Covid Usa: picco di 132.646 ricoveri, mai così tanti dall'inizio della pandemia

Salute e Benessere

Dato che supera il precedente record di 132.051 ospedalizzazioni registrato a gennaio dello scorso anno. La variante Omicron del coronavirus è al momento il ceppo dominante negli Stati Uniti

Il coronavirus Sars-CoV-2 continua la sua corsa negli Stati Uniti, dove nelle ultime 24 ore il numero di ricoveri ha raggiunto il picco di  132.646. Si tratta del numero più alto dall'inizio della pandemia di Covid-19, che supera il precedente record di 132.051 ospedalizzazioni registrato a gennaio dello scorso anno. Lo riferiscono le autorità sanitarie locali. (COVID: LE ULTIME NOTIZIE IN DIRETTA - VACCINO COVID: DATI E GRAFICI SULLE SOMMINISTRAZIONI IN ITALIA, REGIONE PER REGIONE)

Omicron è la variante dominante negli Stati Uniti

approfondimento

Covid in Italia e nel mondo: le ultime notizie del 11 gennaio. LIVE

La nuova impennata di casi e ricoveri negli Stati Uniti è dovuta soprattutto alla diffusione della variante Omicron del coronavirus, che è al momento il ceppo dominante negli Stati Uniti, dove ha superato la Delta. Preoccupa in particolare la situazione epidemiologica dello stato americano della Virginia, che ha proclamato uno stato di emergenza di trenta giorni nel tentativo di alleggerire la pressione sugli ospedali per via della diffusione dei contagi da Covid-19. "Il picco dei contagi è previsto nelle prossime settimane", ha dichiarato il governatore Ralph Northam, annunciando le nuove restrizioni.

Omicron, esperti Usa auspicano picco entro fine mese

Secondo gli esperti americani, il picco dei casi Covid-19 causati da Omicron negli Usa potrebbe essere raggiunto a fine gennaio-inizio di febbraio e l'andamento della pandemia nelle prossime 2 settimane sarà cruciale per stimare il suo sviluppo. "È difficile dirlo, il Covid è ancora in crescita ma anche se non posso predire l'andamento accuratamente, spero che una volta arrivati alla fine della terza settimana di gennaio e alla quarta inizieremo a vedere i contagi in discesa", ha riferito Anthony Fauci in una intervista alla Nbc di New York, sottolineando che a complicare le proiezioni è "la dimensione degli Stati Uniti e i diversi tassi di vaccinazione nella varie aree del Paese".
Anche il modello statistico creato alla Columbia university di New York dall'epidemiologo Jeffrey Shaman sembra essere in linea con questa previsione. Le proiezioni indicano un numero record di contagi nelle prime tre settimane di gennaio. Ma le stime variano a seconda delle zone.

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24