Gran Bretagna, il vaccino contro il colesterolo inclisiran ai test sui pazienti nel 2020

Salute e Benessere

Il farmaco chiamato inclisiran, simile a un vaccino poiché iniettato due volte all’anno, può dimezzare il colesterolo in poche settimane. Grazie a un accordo tra Nhs e Novartis nel 2020 inizieranno i test su 40.000 pazienti per confermare gli effetti già osservati 

Non solo le due mele al giorno, come suggerito recentemente. Per combattere il colesterolo i pazienti potrebbero presto ricorrere a una sorta di vaccino messo a punto tramite una collaborazione che include l’azienda farmaceutica Novartis e il sistema sanitario britannico (Nhs). Entro la fine dell’anno le capacità del farmaco, chiamato inclisiran, saranno testate in uno studio clinico su larga scala per ribadire i risultati già ottenuti dai primi test che, se confermati, avrebbero l’effetto di salvare 30.000 vite in 10 anni, grazie a un approccio rivoluzionario per ridurre il rischio di malattie cardiache, come spiega l’Università di Oxford che ha partecipato alla collaborazione.

Uk, farmaco per ridurre colesterolo al test sui pazienti

È a base di inclisiran il nuovo trattamento per abbassare il colesterolo che verrà testato sui pazienti britannici nel corso del 2020. Simile a un vaccino, il medicinale viene somministrato tramite due iniezioni all’anno, che stando ai risultati dei test preliminari avrebbero l’effetto di dimezzare il colesterolo cattivo in appena due settimane. L'abbassamento di questo valore sortirebbe importanti effetti sulle malattie cardiache, tra le principali cause di morte nel Regno Unito, ma non solo. L’Univeristà di Oxford stima che su un periodo di 10 anni, somministrare l’inclisiran a 300.000 pazienti all’anno potrebbe aiutare a evitare circa 55.000 ictus e infarti, salvando potenzialmente 30.000 vite.

Inclisiran, come agisce il vaccino contro il colesterolo

Grazie a un accordo tra l’azienda Novartis e il National Health System, i test del vaccino contro il colesterolo che saranno avviati nel 2020 coinvolgeranno 40.000 pazienti. L’inclisiran agisce silenziando un gene chiamato PCSK9, responsabile di un maggiore assorbimento di colesterolo cattivo da parte del fegato. Questo trattamento è risultato efficace anche nei soggetti nei quali le statine, diffuse oggigiorno per ridurre il colesterolo, sembravano non avere effetti. Secondo John Bell, professore dell’Università di Oxford, “la scoperta e lo sviluppo di inclisiran segnano un cambiamento importante nell’approccio delle soluzioni farmaceutiche per la salute pubblica”.

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.