (circa 100 grammi al giorno), soprattutto nei Paesi più sviluppati, dove il consumo di ceci, fagioli, lenticchie risulta stagnante e sottosoglia fin dagli anni ‘60”, hanno detto ancora gli studiosi.

Verso a una dieta sana e sostenibile

Invece, per quanto concerne il consumo di frutta e verdura, l’indicatore “mostra una dinamica più virtuosa dal momento che in molti Paesi del mondo le soglie suggerite dalla commissione (300 grammi di verdura al giorno e 200 grammi di frutta) sono rispettate”, hanno commentato i ricercatori dell’ateneo torinese. Tuttavia, nell’ambito delle analisi, è emersa una criticità legata ai cosiddetti “Food Deserts”, i deserti alimentari che si trovano in alcune città nei Paesi più sviluppati, dove ottenere le quantità minime di frutta e verdura fresca è molto difficile, specie per chi ha meno possibilità economiche. “Se tutti i Paesi adottassero la dieta Eat-Lancet, l'impronta idrica diminuirebbe del 12% su scala globale”, hanno concluso gli esperti. Offrendo poi, nel lavoro di ricerca, anche un'ampia panoramica relativa agli approcci utili da indirizzare verso a una dieta sana e sostenibile. Ad esempio, in Italia, 200 grammi di lenticchie richiedono circa 900 litri di acqua, mentre 200 grammi di carne bovina ne necessitano più del doppio.

 

Salute e benessere: Più letti