Covid, Trump: “Il vaccino di Moderna è stato approvato". Pence: "Fda deve ancora decidere"

Salute e Benessere

Il presidente degli Stati Uniti ha annunciato la novità su Twitter. Nel Paese la vaccinazione di massa è iniziata negli scorsi giorni con il vaccino di Pfizer-BioNTech

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato che il vaccino contro il coronavirus di Moderna è stato approvato. “La distribuzione inizierà immediatamente”, ha spiegato su Twitter. Il vicepresidente Pence ha precisato che la Fda non si è ancora espressa ufficialmente sul vaccino, ma lo farà a breve. Negli Stati Uniti la vaccinazione di massa è iniziata negli scorsi giorni con il vaccino di Pfizer-BioNTech, del quale finora sono state somministrate 49.957 dosi.

La decisione della Food and Drugs Administration

approfondimento

Covid-19, vaccino di Moderna: l’Ue acquista altre 80 milioni di dosi

L’annuncio di Donald Trump ha anticipato quello della Food and Drugs Administration (Fda), che non si è ancora espressa ufficialmente in merito all’approvazione del vaccino di Moderna. La decisione dell’ente governativo statunitense, comunque, dovrebbe essere comunicata a breve. Nei giorni scorsi, da un primo rapporto pubblicato dagli esperti della Fda è emerso che il vaccino di Moderna è sicuro ed efficace nel 94,1% dei casi, nonché conforme a tutti i parametri per l’utilizzo di emergenza.

La correzione di Mike Pence

Mike Pence, il vicepresidente degli Stati Uniti, ha corretto la dichiarazione di Trump, precisando che l’approvazione ufficiale del vaccino non è ancora arrivata. “Quando il vaccino di Moderna sarà approvato, e attendiamo il via libera in giornata, saremo in grado di spedirne 5,9 milioni di dosi la settimana prossima”, ha dichiarato. Il vicepresidente ha poi ringraziato pubblicamente Anthony Fauci, immunologo membro della task force della Casa Bianca sul Covid-19. “Stiamo girando l’angolo  e vediamo una luce in fondo al tunnel”, ha concluso Pence.

 

L’efficacia del vaccino di Moderna

Nel report pubblicato negli scorsi giorni, gli esperti della Fda hanno spiegato che la somministrazione di due dosi del vaccino di Moderna (a 28 giorni di distanza l’una dall’altra) si è dimostrata alquanto efficace nel prevenire le infezioni di coronavirus. Dalla revisione dei dati non sono emersi particolari effetti collaterali nelle persone con più di 18 anni. In seguito alla vaccinazione possono verificarsi sintomi come febbre, mal di testa e affaticamento, ma gli esperti della Fda hanno sottolineato che non rappresentano un pericolo per i pazienti. Entro la fine di dicembre, negli Stati Uniti dovrebbero essere distribuite 40 milioni di dosi dei vaccini anti-Covid di Moderna e di Pfizer-BioNTech.

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24