Coronavirus, risultati contrastanti con Remdesivir: Fda verso l'ok per uso in emergenza

Salute e Benessere

Mentre due trial clinici hanno dimostrato l’efficacia del medicinale nei pazienti con Covid-19, un altro studio, pubblicato per errore dall’Oms, non ha portato a dei risultati altrettanto incoraggianti. E la FDA, va verso l'autorizzazione

L’azienda farmaceutica Gilead Sciences ha reso noto che il suo farmaco antivirale Remdesivir ha contribuito a ridurre i tempi di ripresa dei pazienti con Covid-19, soprattutto quando è stato somministrato nelle prime fasi dell’infezione. Questa dichiarazione non sembra combaciare appieno coi risultati di alcuni studi pubblicati nelle ultime settimane, che hanno evidenziato risultati contrastanti nell’efficacia di Remdesivir contro il coronavirus Sars-CoV-2 (segui la DIRETTA di Sky TG24). Come spiega Reuters, Gilead ha fornito informazioni su due trial clinici attualmente in corso: uno di essi, condotto dal National Institute of Allergy and Infectious Diseases (Niaid), ha dimostrato l’efficacia del farmaco nell’aiutare i pazienti affetti da Covid-19. Intanto però, come scrive il New York Times, la FDA, l’agenzia governativa statunitense che si occupa della sicurezza di cibi e farmaci, dovrebbe annunciare a breve la sua autorizzazione per l’uso del farmaco antivirale per il trattamento di alcuni pazienti con affetti da Covid-19.

I risultati dei trial clinici

I risultati del trial clinico saranno disponibili verso la metà di maggio e permetteranno di confrontare il recupero dei pazienti a cui è stato somministrato Remdesivir con quello dei soggetti che non hanno ricevuto il farmaco. Gilead ha anche fornito i risultati di un altro studio condotto in dozzine di centri medici, nel quale gli effetti del medicinale non sono stati confrontati con quelli di un placebo. L’azienda farmaceutica spiega che in questo secondo trial clinico il 62% dei pazienti che è stato curato con Remdesivir nelle prime fasi dell’infezione è stato dimesso dall’ospedale, mentre solo il 49% dei soggetti a cui è stato somministrato il farmaco in un secondo momento ha abbandonato la struttura. In totale, 397 pazienti con Covid-19 sono stati coinvolti nello studio.

La bozza dello studio pubblicata per errore dall’Oms

I risultati dei trial clinici non combaciano con quelli di uno studio pubblicato, per errore, dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) la scorsa settimana sul proprio sito ufficiale. Secondo questa ricerca, Remdesivir non è stato in grado di migliorare le condizioni dei pazienti a cui è stato somministrato o di ridurre la presenza del coronavirus nel flusso sanguigno. Secondo Gilead i risultati ottenuti sono stati inconcludenti perché lo studio è stato interrotto troppo presto. Un portavoce dell’Oms ha spiegato che gli autori della ricerca hanno inviato una prima bozza all’Organizzazione che l’ha pubblicata per sbaglio sul proprio sito, per poi ritirarla una volta notato l’errore. 

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.