Coronavirus, la maschera da sub di Decathlon diventa un respiratore

Salute e Benessere

La startup Isinnova ha realizzato alcuni prototipi, attualmente in fase di test presso due ospedali bresciani. L’azienda genovese Mestel Safety Srl, invece, si sta preparando per la produzione di dispositivi di protezione individuale basati sulle sue maschere da sub

Per sopperire alla scarsità di dispositivi di protezione individuale, come le ormai introvabili mascherine FFP3, due aziende italiane, una genovese e una bresciana, hanno deciso di trasformare le maschere da snorkeling o da sub in dei respiratori da utilizzare negli ospedali. Questa soluzione potrebbe aiutare il personale sanitario ad affrontare meglio l'emergenza dovuta alla diffusione del coronavirus Sars-CoV-2 (segui la DIRETTA di Sky TG24). Per quanto simili, le idee delle due aziende presentano delle differenze ed entrambe sono state brevettate.

Il progetto di Mestel Safety Srl

L’azienda genovese Mestel Safety Srl ha deciso di trasformare le proprie maschere integrali da snorkeling, commercializzate sotto il brand Ocean Reef, in maschere protettive da indossare in ospedale o a casa. Come spiega il direttore marketing Luca Gamberini, la società ha depositato un brevetto per un adattatore che possa accogliere filtri a vite P3, multiuso o respiratori. “I primi prototipi sono stati realizzati nelle scorse tre settimane, all’interno della sede genovese, con una stampante 3D. Una prima fornitura di 1.000 pezzi sarà stampata in 3D dalla HP in Lombardia. Lo stampo vero e proprio, con una capacità produttiva di 1.000 pezzi al giorno, dovrebbe essere pronto entro il 31 marzo”, chiarisce Gamberini. Se tutto andrà come previsto, entro aprile il brevetto della Mestel Safety Srl potrebbe quindi trasformarsi in un prodotto potenzialmente di larga diffusione.

Una maschera con più funzioni

Sul mercato mondiale sono presenti più di 1,25 milioni di maschere da snorkeling della Ocean Reef. Convertirle in dispositivi di protezione individuale potrebbe aiutare molte persone a proteggersi dal contagio del coronavirus Sars-CoV-2. “L’adattatore è già pronto per essere modificato per adattarsi a tantissime altre maschere da snorkeling full-face (gran facciali), come la Easybreath della Decathlon, per la quale abbiamo già disegno e prototipi, e molte altre, portando il numero di dispositivi, già presenti nelle case di molte persone a un numero davvero elevato”, aggiunge Gamberini. “Abbiamo cercato di rendere l’adattatore adeguato a molteplici utilizzi: oltre a connetterlo ai respiratori, è anche possibile utilizzarlo privatamente, come una sorta di via di mezzo tra una FFP3 e una maschera”, prosegue il direttore marketing di Mestel Safety. “Le maschere possono essere igienizzate dopo l’uso, quindi non sono prodotti usa e getta, e proteggono molto bene naso, bocca e occhi”, sottolinea Gamberini.

Le maschere per la respirazione di Isinnova

Oltre a Mestel Safety, anche la startup bresciana Isinnova ha pensato di utilizzare le maschere da snorkeling per affrontare l’attuale emergenza sanitaria. Il team le ha riadattate in maschere per la respirazione da utilizzare negli ospedali, realizzando dei primi prototipi che attualmente sono in fase di test presso due nosocomi bresciani. Per rendere possibile il raccordo al respiratore, gli specialisti hanno progettato un nuovo componente chiamato valvola Charlotte, che è stato prontamente brevettato per impedire eventuali speculazioni sul suo prezzo. "È encomiabile il lavoro fatto dalla Isinnova, che ha sviluppato un'idea molto simile alla nostra, ma con diversa applicazione”, commenta Gamberini. “In questo momento di crisi è importante unire le forze”. Isinnova ha dato il via al progetto su suggerimento di Renato Favero, un ex primario dell’ospedale di Gardone Val Trompia, che ha condiviso con l’azienda le proprie idee su un modo per far fronte alla scarsità di maschere C-Pap ospedaliere per terapia sub-intensiva. 

<iframe width="580" height="325" src="https://www.youtube.com/embed/w4Csqdxkrfw" frameborder="0" allow="accelerometer; autoplay; encrypted-media; gyroscope; picture-in-picture" allowfullscreen></iframe> 

Salute e benessere: Più letti