Covid, Brasile: a Manaus torna il virus nonostante l'immunità di gregge

Salute e Benessere
©Ansa

Un articolo pubblicato sulla celebre rivista scientifica “The Lancet" ipotizza le possibili cause di questo "inaspettato" ritorno del virus. A preoccupare gli autori, in particolare, è l'ipotesi che i nuovi ceppi del coronavirus potrebbero eludere l'immunità generata in risposta a precedenti infezioni

La pandemia di Covid-19 negli ultimi mesi è tornata duramente a colpire la
città di Manaus, capitale dello Stato brasiliano di Amazonas che conta oltre due milioni di abitanti, nonostante nella prima ondata si fosse raggiunta l'immunità di gregge. Ad accendere i riflettori sul "caso Manaus" è un nuovo  articolo pubblicato sulla celebre rivista scientifica “The Lancet", che ipotizza le possibili cause di questo "inaspettato" ritorno del virus. A preoccupare gli esperti, in particolare, è l'ipotesi che i nuovi ceppi del coronavirus potrebbero eludere l'immunità generata in risposta a precedenti infezioni.

Ritorno del virus: quattro spiegazioni

approfondimento

Coronavirus, 10 Paesi con più casi in 24 ore: Usa e Brasile in testa

 

Come spiegato dagli autori dell'analisi, nella capitale di Amazonas si stima, in base ai dati emersi da uno studio condotto sui donatori di sangue, che a ottobre 2020 il 76% della popolazione fosse stato infettato dal Covid-19. In questo contesto, la rivista scientifica sottolinea come il brusco aumento del numero di ricoveri ospedalieri nella città registrato nel mese di gennaio 2021 "sia inaspettato e preoccupante".
"Ci sono almeno quattro spiegazioni possibili per il ritorno del virus, che non si escludono a vicenda", precisa la fonte.
La prima possibilità è che "in realtà la prevalenza del virus sia stata sovrastimata, e quindi non si sia raggiunta la soglia". Come seconda spiegazione, gli autori dell'analisi ipotizzano che l'immunità acquisita con la prima ondata potrebbe aver iniziato a diminuire a dicembre 2020, "a causa di una diminuzione generale della protezione immunitaria contro il Sars-CoV-2 dopo una prima esposizione". Tuttavia, gli esperti precisano che è improbabile che il solo declino dell'immunità spieghi completamente il recente ritorno del virus.

 

Il possibile impatto delle nuove varianti

 

Gli altri due fattori sono invece legati al possibile impatto delle nuove varianti del virus.
"Le nuove varianti di Sars-Cov-2 potrebbero portare a un aumento dei casi se hanno una trasmissibilità maggiore rispetto ai ceppi preesistenti e se riescono ad eludere il sistema immunitario di chi ha già avuto l'infezione", precisano gli autori. "Per questo occorre studiarne velocemente le caratteristiche genetiche, cliniche, immunologiche ed epidemiologiche. Se invece il nuovo aumento a Manaus è dovuto alla diminuzione dell'immunità acquisita, uno scenario simile potrebbe verificarsi anche in altre zone".

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.