Coronavirus Roma, Spallanzani: "110 pazienti ricoverati, 482 dimessi"

Lazio
©Fotogramma

Il bollettino medico dell'Istituto si legge che tra i degenti nella struttura "46 sono casi confermati Covid-19, di cui 35 attualmente positivi al tampone, 64 sottoposti a indagini, 4 pazienti necessitano di supporto respiratorio"

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi a Roma

 

Allo Spallanzani di Roma sono ricoverati "110 pazienti. Di questi 46 sono casi confermati Covid-19, di cui 35 attualmente positivi al tampone, 64 sottoposti a indagini, 4 pazienti necessitano di supporto respiratorio. I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali, sono 482". È quanto emerge dal bollettino medico dell'Istituto. (DIRETTA)

19:50 - Vaia (Spallanzani): "Su scuola serve grande alleanza"

"Serve una grande alleanza per la scuola. Il Paese ha preso consapevolezza che sta uscendo dalla emergenza e vuole riprendere in mano la propria vita. Condivisibile e da favorire con ogni mezzo. Salvo sporadici e deprecabili casi, tutti hanno applicato le regole con severità e serenità . Adesso, si riapra veramente tutto". Così il direttore sanitario dello Spallanzani, Francesco Vaia, in un post su Facebook. "Guardiamo alla scuola, di ogni ordine e grado. Va riaperta ma serve una grande alleanza - ha aggiunto - La sanità pubblica faccia il grande sforzo di screenare tutto il personale, docente e non docente, attraverso una campagna di approfondimento diagnostico, creando una bolla intorno ad essi e dando così certezza e serenità ai genitori. La politica, tutta, smetta di litigare e investa, stavolta per davvero, massicciamente in un piano nazionale straordinario che aumenti le disponibilità delle aule e ne migliori la qualità e gratifichi di più, anche economicamente, le professionalità alle quali affidiamo i nostri figli e nipoti. La scuola torni ad essere il tabernacolo del nostro futuro, la fucina del buon cives - ha concluso Vaia -. Ripartiamo dalla scuola per far ripartire il Paese. Noi faremo la nostra parte".

18:38 - Raggi: "Alla stazione Termini progetto Dottor Binario per senzatetto"

"All'interno del Polo Sociale di Roma Termini, finanziato dall'amministrazione Capitolina e gestito da Binario 95, ha preso il via 'Dottor Binario', il progetto pilota di prevenzione sanitaria per il coronavirus rivolto alle persone senza fissa dimora - ha spiegato su Facebook la sindaca di Roma, Virginia Raggi -. L'attenzione per chi si trova in condizioni di estrema fragilità è per noi una priorità assoluta. Dall'inizio dell'emergenza sanitaria, infatti, non ci siamo mai fermati. Abbiamo convertito le strutture notturne in punti d'accoglienza h24, abbiamo aperto spazi per ospitare senza fissa dimora in quarantena. Con l'avvio di questo progetto compiamo un ulteriore passo in questa direzione. L'obiettivo è monitorare la situazione sanitaria, confermare la negatività al virus e, in caso di positività - ha concluso - attivare tutte le procedure necessarie per tutelare l'intera comunità".

13:50 - Roma, chiusi tre locali della movida per assembramento

Tre locali sono stati chiusi a Roma per la presenza massiccia di persone all'esterno che aspettavano di entrare, creando forti assembramenti ed impedendo di fatto l'osservanza delle regole atte a limitare il contagio da Coronavirus. Per evitare assembramenti generati dalla movida un presidio fisso di agenti è stato necessario sulla scalea del Tamburino a Trastevere per garantire il rispetto delle norme a tutela della salute pubblica. Anche a Piazza Bologna decine di agenti hanno dovuto presidiare costantemente l'area per garantire il rispetto del distanziamento sociale, oltreché per contrastare la vendita , la somministrazione e il consumo irregolare di alcol. Effettuati altresì mirati controlli per verificare l' osservanza del codice della strada. Nel corso dell'attività di vigilanza sono scattate una decina di sanzioni, secondo quanto previsto dal Regolamento di Polizia Urbana, sia per gli esercizi di somministrazione, che per gli avventori che hanno violato le regole che limitano la vendita ed il consumo di bevande alcoliche. Oltre un centinaio invece le contestazioni per mancato rispetto delle norme che regolano la circolazione stradale. IN totale sono circa 2mila i controlli effettuati ieri sera e proseguiti fino alle prime ore dell'alba da parte della Polizia Locale di Roma Capitale nelle zone della movida cittadina, come Trastevere, San Lorenzo , Piazza Bologna e Rione Monti.

12:34 – Raggi: “Uscire la sera ma rispettando le regole”

"Gli italiani e i romani hanno dimostrato un grande senso di responsabilità in questi mesi. Ma adesso non è il momento di abbassare la guardia. È un appello che rivolgo in particolare ai giovani: il coronavirus non è stato ancora sconfitto". Così su Facebook la sindaca di Roma Virginia Raggi. "Capisco che dopo settimane di lockdown ora c'è la gioia di riassaporare la libertà - aggiunge - Ma questo non deve vanificare tutti gli sforzi fatti finora. Quindi: uscite la sera, ma rispettate le regole. Una su tutte il distanziamento sociale per evitare una nuova diffusione di contagi. In tutta la città, in particolare nelle zone della movida come Trastevere, San Lorenzo, piazza Bologna e rione Monti, proseguono i controlli della polizia locale di Roma Capitale. Solo nella giornata di ieri, sabato sera, sono stati effettuati 2 mila controlli fino all'alba. Sono stati centinaia gli interventi degli agenti per riportare al rispetto delle norme anti contagio e per la vendita, somministrazione e consumo di alcol fuori dall'orario consentito. Non sono mancati anche gli accertamenti sulle strade per contrastare i comportamenti scorretti e pericolosi alla guida. Tre locali sono stati chiusi per ordine pubblico nella zona Lungaretta - San Cosimato: le persone fuori erano così tante che creavano assembramenti, impedendo di fatto il rispetto delle regole per evitare contagi. Presidi fissi degli agenti sulla scalea del Tamburino a Trastevere e a piazza Bologna. Mi raccomando. Lo ripeto ancora una volta - conclude Raggi - Rispettiamo le regole, siamo prudenti e responsabili. E affrontiamo insieme, come abbiamo già fatto, questa sfida".

11:46 - Spallanzani: "110 pazienti ricoverati, 482 dimessi"

Allo Spallanzani di Roma sono ricoverati "110 pazienti. Di questi 46 sono casi confermati Covid-19, di cui 35 attualmente positivi al tampone, 64 sottoposti a indagini, 4 pazienti necessitano di supporto respiratorio. I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali, sono 482". È quanto emerge dal bollettino medico dell'Istituto.

8:36 - Nel Lazio 14 nuovi casi: 4 nel focolaio del San Raffaele Pisana

Nel Lazio ieri si sono registrati 14 casi positivi e di questi 4 casi sono riferiti ad una coda del focolaio del San Raffaele Pisana dove sono stati effettuati ulteriori 430 tamponi su tutto il personale e i pazienti. I quattro nuovi casi riguardano operatori della struttura già posti in sorveglianza domiciliare. Il focolaio raggiunge così un totale di 118 casi positivi e 6 decessi correlati. C'è stato un decesso nelle ultime 24 ore mentre sono stati 14 i guariti raggiungendo un totale complessivo di 6.195. Inoltre si registrano anche 4 casi di importazione, già tutti isolati, da Egitto, Brasile, Piemonte e Bergamo. Nella Asl Roma 1 dei quattro nuovi casi uno ha un collegamento con il Piemonte e i restanti 3 casi sono asintomatici individuati al test sierologico. Nella Asl Roma 2 un caso positivo proviene dal Brasile, mentre nella Asl Roma 3 una donna risultata positiva proviene da Bergamo. Nella Asl di Latina un caso ha richiesto l'attivazione del tracing internazionale, si tratta di un ragazzo tornato dall'Egitto con scalo a Milano. Proseguono inoltre le attività per i test sierologici sugli operatori sanitari e le Forze dell'ordine.

Roma: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.