Covid Roma, Spallanzani: 224 ricoverati, finora 2.330 dimessi

Lazio
©Ansa

Sono 36 i pazienti ricoverati in terapia intensiva. È quanto emerge dal bollettino odierno dell'istituto romano. Nella Capitale i contagi sono a quota 500

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi a Roma

 

In questo momento sono ricoverati allo Spallanzani di Roma 224 pazienti positivi al tampone per la ricerca Sars-CoV-2. Sono 36 i pazienti ricoverati in Terapia Intensiva. I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali sono a questa mattina 2.330. Nella Capitale i casi sono a quota 500. (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - MAPPE E GRAFICI DEL CONTAGIO).

19:05 - Sandra Milo scende in piazza con partite Iva

Oltre un migliaio di titolari di partite Iva e ristoratori provenienti da tutta Italia scenderanno in piazza domani alle 11 a Roma per sensibilizzare il governo "sulle difficili e non più sopportabili condizioni nelle quali si trovano gli oltre 5.300.000 titolari di Partite Iva". In piazza del Popolo con loro, in veste di madrina, ci sarà anche la conduttrice tv e attrice, Sandra Milo. L'iniziativa è stata promossa dall'ex senatore di Forza Italia, Eugenio Filograna, presidente di Autonomi e Partite Iva. I ristoratori in protesta cucineranno anche nella piazza romana per offrire qualche piatto a tutti.

17:00 - A Roma contagi a quota 500

Oggi su oltre 13 mila tamponi nel Lazio (+5.989) e oltre 23 mila antigenici per un totale di oltre 37 mila test, si registrano 1.081 casi positivi (-39), 47 i decessi (+4) e +1.801 i guariti". Così l'assessore regionale alla Sanità, Alessio D'Amato. "Diminuiscono i casi e le terapie intensive, mentre aumentano i ricoveri e i decessi. Il rapporto tra positivi e tamponi è a 8%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale è al 2% - prosegue D'Amato -. I casi a Roma città sono a quota 500”.

14:20 - Asl Roma 6, da domani somministrazione monoclonali

Da domani la ASL Roma 6 entra a far parte delle 13 strutture identificate dalla Regione Lazio per la somministrazione degli Anticorpi monoclonali (MAbs) anti-SARS-CoV-2 a pazienti positivi all'esordio della malattia con sintomi lievi-moderati e specifici fattori di rischio. Lo rende noto la Asl. "Nell'ultimo anno - afferma il direttore generale Narciso Mostarda - la pandemia ha messo a dura prova la tenuta delle strutture ospedaliere che si sono trovate ad affrontare un marcato aumento delle ospedalizzazioni e dell'intensità delle cure a causa del COVID-19. Ciò ha determinato la creazione di posti letto dedicati che hanno inevitabilmente ridotto le risorse per le altre patologie, con squilibri nella gestione di malattie croniche, acute e nella diagnosi precoce di malattie severe. La situazione di emergenza creatasi ha spinto la ricerca scientifica a concentrarsi su due fronti: la prevenzione con lo sviluppo dei vaccini e la terapia con farmaci che potessero essere utili a evitare la progressione della malattia verso una forma severa troppo spesso a rischio vita. Gli studi effettuati finora, seppur preliminari, suggeriscono che l'utilizzo dei MAbs anti-SARS-CoV-2 in contesti precoci sia associato alla riduzione del numero di ospedalizzazioni, visite e accessi in Pronto Soccorso (PS)". Con l'attivazione del Centro per la somministrazione degli Anticorpi monoclonali l'Ospedale dei Castelli entra a far parte di un network di Istituti di Ricerca e di Università - aggiunge la Asl - che partecipano alla fase iniziale della somministrazione di cure innovative per la popolazione. In questo modo la ASL Roma 6 afferma ancora una volta il proprio impegno a portare le cure al domicilio del paziente".

13:48 - Commercianti e operatori turismo in piazza, ora sostegni

Manifestazione stamattina in piazza Montecitorio di commercianti e operatori del turismo afferenti alla Confesercenti. "Il tessuto delle micro e piccole imprese del turismo e del commercio di Roma pagano il tributo più alto alla pandemia: chiuse oltre 20mila imprese da quando è scoppiata l'emergenza sanitaria - ha affermato Valter Giammaria, Presidente della Confesercenti di Roma e del Lazio- . Rivolgiamo l'appello al Governo ed ai parlamentari: si deve intervenire con reali ed efficaci sostegni, un forte alleggerimento fiscale, aprire le linee di credito e soprattutto far ripartire il lavoro, facendo riaprire in sicurezza le attività. Non c'è più tempo: servono interventi urgenti o le chiusure e i disoccupati saranno ancora migliaia". Questo è l'appello che dalla piazza, dove la Confesercenti di Roma e del Lazio ha organizzato un presidio. "Oggi in tutto il Paese la Confesercenti ha mobilitato le imprese unite con un solo slogan e con le stesse richieste sulle quali abbiamo chiesto il sostegno diretto delle imprese attraverso una petizione" precisa il Presidente Confesercenti Giammaria aggiungendo "sui sostegni chiediamo un contributo una tantum automatico calcolato percentualmente sulla base del contributo già previsto dal Decreto Sostegni che garantisca un immediato sostegno in termini di liquidità alle imprese e professionisti in profonda crisi finanziaria. Un sostegno reale per tutte le imprese italiane danneggiate dalla crisi".

10:54 - Spallanzani: 224 ricoverati, finora 2.330 dimessi

In questo momento sono ricoverati allo Spallanzani di Roma 224 pazienti positivi al tampone per la ricerca Sars-CoV-2. Sono 36 i pazienti ricoverati in Terapia Intensiva. I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali sono a questa mattina 2.330.

10:44 - Serviva clienti a bancone, chiuso Roxy bar a Roma

Chiuso dalla polizia per 5 giorni un bar all'Anagnina, alla periferia di Roma, per violazione delle norme anti-Covid. Secondo quanto si apprende, si tratta del "Roxy Bar" teatro di un raid dei Casamonica il giorno di Pasqua del 2018 quando furono aggrediti un cliente disabile e il marito della titolare. Nella tarda mattina di ieri una pattuglia della polizia ha notato che sulla soglia di un bar, non distante dal capolinea della metro A, tre uomini stavano bevendo delle birre e , alla vista dei poliziotti, hanno abbandonato rapidamente bicchieri e bottiglie e sono fuggiti. A quanto reso noto, gli agenti del commissariato Romanina, diretto da Moreno Fernandez, hanno proceduto al controllo dell'attività commerciale trovando all'interno del bar due clienti che stavano al bancone. La titolare del bar è stata sanzionata ed è stata applicata la chiusura dell'esercizio commerciale per cinque giorni.

10:23 - Serviva clienti al bancone, chiuso bar all'Anagnina

Chiuso dalla polizia per 5 giorni un bar all'Anagnina, alla periferia di Roma, per violazione delle norme anti-Covid. Nella tarda mattina di ieri una pattuglia della polizia ha notato che sulla soglia di un bar, non distante dal capolinea della metro A, tre uomini stavano bevendo delle birre e , alla vista dei poliziotti, hanno abbandonato rapidamente bicchieri e bottiglie e sono fuggiti. Gli agenti del commissariato Romanina, diretto da Moreno Fernandez, hanno proceduto al controllo dell'attività commerciale trovando all'interno del bar due clienti che stavano al bancone. La titolare del bar è stata sanzionata ed è stata applicata la chiusura dell'esercizio commerciale per cinque giorni. 

7:27 - A Roma contagi a quota 700

I casi a Roma sono a quota 700 mentre in tutto il Lazio su 12.439 test effettuati si registrano 1.120 casi positivi, 43 decessi e 727 guariti. "Diminuiscono i casi, mentre aumentano i ricoveri e i decessi. Stabili le terapie intensive" ha spiegato l'assessore regionale alla Sanita, Alessio D'Amato. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 14%, ma se si considerano anche gli antigenici la percentuale scende al 9%. I ricoverati con sintomi sono 3.240, quelli in terapia intensiva 396.

Roma: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.