Euro 2020, prefetto di Roma: "Festa su bus non era prevista". Figc: "Scelta condivisa"

Lazio

Secondo Piantedosi durante un incontro la Figc ha chiesto "di consentire agli atleti della Nazionale di fare un giro per Roma su un autobus scoperto, ma è stato spiegato chiaramente che non era possibile". Il presidente della federazione calcistica, Gabriele Gravina, in una nota ha parlato invece di una "scelta condivisa con le istituzioni"

Il permesso per festeggiare la vittoria dell’Italia campione d'Europa (I MOMENTI CLOU - LA CAVALCATA AZZURRA - LA GIOIA DEI TIFOSI) sull’autobus scoperto nelle vie di Roma era stato "negato", ma i patti "non sono stati rispettati". Lo sostiene il prefetto di Roma, Matteo Piantedosi, in un'intervista al Corriere della Sera. Il presidente della Figc, Gabriele Gravina, in una nota ha parlato invece di una "scelta condivisa con le istituzioni".

Il prefetto: "Permesso per festa col bus era stato negato"

Secondo quanto sostiene Piantedosi il 9 luglio, due giorni prima della partita, è stato convocato un comitato per l’ordine e la sicurezza in cui lo stesso prefetto aveva  "concordato la linea con la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese e con il capo della polizia Lamberto Giannini". Durante l'incontro la Figc ha chiesto "di consentire agli atleti della Nazionale di fare un giro per Roma su un autobus scoperto, ma è stato spiegato chiaramente che non era possibile". L'alternativa doveva essere "una pedana da montare in piazza del Popolo, in pieno centro a Roma, dove far salire i giocatori che in questo modo potevano festeggiare con i tifosi". Poi nel primo pomeriggio di lunedì secondo il prefetto ci sono stati "altri contatti diretti con lo staff della Figc che ha rinnovato la richiesta di poter utilizzare l’autobus scoperto. Abbiamo spiegato a tutti che le valutazioni non erano cambiate. Ci avevano assicurato che il trasferimento sarebbe avvenuto con un autobus coperto. Invece poco dopo l’uscita dal Quirinale si è aggregato un autobus scoperto con la livrea e le scritte dedicate ai campioni d’Europa".

"Vietare il corteo avrebbe creato problemi"

Piantedosi ha poi spiegato che a quel punto "c’erano migliaia di persone in attesa del giro in autobus, vietarlo avrebbe potuto creare problemi di ordine pubblico". Sul coinvolgimento di alcuni calciatori il prefetto ha affermato che "Chiellini e Bonucci hanno rappresentato con determinazione il loro intendimento al personale in servizio d’ordine. A quel punto non si è potuto far altro che prendere atto della situazione e gestirla nel miglior modo possibile". 

Gravina: "Scelta condivisa con le istituzioni"

"Non è nostra intenzione alimentare ulteriori polemiche, perché non vogliamo trasformare un momento di gioia nazionale in un argomento di divisione - afferma il presidente della Figc, Gabriele Gravina, in una nota -. La Figc è sempre stata responsabile, ma soprattutto rispettosa delle istituzioni e dei tifosi italiani". Nella nota Gravina spiega che "all'arrivo davanti Palazzo Chigi" la Figc ha reiterato "la richiesta, a questo punto condivisa dalle istituzioni, per un breve tragitto con il bus scoperto".

Roma: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24