Roma, smantellata finta associazione benefica di tipo militare

Lazio
©Ansa

La falsa onlus era ramificata in tutta Italia e con base ai Castelli Romani. Tre persone sono state denunciate per utilizzo di segni distintivi contraffatti e per raccolta, detenzione e vendita di uniformi militari senza la licenza

E’ stata scoperta da militari della guardia di finanza di Roma e dalla polizia una finta associazione, ramificata in tutta Italia ma con base ai Castelli Romani, e che aveva anche ottenuto lo stato di ‘onlus’, in cui si utilizzavano uniformi mai autorizzate e materiale di equipaggiamento in uso ai corpi militari e alle forze di polizia. Tre persone sono state denunciate per utilizzo di segni distintivi contraffatti e per raccolta, detenzione e vendita di uniformi militari senza la licenza, in violazione del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza. Gli indagati in base al loro statuto ricoprivano il ruolo di Comandante Generale, Vice Comandante Generale, e Generale di Corpo d'Armata dei Corpi Sanitari Internazionali Croce rossa Garibaldina.

Le accuse

L’associazione, che agiva sotto le mentite spoglie di organizzazione senza scopo di lucro per assistere malati, feriti e persone bisognose, aveva una struttura gerarchica di tipo militare, con tanto di "comando generale", utilizzo di uniformi, fregi, distintivi e tessere di riconoscimento, nonché reclutamento di appassionati del mondo militare, i quali pagavano una quota annuale commisurata al grado. 

Ulteriori accertamenti dovranno essere svolti dall'Agenzia delle Entrate, dato che l'organizzazione ha usufruito indebitamente delle agevolazioni previste per il terzo settore e destinato i fondi provenienti dalla scelta del cinque per mille a finalità diverse da quelle solidaristiche e di assistenza sociale . 

Sequestri in tutta Italia

L'operazione, che ha preso le mosse dai controlli effettuati sul territorio dal personale della Compagnia della Guardia di Finanza di Velletri e della Divisione PAS della Questura di Roma, è culminata nell'emissione di un provvedimento di sequestro preventivo da parte del Giudice delle Indagini Preliminari del Tribunale di Velletri, su richiesta della locale Procura della Repubblica, eseguito in tutta la penisola con l'impiego di numerosi militari della Guardia di Finanza e agenti della Polizia di Stato. Nel corso dell'operazione sono stati rinvenuti e sequestrati in tutto il territorio nazionale, oltre a decine di uniformi e tesserini di riconoscimento del tutto simili a quelle in uso alle Forze di polizia, fregi, gradi, alamari, onorificenze e bandiere di missione somiglianti a quelle militari, insegne utilizzate per le autovetture dall'organizzazione e palette segnaletiche, capaci di trarre in inganno sulla reale natura dell'associazione.

Un fermo immagine tratto dal video della polizia e guardia di finanza
Un fermo immagine tratto dal video della polizia e guardia di finanza - ©Ansa

Roma: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24