Coronavirus Roma, D’Amato: “22 nuovi positivi, dato più basso dal lockdown”

Lazio
©Fotogramma

Intanto proseguono i controlli sulle RSA e le strutture socio-assistenziali private accreditate: sono ad oggi 693 le strutture per anziani ispezionate su tutto il territorio. Partiranno invece da domani i test sierologici per la Polizia di Stato

Il nuovo liveblog con gli aggiornamenti sul Lazio

 

"Oggi registriamo un dato di 22 casi positivi nelle ultime 24 ore: è il dato più basso dal lockdown e un trend al 0,3%". Lo rende noto l'assessore alla Sanità e l'Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio Alessio D'Amato al termine dell'odierna videoconferenza della task-force regionale per il COVID-19 con i direttori generali delle Asl e Aziende ospedaliere e Policlinici universitari e ospedale Pediatrico Bambino Gesù. Intanto, si legge nella nota, proseguono i controlli sulle RSA e le strutture socio-assistenziali private accreditate. Sono ad oggi 693 le strutture per anziani ispezionate su tutto il territorio. Partiranno invece da domani i test sierologici per la Polizia di Stato. (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI)

19:37 – Zingaretti: “Oggi 22 casi, risultato incoraggiante”

"Oggi 22 nuovi casi di positività nel Lazio, un altro dato incoraggiante. Il contenimento del virus ha raggiunto risultati importanti grazie a regole e indirizzi chiari e a comportamenti responsabili dei cittadini. Nella regione che ospita la più grande metropoli italiana non era scontato. Ora andiamo avanti con serietà e rigore verso una stagione di riaperture. Il Governo sta predisponendo le linee guida per la sicurezza, ma da giorni stiamo lavorando con gli operatori per raggiungere un risultato che soddisfi sicurezza e ripartenza. Questo pomeriggio inoltre ho firmato un'ordinanza per cui da domani sarà possibile andare nei propri locali commerciali e nei centri sportivi per mettere in campo tutte le misure necessarie per organizzare la ripresa. Ripartire, ma ripartire in sicurezza". Lo scrive in una nota il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

19:09 – Roma, registrati 600 ingressi in tribunale

Avvio della Fase 2 anche nella cittadella giudiziaria di Roma. In totale sono state circa 600 le persone, tra pubblico e avvocati, che oggi hanno varcato l'ingresso del tribunale a piazzale Clodio. Negli uffici della procura e nelle varie palazzine del tribunale sono state disposte misure per garantire il distanziamento sociale così come stabilito dalle normative anticovid. Ingressi limitati anche grazie agli strumenti da remoto messi in campo, come la possibilità di avere accesso online alle copie atti. In particolare, sui siti web della Camera penale e dell'ordine degli avvocati sono riportate tutte le indicazioni tra cui gli indirizzi Pec della Procura utili per i depositi e le richieste di copie. "Un esordio - spiega il procuratore aggiunto Stefano Pesci - che è stato tutto sommato positivo". Al piano terra della palazzina A è stato predisposto l'ufficio di deposito atti. Gli atti depositati oggi sono stati circa 250, molti avvenuti tramite email. Nonostante il lockdown, il lavoro della Procura di Roma non si è fermato: dal 9 marzo i procedimenti iscritti al registro noti sono stati circa 12 mila e gli ignoti sono quasi 30mila.

17:45 – D’Amato: “22 positivi, dato più basso dal lockdown”

"Oggi registriamo un dato di 22 casi positivi nelle ultime 24 ore: è il dato più basso dal lockdown e un trend al 0,3%". Lo rende noto l'assessore alla Sanità e l'Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio Alessio D'Amato al termine dell'odierna videoconferenza della task-force regionale per il COVID-19 con i direttori generali delle Asl e Aziende ospedaliere e Policlinici universitari e ospedale Pediatrico Bambino Gesù. Intanto, si legge nella nota, proseguono i controlli sulle RSA e le strutture socio-assistenziali private accreditate. Sono ad oggi 693 le strutture per anziani ispezionate su tutto il territorio. Partiranno invece da domani i test sierologici per la Polizia di Stato. "Si tratta della più importante indagine epidemiologica che si svolge a livello nazionale con l'obiettivo di avere un quadro della circolazione del virus", ha sottolineato l'assessore D'Amato. "Con il Presidente Nicola Zingaretti -ha aggiunto- questa mattina siamo stati ad Albano dove da questa mattina è attivo il primo modulo da 12 posti letto della RSA pubblica. Una struttura molto importante che a regime avrà 50 posti letto. Una visita in una giornata simbolica perché è la Giornata Internazionale dell'Infermiere, una categoria professionale che si sta spendendo molto per il contrasto alla pandemia. Trend stabilmente in discesa nelle province dove complessivamente si registra un solo caso a Latina nelle ultime 24h e zero decessi a Roma città. Nelle ultime 24 ore i decessi sono stati 4, mentre continuano a crescere i guariti che sono arrivati a 2.373 totali e i tamponi totali eseguiti sono stati oltre 185 mila e nelle ultime 24 processati al COVID Center del Campus Bio-Medico 100 tamponi per la Val D'Aosta" commenta l'Assessore D'Amato.

16:58 – Sumai: “Dal 25 maggio riaprono poliambulatori”

Riapertura dei poliambulatori specialistici a partire dal 25 maggio, comincia il Lazio "nella massima sicurezza per i pazienti e gli operatori". Lo rende noto Antonio Magi, segretario generale del Sindacato unico di medicina ambulatoriale italiana e professionalità dell'Area Sanitaria (Sumai Assoprof) che rappresenta il 90% dei medici specialisti del territorio. "Abbiamo valutato insieme con la Regione Lazio - spiega Magi - le varie possibilità per una rapida e sicura riapertura dei poliambulatori pubblici. Siamo partiti dall'ipotesi di un accesso privilegiato per priorità, cominciando dai soggetti fragili e affetti da patologie croniche e per i malati oncologici". E continua: "Abbiamo ampliato l'offerta specialistica arrivando ad aumentare il numero di ore di attività, anche allungando l'orario di apertura degli ambulatori con aperture il sabato e domenica per non creare un imbuto legato ai numerosi pazienti prenotati, e da tempo in attesa. Questo permetterà di diluire gli accessi applicando il necessario distanziamento fisico tra persone, tra una visita e l'altra, evitando pericolose concentrazioni nelle sale d'attesa e nei presidi". Sumai chiarisce che si è ritenuto utile anche mantenere il preventivo triage telefonico da parte degli specialisti per poter monitorare i pazienti che hanno necessita di essere visitati o per eseguire esami di diagnostica fondamentali per fare una diagnosi garantendo l'appropriatezza. "Finita la fase 1 di quest'emergenza, è importante che gli specialisti, insieme ai medici di medicina generale, riprendano il contatto con i propri pazienti, per lo più cronici, che necessitano di assistenza specialistica e che in queste settimane non hanno potuto seguire ad eccezione dei casi più urgenti".

16:00 – D’Amato: “Domani test sierologici a polizia”

"Nella giornata di domani inizieranno i test di sieroprevalenza anche alla Polizia di Stato e proseguiranno a tutti i Comandi provinciali della Guardia di Finanza nonché al Centro di Aviazione di Pratica di Mare, ai Reparti Speciali e al Comando regionale. Proseguono inoltre i test di sieroprevalenza a tutti gli operatori sanitari. È la più importante indagine epidemiologica che si svolge a livello nazionale. Questo con un duplice obiettivo: avere un quadro della circolazione del virus e, nel caso di valore positivo alla sieroprevalenza, l'esecuzione immediata del test molecolare al seguito del quale in caso di positività si procede all'isolamento". Lo rende noto l'Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato.

14:52 – Roma, 400 locali: “il 18 non riapriremo”

In 400 tra bar e ristoranti del centro e delle zone della movida di Roma il 18 maggio non riapriranno. "A queste condizioni non è possibile", dice Gianfranco Contini, titolare di un ristorante del centro storico e tra i promotori del movimento "La voce dei locali di Roma" a cui aderisco circa 400 aziende, principalmente ristoranti e bar. "Una piccola percentuale continuerà a lavorare da asporto - spiega - Sicuramente il centro storico rimarrà 'chiuso' perché oltre a ristoranti e bar, anche alberghi e molti negozi non apriranno". "Le normative dell'Inail sono inapplicabili per il 90% locali tradizionali. Le sanificazioni le facevamo anche prima, tutti i giorni, ma non è possibile il distanziamento, non si può lavorare con piatti, posate e bicchieri di carta, né far servire ai tavoli dai camerieri con guanti e mascherine. La ristorazione è altro, non è solo mangiare: è il piacere di stare insieme, di godersi l'atmosfera . A queste condizioni non è possibile aprire". "Preferiamo aspettare qualche settimana o anche mese in più che le condizioni sanitarie cambino, ma vorremmo aprire con minimo di normalità. Altrimenti non ha senso", conclude.

13:43 – Indagine mascherine, Regione Lazio: “Arrivati i primi rimborsi”

Prima tranche di rimborso alla Regione Lazio per le "mascherine fantasma". "In data 11 maggio con due distinti bonifici, rispettivamente della Exor Sa e della Ecotech Srl - si legge in una nota- la Regione Lazio ha ricevuto la restituzione di 1 mln e 746mila euro (746 mila euro Ecotech; 1 mln Exor) pari ad una parte dell'anticipo versato dalla Protezione civile del Lazio per l'acquisto di mascherine, mai totalmente concretizzatosi". "La Ecotech srl - è inoltre spiegato - ha inoltre presentato alla Regione Lazio un piano per la restituzione totale della somma anticipata, pari a 13.520.000 euro, da realizzarsi nelle prossime settimane. Nel dettaglio, al netto delle somme già versate, il piano prevede entro il 22 maggio la restituzione di 3mln 530mila euro da parte di Exor; entro fine maggio 4mln 740mila euro da Giosar; 3 mln 504mila frutto della vendita di dispositivi di protezione individuali".

14:30 – Zingaretti visita la Rsa di Albano

Questa mattina il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti accompagnato dall'Assessore alla Sanità, Alessio D'Amato ha visitato la nuova RSA di Albano per i pazienti Covid in occasione dell'attivazione del primo modulo da 12 posti letto. Ad accoglierli il direttore generale della Asl Roma 6, Narciso Mostarda alla presenza del sindaco di Albano, Nicola Marini. Lo rende noto la Regione Lazio. "Oggi attiviamo una struttura importante per il territorio e sono qui per dirvi grazie per lo straordinario lavoro che state facendo - ha detto Zingaretti parlando al personale - se nella nostra regione siamo riusciti a contenere l'epidemia è stato perché tempestivamente abbiamo attivato un sistema che ha saputo riorganizzarsi e per lo straordinario lavoro di voi operatori che siete in prima linea ogni giorno. Ora dobbiamo mantenere alta l'attenzione perché, in attesa di un vaccino, dovremmo convivere ancora a lungo con questo virus e assumere comportamenti che limitino la sua diffusione". "Oggi siamo qui in una giornata simbolica perché è la Giornata Internazionale dell'Infermiere, una categoria professionale che si sta spendendo molto per il contrasto alla pandemia. Dobbiamo ripensare completamente l'assistenza per gli anziani, mentalmente e come approccio - ha detto l'Assessore D'Amato nel corso della visita - Nelle strutture in cui abbiamo riscontrato situazioni di criticità sono stati svolti degli audit per verificare la piena applicazione delle indicazioni, ma voglio dirlo chi ha tradito gli anziani non può stare più nel sistema sanitario regionale". "Prosegue la riorganizzazione dell'Azienda per la presa in carico della fragilità dell'anziano. Abbiamo dato vita ad un circuito pubblico di assistenza per anziani positivi al Covid19 presso la RSA di Genzano ed oggi, ad Albano inseriamo in questo nuovo circuito anche spazi idonei per chi, una volta negativizzato, necessita di assistenza", ha aggiunto Mostarda. La nuova RSA di Albano avrà due nuclei, il primo da 12 posti letto (2° piano) con aree per la vestizione e dispositivi di protezione individuale (DPI), un ambulatorio polispecialistico, un ufficio e gli spogliatoi per il personale. Un secondo nucleo al piano terra che avrà 16 posti letto con aree per la vestizione e dispositivi di protezione individuale (DPI) e spogliatoi per il personale. Sono stati inoltre realizzati e suddivisi i percorsi ed è stato sistemato l'impianto di aerazione adeguandolo con ventilazione in pressione negativa per entrambi i nuclei.

13:15 - A Latina riaprono i mercati di Campagna Amica 

Riaprono a Latina i mercati di Campagna Amica nel rispetto di tutte le norme restrittive per limitare la diffusione del contagio da coronavirus. Le misure adottate, con la collaborazione della Protezione Civile, vanno dall'uso di disinfettanti e dispositivi fino agli ingressi contingentati e al distanziamento. Gli appuntamenti prossimi in programma sono quelli di domani mercoledì 13 maggio in via Don Minzoni,5 e sabato in Piazza del Popolo. La proposta al consumo riguarda frutta e verdura a chilometro zero, ma anche formaggi, uova, salumi, carni fresche, confetture, vino, funghi, prodotti da forno, lumache e cosmetici derivati,oltre a tutte le eccellenze del territorio. 

12:59 - Allo Spallanzani 122 ricoverati; finora 421 dimessi 

In questo momento sono ricoverati allo Spallanzani di Roma "122 pazienti, di cui 76 positivi al Covid e 46 sottoposti a indagini. Undici pazienti necessitano di supporto respiratorio. I pazienti dimessi e trasferiti a casa o in altre strutture territoriali, sono 421". Lo rende noto l'Istituto romano nel bollettino di oggi, nel quale si legge che da domani il "progetto regionale di sieroprevalenza, coordinato dallo Spallanzani, sarà esteso al personale della Polizia di Stato della città, a partire dagli agenti operanti su strada”.

12:43 - Virginia Raggi: "Roma ringrazia coraggio infermieri"

"Oggi è la giornata internazionale dell'infermiere. Roma ringrazia tutti coloro che durante l'emergenza coronavirus hanno dimostrato coraggio e professionalità, lavorando in prima linea per prendersi cura dei pazienti". Così su Twitter la sindaca di Roma, Virginia Raggi.

11:45 - A Roma on line le informazioni utili su Fase 2

"Se volete conoscere quali sono i provvedimenti e le iniziative adottate a Roma durante la cosiddetta 'Fase 2', potete trovare tutto quello che cercate sul sito RomaAiutaRoma. Da oggi è online una nuova sezione, RomaRiparte, dove abbiamo raccolto le informazioni relative a questa seconda fase". Così su Facebook la sindaca di Roma Virginia Raggi. La sezione contiene "informazioni sul trasporto pubblico, su parchi e ville storiche, sulle iniziative culturali, sui mercati, le scuole, gli uffici. Ma anche sui Centri anziani, sui Centri antiviolenza, sul commercio e le attività produttive. Vogliamo accompagnarvi nel corso dell'emergenza dando il maggior accesso possibile a tutte le informazioni utili. Il sito RomaAiutaRoma è nato esattamente con questo scopo - conclude Raggi - rendere semplice e intuitivo conoscere le azioni messe in campo, i servizi e le iniziative”.

11:26 - Reparti Nbc Esercito per sanificare le chiese di Roma

A partire da domani, l'Esercito italiano, su specifica richiesta del Vicariato di Roma, darà il via alle attività di sanificazione delle aree esterne e interne delle Chiese capitoline attraverso le proprie squadre specializzate nel campo Chimico, Biologico, Radiologico e Nucleare (Cbrn) equipaggiate con specifici dispositivi di bonifica.

9:50 - Ristoratori: “Salvaguardare il marchio Fiumicino” 

Il settore della ristorazione, fiore all'occhiello di Fiumicino che conta circa 650 attività e chef stellati, cerca soluzioni per ripartire, a seguito dell'emergenza coronavirus, nella "fase 2". "Fiumicino è un marchio di qualità della ristorazione. Che va rilanciato e salvaguardato, soprattutto oggi con la crisi Covid che rischia di mandare all'aria il lavoro di 50 anni", spiegano i rappresentanti dell'Associazione lungomare della Salute di Fiumicino e dell'Associazione Periferia Iodata. Per questo le associazioni della ristorazione di Fiumicino si incontreranno giovedì 14 maggio alle 15 nell'hotel Tiber. Sarà l'occasione per parlare e discutere con due esperti, Claudio Pica, presidente dell'Associazione Esercenti Pubblici Esercizi di Roma, ed il delegato Aeper Ostia e Fiumicino, Claudio Pirozzi, delle problematiche che vive il settore in questo periodo e "trovare soluzioni adeguate per far ripartire tutto il sistema". 

7:22 - Nicola Zingaretti: "Dati confortano grazie a sforzo cittadini"

"I dati sul contagio ci confortano. Sono frutto delle scelte di contenimento di queste settimane e dello sforzo di tutti i cittadini nel rispetto delle regole. Dobbiamo tenere alta la guardia e nei prossimi giorni vedremo che effetti hanno avuto le aperture del 4 maggio". Lo comunica in una nota il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. "In queste ore  siamo inoltre al lavoro per aprire molti esercizi commerciali dal 18 maggio, mettendo la sicurezza al primo posto. Ci stiamo confrontando con tutte le categorie per condividere le misure appropriate alla nuova fase, per garantire il massimo della sicurezza nel consumo dei prodotti commerciali e artigianali e nella ripresa delle attività sportive. Ripartire sicuri è l'obiettivo per cui tutti dobbiamo essere impegnati", ha aggiunto. Infine: "Per questa ragione ho scritto anche ai Ministri della Repubblica invitandoli ad adottare nelle proprie sedi la misurazione della temperatura in tutti gli uffici pubblici, iniziative di mobility management e la sorveglianza sanitaria dei dipendenti mediante test seriologici. Misure che integrate con quelle già esistenti, potranno contribuire a ridurre il rischio di contagio in particolare sul territorio romano. Faccio inoltre un appello ai Sindaci per approvare al più presto regolamenti e delibere per favorire e semplificare al massimo l'ampliamento dell'occupazione del suolo pubblico all'esterno degli Esercizi come bar e ristoranti".  

Roma: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24