Coronavirus, Galli: “In terapia intensiva anche 30enni. Pochi casi, non c’è proporzione”

Salute e Benessere

Il primario infettivologo dell’Ospedale Sacco, in un’intervista a Sky Tg24, ha chiarito la situazione delle strutture ospedaliere di fronte all’emergenza sanitaria causata dal coronavirus, commentando anche alcune delle misure adottate dal decreto

Di fronte all’emergenza sanitaria causata dal coronavirus (LE ULTIME NOTIZIE IN DIRETTA), le strutture ospedaliere italiane si stanno attivando per riuscire a gestire efficacemente i contagi e a garantire le cure necessarie a tutti i pazienti che contraggono covid-19. Ma qual è la situazione nelle terapie intensive degli ospedali delle zone a rischio? Massimo Galli, primario infettivologo dell’Ospedale Sacco di Milano, in un’intervista a Sky Tg24, oltre a chiarire la situazione delle strutture ospedaliere, si è espresso in merito ad alcune delle misure adottate dal decreto. (Tutte le fasce d’età contribuiscono alla propagazione: l’analisi dell’Iss)

Ci sono giovani in rianimazione nei vostri reparti?

“Non lo dico per far sì che i giovani capiscano che non possono considerare gli anziani di casa loro come qualcosa che tanto si può buttare. Dico che ci sono anche dei giovani con problemi decisamente seri. Abbiamo anche dei trentenni, anche sotto i trent’anni. Pochi casi, non c’è proporzione ovviamente. Abbiamo casi anche in rianimazione”.

Che numeri ci dobbiamo aspettare?

“Più informazioni di me le ha chi ha la visione dei dati a livello centrale. Seguendo i dati dall’esterno, mi viene da dire che purtroppo siamo solo all’inizio. La nostra situazione di giovedì, venerdì scorso era più o meno identica, dal punto di vista numerico, alla situazione di Wuhan in 25-26 gennaio. Naturalmente la condizione è molto diversa per un motivo: a Whuan la concentrazione di 11 milioni di persone è in un’area molto più ristretta dell’area della Lombardia, che ne ha dieci molto più dispersi, ma la possibilità di diffusione dell’infezione, se non ti dai da fare a fermarla, è una possibilità reale”.

Com’è la situazione nelle terapie intensive?

“Noi siamo in una condizione relativamente privilegiata. L’intero mio reparto è stato trasformato in un reparto di rianimazione. Stiamo estendendo i letti necessari in altre parti dell’ospedale. Eravamo più preparati proprio perché istituzionalmente eravamo addestrati per questo tipo di possibile emergenza.
Le altre situazioni sono molto più in difficoltà della nostra, da tantissimi punti di vista”.

Condivide le misure che sono state adottate dal decreto? Cosa pensa riguardo la decisione di aver tolto la zona rossa a Codogno?

“Una sciocchezza anche ai danni delle stesse persone di Codogno. Non sono state completate per niente le cose che andavano completate a Codogno anche in termini di indagine epidemiologica. A differenza di quello che è stato fatto nelle zone del Veneto, dove sono stati fatti tamponi a tappeto, a Codogno questa cosa non è avvenuta abbastanza, quindi non sappiamo quante siano ancora le persone che hanno avuto o che hanno l’infezione a livello asintomatico. Il primo caso visto a Codogno risale soltanto al 21 febbraio fate un po’ i calcoli e vedete se vi può sembrare che quella sia una situazione ancora da considerare libera, nei confronti di sé stessa e per il resto della Lombardia”.

Se glielo avessero chiesto cosa avrebbe suggerito riguardo le misure adottate in Lombardia e nelle altre 14 provincie?

“Normalmente non me lo chiedono, è chiaro che nessuno per una questione come questa ha le soluzioni in tasca, pronte e sicure, però secondo me abbiamo due enormi criticità. La prima criticità chiaramente è quella degli ospedali e della ricezione della possibilità di cura in condizione sicure delle persone che hanno bisogno di entrare in ospedale con questa malattia. La seconda criticità è il territorio. Se non saremo in grado di monitorare con chiarezza i contatti delle persone che si sono ammalate, se non saremo in grado di seguire questi contatti e se non avremo garanzie precise in termini di controllo di coloro che vengono lasciati a casa anche se positivi perché non necessitano di ricovero, sarà estremamente difficile contenere il controllo nella zona gialla rossa o come vuole chiamarla che di fatto in questo momento tiene una parte essenziale e sostanziale del Paese dal punto di vista economico, della popolazione e del futuro del Paese”. 

Avete notizie di recidive? 

“C’è qualche segnalazione non in Italia che io sappia di fenomeni di questo genere, che sono più che altro legati a un errore di diagnosi finale. Sono persone non guarite, che sono uscite e hanno manifestato una recidiva”. 

Salute e benessere: Più letti