Roma-Reggio Calabria in treno in 3 ore e 40 minuti: il progetto di Rfi

Lazio
©Ansa

Si passerà a quella durata, dalle attuali cinque ore, grazie al prolungamento della linea ad alta velocità oltre Salerno. Rfi ha confermato che entro giugno 2022 saranno completati tutti i progetti di fattibilità dell’opera inserita all’interno del Recovery Plan

Dalle attuali cinque ore a tre ore e 40 minuti per andare da Roma a Reggio Calabria, grazie al prolungamento, oltre Salerno, della linea ad alta velocità. Rfi fa il punto in commissione Lavori pubblici al Senato sulla Salerno-Reggio Calabria, opera inserita all'interno del Recovery Plan, confermando che entro giugno 2022 saranno completati tutti i progetti di fattibilità.

L’opera

Saranno 445 chilometri divisi in sette lotti funzionali, con la possibilità di ridurre il tempo di percorrenza a quattro ore già al completamento dei lavori dei primi due lotti che costituiscono l'opera. Proprio riguardo i primi due lotti l'amministratore delegato di Rfi, Vera Fiorani, ha spiegato che i relativi progetti di fattibilità "saranno ultimati entro fine 2021". Sull'inizio dei lavori al momento nessuna data, ma la scadenza del 2025 per l'utilizzo delle risorse del Recovery Plan, unitamente all'inserimento della Sa-Rc tra le opere che seguiranno le procedure semplificate previste dal decreto Semplificazioni, potrebbero incidere sulla velocità di realizzazione dell'opera. La rete in progettazione, ha spiegato Fiorani, "sarà ad alta velocità e non ad alta capacità. I treni viaggeranno a una velocità fra i 250 e i 300 chilometri orari, con un solo punto vicino a Praia dove la velocità scende a 160 chilometri orari". Costo complessivo stimato della tratta 22,8 miliardi.

Il ponte sullo Stretto di Messina

Il Ponte sullo Stretto di Messina, tanto discusso, è intanto ritornato negli ultimi mesi dentro il dibattito politico. "La possibilità di costruire il ponte sullo Stretto di Messina non rientra per ora nelle priorità di investimento" dell'Italia ma, fanno sapere all'Ansa fonti di Bruxelles, "le autorità italiane hanno informato di recente la Commissione del fatto che al momento sono allo studio diverse possibilità per l'attraversamento dello stretto di Messina". Ci sarebbe insomma uno spiraglio di concretezza, ma una decisione in questo senso non potrà non tener conto, prima di tutto, della fattibilità del progetto in termini di sicurezza e impatto ambientale. Le stesse fonti Ue osservano infatti come la realizzazione del ponte richieda "una valutazione completa dei costi e dei benefici ambientali e socioeconomici, tenendo pienamente conto dei rischi sismici". Quanto al mancato inserimento nel Pnrr, le fonti spiegano che il regolamento sulla governance del Recovery Fund "prevede l'ammissibilità dei progetti tra febbraio 2020 e agosto 2026". Era quindi "fondamentale per l'Italia inserire nel Piano solo investimenti e riforme che potessero essere completati in questo lasso di tempo".

Roma: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.