Bambini: il consumo di omega-3 potrebbe aiutare a prevenire l'asma

Salute e Benessere
©LaPresse

A suggerirlo sono i risultati di uno studio condotto dalla Queen Mary University of London. Questa associazione è stata osservata solo nei bimbi portatori di una variante genetica comune, correlata a livelli più bassi di acidi grassi omega-3 a catena lunga nel sangue

Una nuova ricerca condotta dalla Queen Mary University of London suggerisce che un maggiore apporto alimentare di cibi con acidi grassi omega-3 a catena lunga, come il pesce, durante l'infanzia potrebbe ridurre il rischio di sviluppare l'asma. Tuttavia, i ricercatori precisano che questa associazione è stata osservata solo nei bimbi portatori di una variante genetica comune, correlata a livelli più bassi di acidi grassi omega-3 a catena lunga nel sangue.

Studio condotto su bambini nati negli anni '90

approfondimento

Asma, sintomi e possibile terapia

 

Per compiere lo studio, pubblicato sull'European Respiratory Journal, i ricercatori della Queen Mary University of London, in collaborazione con le Università di Bristol e Southampton e con il Karolinska Institutet, hanno seguito nel corso degli anni lo sviluppo di oltre 4mila bambini nati negli anni '90, analizzando l'associazione tra l'assunzione di due acidi grassi omega-3 presenti nel pesce e con proprietà anti-infiammatorie, l'eicosapentaenoico e il docosaesaenoico, e l'incidenza di nuovi casi di asma. "L'asma è la condizione cronica più comune nell'infanzia e attualmente non sappiamo come prevenirla. È possibile che una dieta povera possa aumentare il rischio di svilupparla, ma fino ad ora la maggior parte degli studi ha preso "istantanee", misurando la dieta e l'asma in un breve periodo di tempo", ha spiegato Seif Shaheen, principale autore dello studio.
Nel nostro studio, invece, "abbiamo misurato la dieta e poi seguito i bambini per molti anni per vedere chi ha sviluppato l'asma e chi no".

 

I risultati dell'analisi

 

Dallo studio osservazionale non sono emerse associazioni  tra l'assunzione di omega-3 a catena lunga dal pesce durante l'infanzia e lo sviluppo dell'asma. Tuttavia, il team di ricerca ha notato un correlazione tra questi due fattori nei bambini con un particolare trucco genetico. Più di metà dei partecipanti, infatti, aveva una variante comune del gene della desaturasi degli acidi grassi (Fads) che è associata a livelli più bassi di acidi grassi omega-3 a catena lunga nel sangue. In questi bimbi, un maggiore apporto alimentare di acidi grassi omega-3 a catena lunga era associato a un minor rischio di asma.
"Anche se non possiamo dire con certezza che mangiare più pesce preverrà l'asma nei bambini, sulla base dei nostri risultati, sarebbe comunque opportuno che i bambini nel Regno Unito consumassero più pesce, poiché pochi attualmente raggiungono l'assunzione raccomandata", ha concluso Seif Shaheen.

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.