"Un medico": la storia del dottore che ha curato il paziente 1

Salute e Benessere

Raffaele Bruno e Fabio Vitale

copertina

Esce domani in libreria per HarperCollins un libro scritto da Raffaele Bruno con il giornalista di Sky TG24 Fabio Vitale in cui è raccontata la testimonianza diretta da parte di chi si è trovato a dover affrontare la più grande emergenza sanitaria dell'ultimo secolo. Ne anticipiamo un estratto. Il ricavato sarà devoluto in beneficienza ai familiari degli operatori sanitari morti per il Covid

IL PAZIENTE 1

 

 

Tra il 20 e il 21 febbraio si registrano i primi contagi in Italia legati al Covid-19: l’emergenza a questo punto investe anche il nostro paese, dove si registrano centinaia di casi con i focolai principali nel Lodigiano e in Veneto.

 

* * *

 

Dopo quella mail del 21 gennaio il mio ospedale, il policlinico San Matteo di Pavia, non è più lo stesso. Iniziamo a costruire gli argini in vista di una piena eccezionale che, un mese più tardi, non mancherà di arrivare.

Ci ritroviamo in corsia, in ufficio e in riunione più volte al giorno, e in ogni occasione proviamo a immaginare come gestire una potenziale, imminente emergenza. Le notizie dalla Cina non sono rassicuranti, sull’evoluzione della crisi sanitaria a Wuhan si sa poco o nulla; applica re qui da noi misure di chiusura delle città simili a quelle che vengono messe in atto in Asia è inimmaginabile.

Il 27 gennaio è un lunedì come tanti qui a Pavia. Oggi, però, riceviamo una segnalazione singolare. Tra gli studenti dell’ateneo c’è un giovane cinese che di recente si è iscritto a un corso di italiano. È appena tornato da un paesino a pochi chilometri da Wuhan, in questi giorni forse il luogo più nominato al mondo. Il ragazzo dice di stare bene, prova a rassicurare docenti e colleghi. I vertici della nostra università scelgono la strada della prudenza.

Così si presenta da noi al policlinico. Ricostruiamo i suoi spostamenti dall’aeroporto di  Malpensa fino al suo arrivo a Pavia. Lo sottoponiamo al tampone che dà esito negativo. Tiriamo tutti un sospiro di sollievo che, però, durerà poco. Meno di un mese per essere precisi.

approfondimento

Coronavirus, dal primo caso alla pandemia globale: le tappe. FOTO

È venerdì 21 febbraio. Alle undici e mezzo, dopo la riunione del mattino, saluto i miei collaboratori. Stasera è giorno di palestra, ma decido di non pensarci troppo: è ancora presto, è mezzogiorno. Vado al bar a mangiare un panino. Squilla il telefono: «Professore, abbiamo un paziente in Pronto soccorso con febbre alta e difficoltà respiratorie». Okay, panino e palestra dovranno aspettare. Quest’uomo ha fame d’aria, tosse. Decidiamo di ricoverarlo. Dopo appena un paio d’ore la situazione che pensavamo di poter gestire con l’ausilio di ossigeno e di terapia di supporto peggiora. Arriva l’esito del tampone nasale: positivo al Covid-19. Visto il suo quadro clinico non ci sono alternative alla terapia intensiva. Purtroppo non ne uscirà più.

Al mattino, con alcuni colleghi, avevamo commentato la notizia del caso di un italiano positivo al coronavirus a Codogno. Ed è proprio l’ospedale di Codogno, poche ore dopo, a contattare il reparto di Rianimazione: «Potete accogliere un paziente di trentotto anni, febbre

alta e polmonite interstiziale?». Inizia così la storia del paziente 1 a Pavia.

Mattia Maestri è un giovane uomo di trentotto anni. Una delle quindicimila anime racchiuse in un piccolo comune in provincia di Lodi, Codogno. Lavora a dieci minuti di auto da casa, a Casalpusterlengo, in una delle sedi italiane di una multinazionale. Se esistesse una colonna sonora nella vita di ognuno di noi, la sua sarebbe Born to Run di Bruce Springsteen. È nato per correre, partecipa a tutte le maratone regionali, gioca a calcio con gli amici e lo guarda in tv tifando per il suo Milan. La prima volta che Mattia finisce in ospedale è di domenica. Ha febbre alta e, dai primi esami, una lieve polmonite. Viene dimesso, paracetamolo e antibiotico basteranno, o così si pensa. Quattro giorni dopo torna in Pronto soccorso, quando il quadro clinico appare compromesso.

 

Fino a quel momento, le linee guida invitano i sanitari a effettuare il tampone solo ai pazienti che si presume siano venuti in contatto con persone che hanno recentemente frequentato la Cina. Annalisa Malara, rianimatrice nella struttura di Codogno, segue l’istinto e non le linee guida. Fa eseguire il test: Mattia risulta positivo al Covid. Sono le 20 del 20/02/2020. Non sono scaramantico  ma questi numeri mi si sono impressi nella memoria.  Per un attimo mi tornano in mente le parole di un collega vicino alla pensione, era a due passi da me davanti al distributore di bevande, chiacchierava con un altro medico: «Chissà se è vero il detto: anno bisesto anno funesto».

Organizziamo il viaggio in ambulanza da Codogno a Pavia. Con Mattia viaggia il direttore della nostra Rianimazione, Giorgio Iotti, grande esperto di insufficienze respiratorie. Riuscire a gestire un trasporto così delicato non è per niente scontato.

Mancano pochi minuti alle sei del mattino. Al suo arrivo in ospedale mi trovo davanti quel ragazzone disteso su una barella, intubato. Il suo quadro clinico è già molto critico.

È una giornata lunga, infinita. Ormai è chiaro che ci eravamo illusi: pensavamo che il nemico fosse alle porte, e invece era già in casa nostra.

@HarperCollins. Tutti i diritti riservati.

 

Tratto da “Un medico – La storia del dottore che ha curato il Paziente 1”

di Raffaele Bruno e Fabio Vitale (HarperCollins, pagg. 160, euro 17)

approfondimento

Covid, le differenze tra il vaccino di Moderna e quello di Pfizer

RAFFAELE BRUNO è Professore di Malattie Infettive presso l’Università di Pavia e Direttore della Clinica di Malattie Infettive della Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia. È autore di più di 200 articoli originali, pubblicati su riviste internazionali, di due trattati e del dizionario medico Treccani per la parte relativa alle malattie infettive. È membro di numerose società scientifi che. 

 

FABIO VITALE è un giornalista ed è uno dei principali volti di Sky TG24. Conduce confronti tv e speciali in occasione di elezioni italiane ed estere. Ha ideato e condotto format originali realizzando interviste esclusive ai principali protagonisti della scena politica ed economica. È stato inviato in Italia e all’estero. Durante il periodo di lockdown, in piena emergenza Covid, ha ideato e condotto il primo telegiornale trasmesso da casa.  

La copertina del libro

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24