Covid-19: accordo Ue-Gilead per 500mila trattamenti con il Remdesivir

Salute e Benessere

Il contratto di appalto congiunto, a cui partecipano 36 paesi, vale 70 milioni di euro, provenienti dallo strumento di sostegno alle emergenze (Esi) della Commissione

La Commissione europea ha firmato un contratto di appalto congiunto con l’azienda farmaceutica Gilead per la fornitura di 500mila trattamenti con il Remdesivir, l’unico medicinale autorizzato nell'Ue per il trattamento di pazienti affetti da Covid-19 che necessitano di ossigeno. Il contratto, con eventuale opzione al raddoppio della fornitura del medicinale, vale 70 milioni di euro, che saranno presi dallo strumento di sostegno alle emergenze (Esi) della Commissione. 

 

I termini del contratto

 

All'appalto congiunto partecipano 36 Paesi:  tutti gli Stati dell’Unione europea, dello spazio economico europeo, il Regno Unito e sei Paesi candidati all'adesione (Albania, Macedonia del Nord, Montenegro, Serbia, Kosovo e Bosnia Herzegovina). Tutti possono ora procurarsi direttamente il farmaco Veklury, il marchio del Remdesivir. 

Un accordo simile era stato siglato la scorsa estate, quando la Commissione era riuscita ad assicurarsi 33.380 corsi di trattamento di Veklury, distribuiti nell'Ue e nel Regno Unito da agosto. Stella Kyriakides, Commissaria per la salute e la sicurezza alimentare, ha dichiarato: “Oggi garantiamo l'accesso a Remdesivir per il trattamento di un massimo di 500.000 pazienti bisognosi. Non stiamo tralasciando nulla nei nostri sforzi per garantire che siano disponibili terapie sicure ed efficienti contro COVID-19. Attraverso i nostri appalti congiunti dell'UE, stiamo consentendo ai Paesi di tutta Europa di unire le forze e ottenere l'accesso ad attrezzature e medicinali fondamentali. Siamo sempre più forti insieme, e questa è la solidarietà europea in azione contro COVID-19".

Medici ed infermieri nel reparto di terapia intensiva dellÕospedale Policlinico Tor Vergata, in video chiamata durante lÕemergenza per il Covid-19 Coronavirus, Roma, 11 aprile 2020. ANSA/ANGELO CARCONI
Z4Z

Remdesivir: autorizzazione Ue per trattamento Covid-19

approfondimento

Influenza aviaria, Unione Europea in allerta per nuove epidemie

 

Lo scorso luglio, la Commissione europea ha autorizzato il medicinale Remdesivir per il trattamento contro Covid-19. Il via libera dall’Ue è arrivato circa una settimana dopo la raccomandazione dell'Agenzia europea per i medicinali (Ema), che si occupa dei medicinali umani, e l’approvazione parte degli Stati membri. L’Ema aveva raccomandato l'approvazione condizionata all'immissione in commercio del remdesivir per il trattamento del Covid-19 in adulti e adolescenti dai 12 anni di età con polmonite che richiede il supporto respiratorio. La Commissaria per la salute e la sicurezza alimentare, Stella Kyriakides, aveva commentato: “La rapida autorizzazione del medicinale Remdesivir indica la determinazione dell'Ue a rispondere rapidamente ogni volta che diventano disponibili nuovi trattamenti. Non lasceremo nulla di intentato nei nostri sforzi per garantire trattamenti efficienti o vaccini contro il coronavirus”. 

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24