Ritrovato in Germania manoscritto di Nostradamus rubato quasi 20 anni fa a Roma

Lazio
©Ansa

L’opera, di circa 500 pagine scritte interamente in latino e intitolata “Profetie di Michele Nostradamo”, risale al XVI secolo e si trovava in Germania, dove era finita nel catalogo di una casa d’aste dopo essere passata anche attraverso i mercatini delle pulci di Parigi

ascolta articolo

Dopo quasi vent’anni, è stato ritrovato un libro manoscritto autografo di Michel de Nostredame, meglio noto come Nostradamus, trafugato dalla Biblioteca del Centro per gli studi storici dell’ordine generalizio dei Barnabiti di Roma. L’opera, di circa 500 pagine, contenente profezie scritte interamente in latino, risale al XVI secolo e si trovava in Germania, dove era finita nel catalogo di una casa d’aste dopo essere passata anche attraverso i mercatini delle pulci di Parigi. Il libro è stato restituito ieri al legittimo proprietario anche grazie all’intervento dei carabinieri del nucleo Tutela Patrimonio culturale, in accordo con il Ministero della Cultura e coordinati dal pm Francesco Marinaro.

L’indagine

leggi anche

Roma, donna cade e danneggia opera Guido Reni alla Galleria Borghese

Il volume, intitolato “Profetie di Michele Nostradamo”, presentava il timbro a inchiostro della biblioteca dei Santissimi Blasi e Cairoli de Urbe, un altro ente ecclesiastico che nel 1991 è confluito nel Centro dei Barnabiti. È grazie a questo particolare che è stato possibile rintracciare il manoscritto: essendo un bene culturale, infatti, di fronte all’evidenza del timbro l’autorità tedesca ha disposto il sequestro, su richiesta della procura di Roma. Dalle indagini è emerso che il manoscritto era finito anche sulla bancarella di un mercatino a Parigi, per poi arrivare nella casa d’aste tedesca. Il prezzo di partenza era di circa 12 mila euro, anche se il suo valore era molto più alto. “Può facilmente triplicare durante l’asta. Un collezionista potrebbe anche arrivare a spendere 50mila euro per un volume del genere, così pregiato”, le dichiarazioni di un esperto riportate dal Messaggero.

La restituzione

Dopo essere stato trasportato a Berlino, gli esperti dell’archivio di Stato tedesco hanno analizzato il libro e hanno stabilito che si tratta di un’opera originale, la stessa che era stata trafugata a Roma. La sparizione era stata denunciata nel 2007, ma l’epoca della scomparsa non è certa e si ritiene che possa essere precedente. Il manoscritto è stato consegnato all’ambasciatore italiano, Armando Varricchio, dal ministro della Cultura, Claudia Roth, insieme a un dipinto di Agostino Tassi e a una miniatura che fa parte di un messale cinquecentesco di Ludovico da Romagnano, rubato dagli archivi della Curia Vescovile di Torino nel 1990.

Roma: I più letti