Papa Francesco: "Caporalato? Dignità calpestata dal lavoro schiavo"

Lazio
©Ansa

"Persino la letteratura, pane delle anime, espressione che eleva lo spirito umano, è ferita dalla voracità di uno sfruttamento che agisce nell'ombra, cancellando volti e nomi", scrive il Pontefice

"Lei non pone una domanda oziosa, perché in gioco c'è la dignità delle persone, quella dignità che oggi viene troppo spesso e facilmente calpestata con il 'lavoro schiavo', nel silenzio complice e assordante di molti". Cosi il Pontefice, in una lettera pubblicata su La Stampa risponde all'interrogativo lanciato dallo scrittore Maurizio Maggiani che aveva dichiarato "vale la pena produrre la bellezza grazie agli schiavi?", in riferimento all'inchiesta sul caporalato a Grafiche Venete.

La lettera

"Persino la letteratura, pane delle anime, espressione che eleva lo spirito umano, è ferita dalla voracità di uno sfruttamento che agisce nell'ombra, cancellando volti e nomi - scrive il Papa - ebbene, credo che pubblicare scritti belli ed edificanti creando ingiustizie sia un fatto di per sé ingiusto. E per un cristiano ogni forma di sfruttamento è peccato". Quindi lancia l'appello "sono tanti gli umiliati e gli offesi di oggi, ma chi dà a loro voce? Chi li rende protagonisti, mentre soldi e interessi spadroneggiano? La cultura non si lasci soggiogare dal mercato". Papa Francesco rivolgendosi a Maggiani dice "ha messo nero su bianco la voce scomoda della coscienza. Di questo abbiamo bisogno, di una denuncia che non attacchi le persone, ma porti alla luce le manovre oscure che in nome del dio denaro soffocano la dignità dell'essere umano".

Roma: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24