Coronavirus, Celleno quarta zona rossa nel Lazio

Lazio

Il Presidente della Regione Zingaretti ha firmato l'ordinanza che dispone ulteriori misure restrittive per il comune del viterbese, dopo i recenti casi riferiti al cluster della casa di riposo Villa Noemi

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi a Roma 

Il comune di Celleno è la quarta zona rossa del Lazio. Il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti ha firmato l'ordinanza che dispone ulteriori misure restrittive per il comune del viterbese dopo i recenti casi riferiti al cluster della casa di riposo Villa Noemi. Nel frattempo allo Spallanzani, riferisce la direzione sanitaria, i pazienti Covid-19 positivi sono in totale 172. Di questi, 23 pazienti necessitano di supporto respiratorio. I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali, sono a questa mattina 244. Sono invece tutti negativi i tamponi delle 75 persone eseguite ai contatti stretti della donna di Rebibbia ricoverata all'istituto Spallanzani di Roma. "Una buona notizia per l'indagine epidemiologica in corso", ha detto l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato. Intanto in mattinata è stato dimesso dal Policlinico Gemelli il vicario del Papa per la diocesi di Roma, il cardinale Angelo De Donatis. Era stato ricoverato lunedì 30 marzo dopo essere risultato positivo (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI).

18:56 - Celleno quarta zona rossa nel Lazio

Il comune di Celleno è la quarta zona rossa del Lazio. Il Presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha firmato l'ordinanza che dispone ulteriori misure restrittive per il comune del viterbese dopo i recenti casi riferiti al cluster della casa di riposo Villa Noemi. L'ordinanza dispone con decorrenza immediata e fino al 24 aprile il divieto di allontanamento dal territorio del comune di Celleno (VT) di tutte le persone presenti e il divieto di accesso fatta eccezione per il rientro a domicili per chi è fuori dal comune. Nel Lazio ci sono altre tre zone rosse: Fondi (Latina), Nerola (Roma) e Contigliano (Rieti). Tre casi su quattro sono relativi a cluster in case di riposo.
"Siamo vicini agli abitanti di Celleno che non sono certo degli 'untori' e che dovranno sostenere questa ulteriore limitazione per la salvaguardia della salute pubblica e per il contrasto all'epidemia", commenta Zingaretti.

18:45 - Ferrero dona uova di Pasqua al personale del San Filippo Neri

"La Ferrero ha fatto consegnare decine di uova di Pasqua Kinder agli operatori sanitari del San Filippo Neri impegnati nella gestione dell'emergenza Covid19, come segno di ringraziamento e vicinanza per l'impegno profuso durante la pandemia". A renderlo noto è stata la Asl Roma 1. "Fronteggiare l'emergenza quotidianamente - afferma il direttore generale Angelo Tanese - può far perdere la cognizione del tempo e mettere in secondo piano anche le tradizioni più care. Ringrazio quindi la Ferrero per una donazione davvero gradita, perché ha permesso di portare un simbolo di 'normalità' agli operatori sanitari in prima linea, per celebrare la Pasqua anche in reparto".

17:50 - Il sindaco di Rieti chiude i cimiteri comunali

Il sindaco di Rieti, Antonio Cicchetti, "al fine di evitare occasioni di assembramento per le ritualità di addio", ha firmato un’ordinanza che dispone la chiusura al pubblico dei cimiteri comunali. "Sono vietate - si legge nell'ordinanza - le cerimonie funebri. Sono sospese tutte le attività connesse ai servizi cimiteriali di iniziativa privata. Restano consentiti i lavori necessari alla sepoltura dei defunti da parte dei gestori dei cimiteri e quelli di realizzazione di ristrutturazione o costruzione ex novo di sepolture di emergenza"

17:38 - Via Crucis solitaria del vescovo di Rieti tra le macerie di Amatrice

Il Vescovo di Rieti, monsignor Domenico Pompili, ha percorso oggi pomeriggio, in solitaria e imbracciando una croce, la Via Crucis tra le macerie del borgo di Amatrice, distrutto dal sisma del 24 agosto 2016. Pompili ha ripercorso la Passione di Cristo tra ciò che rimane delle vie del centro storico del comune reatino colpito dal terremoto e nei pressi degli insediamenti abitativi che ospitano la popolazione.

17:16 - In Lazio 154 nuovi casi con un trend al 3,5%

Sono 154 i nuovi casi nel Lazio con un trend al 3,5%, crescono i guariti che sono 43 nelle ultime 24 ore, arrivando a 687 cioè tre volte il numero dei decessi totali in una regione che ha un tasso di mortalità dieci volte in meno della Lombardia. Questi i dati del contagio nel Lazio dove ieri sono stati effettuati 659 tamponi che complessivamente sono stati 62mila. "Aumenta la forbice tra coloro che escono dalla sorveglianza domiciliare (16.611) e coloro che sono entrati in sorveglianza (12.792) oggi circa 4 mila unità. Bisogna ora mantenere alta l'attenzione per le giornate di Pasqua e Pasquetta - spiega l'assessore alla sanità Alessio D'Amato -. Intanto proseguono i controlli a tappeto nelle case di riposo e nelle RSA su tutto il territorio. In merito alla situazione delle strutture residenziali l'Istituto Superiore di Sanità (ISS) ha realizzato un Survey nazionale sul contagio da COVID-19 aggiornato al 6 aprile che registra per il Lazio un tasso di mortalità dieci volte inferiore a quello della Lombardia: 0,7% contro 6,8%".
Sul fronte case di riposo e Rsa nella Asl di Viterbo si registra una criticità presso la casa di riposo nel Comune di Celleno, a Rieti proseguono le verifiche delle strutture per anziani e la situazione del comune di Contigliano è sotto controllo. Sono stati trasferiti presso l'Istituto nazionale di malattie infettive Spallanzani tutti i crocieristi positivi al COVID-19. La nuova app della Regione 'LazioDrCovid' in collaborazione con i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta, ha già registrato oltre 85 mila utenti che hanno scaricato l'applicazione e 2.300 medici di famiglia e 310 pediatri di libera scelta collegati. Per quanto riguarda infine i DPI - dispositivi di protezione individuale oggi sono in distribuzione presso le strutture sanitarie: 395.200 mascherine chirurgiche, 10.100 maschere FFP2, 3.500 maschere FFP3, 31.250 calzari, 48.300 guanti, 52.800 cuffie. Parte domani all'Istituto nazionale Tumori - IFO e sarà attivo durante le festività pasquali il servizio "InFO: Mi prendo cura di te" la linea di ascolto attiva per offrire il supporto telefonico e relazionale ai pazienti cronici, oncologici e con patologie rare e ai loro famigliari. La linea telefonica è attiva dalle ore 12:00 alle 18:00, sette giorni su sette e sarà attivata anche in video chat.

15:37 - Sequestrato cantiere non autorizzato

Sequestrato un cantiere non autorizzato a Roma nella zona di Valleranello. "Le pattuglie del IX Gruppo Eur della Polizia Locale di Roma Capitale - spiega il Campidoglio in una nota -, impegnate nei controlli nel quadrante Sud della capitale, hanno notato alcuni lavori in corso in un cantiere con escavatori in piena attività, nella zona di Valleranello. Dagli accertamenti è emerso che la struttura non aveva le dovute autorizzazioni. Per questo motivo, oltre al sequestro dell'area, gli agenti hanno sequestrato tutte le attrezzature e i mezzi di lavoro". Un uomo di 56 anni, responsabile dei lavori, è stato denunciato. Il cinquantaseienne e la proprietaria del terreno, infine, sono stati sanzionati per violazione delle norme sulla limitazione del contagio da Covid-19.

15:30 - A Roma scatta il piano sicurezza in vista delle feste

Scatta il piano sicurezza messo a punto dalla Questura a Roma in vista delle festività di Pasqua. Posti di blocco su consolari, Grande raccordo anulare e nelle varie zone della città per verificare il rispetto delle misure previste per il contenimento della diffusione del coronavirus. Sono circa duemila al giorno, secondo quanto si è appreso, gli uomini delle forze dell'ordine che verranno messi in campo. Servizi specifici di controllo attorno all'area del Vaticano dove stasera si svolgerà la funzione per la via Crucis. Sotto la lente anche ville e i parchi della città con controlli sia fuori che all'interno. Rafforzate le vigilanze anche nelle zone dei laghi e sul litorale.

15:20 - Dimesso dal policlinico Gemelli il cardinale De Donatis

Stamattina è stato dimesso dal Policlinico Gemelli il vicario del Papa per la diocesi di Roma, il cardinale Angelo De Donatis. Era stato ricoverato lunedì 30 marzo dopo essere risultato positivo. Il cardinale continuerà la sua convalescenza a casa - informa la diocesi -, "riconoscente e grato al Signore. Unisce la sua preghiera a quella di tutta la comunità cristiana in questo triduo pasquale. Il porporato, prima di congedarsi dall'ospedale, ha salutato e ringraziato medici, infermieri e operatori sanitari che lo hanno accompagnato in questi giorni".

15:18 - Raggi: "Durante feste controlli potenziati"

"A Roma potenziati i controlli della Polizia Locale per le festività di Pasqua e Pasquetta - scrive su Twitter la sindaca di Roma, Virginia Raggi -. Verifiche ci saranno anche di notte. Se fate i furbi vi pizzichiamo. Non vanifichiamo tutti i sacrifici fatti finora. Non è il momento di abbassare la guardia".

15:12 - Nel Reatino 13 nuovi positivi e due decessi

"All'esito delle indagini eseguite nelle ultime ore, si evidenziano 13 nuovi soggetti positivi al test Covid-19. I nuovi casi positivi sono residenti/domiciliati presso i comuni di Borgorose (2), Cantalice (2), Stimigliano (1), Mompeo (1), Petrella Salto (2), Cittaducale (1), Rieti (1), Contigliano (3). In provincia di Rieti salgono pertanto a 383 i soggetti positivi al test". È quanto reso noto nel nuovo bollettino sanitario della direzione generale della Asl di Rieti. Nelle ultime 24 ore si sono registrati anche due nuovi decessi, che portano il totale a 26 vittime. Si tratta di una paziente di 89 anni, ricoverata presso la struttura Covid Alcim di Contigliano, e di una paziente di 86 anni ricoverata presso la struttura Covid Santa Lucia di Rieti. "I due pazienti - riferisce la Asl reatina - erano affetti da patologie pregresse". Sono tre i soggetti guariti: "due residenti/domiciliati nel comune di Cantalupo e un soggetto residente nel comune di Rieti. In provincia di Rieti le persone guarite salgono pertanto a cinque". Risultano in sorveglianza domiciliare 319 soggetti, 300 di questi sono asintomatici, mentre 19 sono sintomatici già sottoposti al tampone. Sono, infine, 45 i soggetti usciti dalla sorveglianza domiciliare.

14:44 - A Pasqua alle 12 campane a festa in tutta Roma

A Pasqua campane a festa in tutte le chiese di Roma alle 12, per unirsi alla preghiera del Regina Coeli del Papa. Questa l'iniziativa della diocesi "per far risuonare ancora più forte il messaggio di speranza e di rinascita della Pasqua". A comunicarlo ai sacerdoti è stato, nei giorni scorsi, il prelato segretario generale monsignor Pierangelo Pedretti. "Ci sintonizzeremo per ascoltare il nostro vescovo Francesco che darà l'annuncio e la benedizione del Signore Risorto alla città di Roma e al mondo intero", osserva don Walter Insero, portavoce della diocesi e direttore dell'Ufficio Comunicazioni sociali del Vicariato di Roma.

14:38 - Terme di Caracalla illuminate con il tricolore

Il prospetto Nord delle Terme di Caracalla si illumina con i tre colori della bandiera italiana fino al termine dell'emergenza sanitaria. L'iniziativa è stata promossa dalla Soprintendenza Speciale di Roma e realizzata in collaborazione con Acea. "Illuminare con il tricolore le Terme severiane è per la Soprintendenza un segno e un invito, tra gli altri, all'unità in un momento tanto critico per il Paese - spiega Daniela Porro, Soprintendente Speciale di Roma -. Sulla scia dei palazzi storici e dei monumenti, mi piace sottolineare che accendere con il tricolore anche il grande prospetto di Caracalla, una quinta monumentale che chiude il lato Sud della città storica, sia di buon auspicio perché i luoghi della cultura possano riaprire al più presto, non appena sarà possibile farlo in completa sicurezza".

14:17 - Spallanzani: 172 positivi, 244 dimessi

I pazienti Covid-19 positivi sono in totale 172. Di questi, 23 pazienti necessitano di supporto respiratorio. Lo rifersice la direzione sanitaria dell'Istituto Spallanzani. In giornata sono previste ulteriori dimissioni di pazienti asintomatici o paucisintomatici. I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali, sono a questa mattina 244. Si stabilizza intanto l'inversione del rapporto tra ricoverati per coronavirus e dimessi, ancora oggi più numerosi.

13:01 - Asl Roma 5 avvia progetto supporto psicologico 

Asl Roma 5 ha avviato un progetto di supporto psicologico attivo tutta la settimana a cura del Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche creando uno spazio di ascolto e di sostegno rivolto a chi ne fa richiesta e individuare il miglior percorso di sostegno possibile. L'iniziativa è stata presa con l'obiettivo di ridurre lo stress legato all'emergenza coronavirus. E' possibile chiamare tutti i giorni, a qualsiasi ora del giorno e della notte, ai numeri 335 6251826 o 0774 775151. A disposizione anche la mail urp.dipartimento.salutementale@aslroma5.it "E' un servizio importante - spiega il dg della Asl Roma 5, Giorgio Giulio Santonocito - con i nostri professionisti che si mettono a disposizione per aiutare ad affrontare questo momento di difficoltà perché nessuno si senta solo e sovrastato da nuove o vecchie emozioni".

12:41 - File davanti ai supermercati della Capitale

File già da stamattina davanti a diversi supermercati della Capitale in vista delle festività di Pasqua. Indossando mascherine e rispettando la distanza di sicurezza decine di persone hanno atteso il loro turno per entrare in alcuni supermercati al Nomentano e poter fare la 'spesa di Pasqua'. File anche davanti ad alcuni negozi di prodotti per la casa e alimentari.  Secondo quanto si è appreso, in mattinata è arrivata qualche segnalazione alla polizia locale per lunghe code davanti ai supermercati. In zona circonvallazione Nomentana sono intervenute pattuglie del Gruppo Sapienza per cercare di limitare i disagi per una fila consistente di persone davanti a un supermercato che stavano comunque rispettando la distanza di sicurezza. La pattuglia continuerà a monitorare la zona nelle prossime ore.

12:24 - Virginia Raggi: "Nessuno pensi che dal 4 maggio si torni alla normalità"

"Per quanto riguarda la riapertura c'è stata ieri una cabina di regia con Conte, a cui ho partecipato. Abbiamo messo in campo idee, si parlerà comunque di riaperture graduali. Tutti abbiamo fatto uno sforzo enorme. Dobbiamo evitare di ricadere di nuovo nella fase del contagio. Nessuno pensi che dal 4 maggio si tornerà a fare la vita di prima. La prudenza deve essere il nostro faro", le parole della sindaca di Roma, Virginia Raggi, a Radiosei. Poi: "Quando è arrivato l'annuncio del governo dei 15 milioni per i buoni spesa abbiamo subito anticipato i soldi, abbiamo trovato una società che oltre ai buoni pasto cartacei li poteva fornire anche su cellulare. Al momento infatti sono già stati attivati 2.000 buoni spesa. Oggi è in consegna il primo milione e mezzo di buoni cartacei".
Raggi ha proseguito: "Quando è arrivato l'annuncio del governo dei 15 milioni per i buoni spesa abbiamo subito anticipato i soldi, abbiamo trovato una società che oltre ai buoni pasto cartacei li poteva fornire anche su cellulare. Al momento infatti sono già stati attivati 2.000 buoni spesa. Oggi è in consegna il primo milione e mezzo di buoni cartacei. E' una procedura complessa ma la abbiamo attivata subito".
La sindaca si è poi rivolta alla comunità romana: "Lancio un appello ai romani. Si stanno avvicinando le feste di Pasqua, il tempo ci inviterebbe ma non lasciamoci tentare, non è tempo di allentare il rigore. No alle scampagnate o alle seconde case. Abbiamo un ampio dispiegamento di forze - ha detto ancora - anche contro le 'partenze intelligenti' di notte. Non fate i furbetti, è il momento della responsabilità, stiamo a casa. Più teniamo adesso, più ripartiremo in velocità". Riguardo ai controlli, Raggi ha ricordato che comunque in oltre un mese di emergenza "sono stati oltre 500 mila, e le violazioni relativamente poche, meno di mille. I romani hanno capito e reagito bene". Andando in giro, ha detto ancora, "ho visto una città deserta. Siamo tristi, ma dietro a quelle immagini c'è una città che sta mostrando rispetto e compattezza, dobbiamo esserne orgogliosi. In uno dei momenti più difficili della nostra storia stiamo dando una prova invidiabile. Abbiamo 3 milioni di abitanti e pochissimi contagi. Stiamo facendo bene. Questo - ha concluso la sindaca - ci deve inorgoglire al punto da non ascoltare facili sirene. La curva si sta assottigliando. Quello che abbiamo fatto va mantenuto. Stare lontani gli uni dagli altri sta dando i risultati che aspettavamo".

11:40 - Fiumicino, scattano i controlli con i droni

Sul territorio di Fiumicino scattano più controlli, anche con posti di blocco, in vista di Pasqua e Pasquetta, su seconde case al mare, supermercati, con l'ausilio del drone su spiagge e zone di picnic. E da domani stagionali saranno in azione accanto ai vigili. "Abbiamo mobilitato tutte le nostre pattuglie e siamo coordinati con le altre forze dell'ordine che operano a Fiumicino per intensificare i controlli per tutto il fine settimana e fino a Pasquetta. Ci saranno moltissimi posti di blocco", annuncia la comandante della Polizia Locale di Fiumicino, Lucia Franchini. "Obiettivo primario, ma non unico, sono le zone di villeggiatura, specialmente Fregene e Passoscuro - spiega Franchini - dove sono molte le case di vacanza che possono essere meta di potenziali uscite di Pasqua. Una cosa che non deve assolutamente avvenire". "Stiamo tenendo d'occhio i supermercati, oltre che le strade di ingresso in città - insiste la comandante - e, naturalmente, le spiagge e le zone solitamente scelte per scampagnate e grigliate all'aperto. Da domani potremo anche avvalerci dell'ausilio degli stagionali che ci permetteranno una presenza più capillare". "Il Comune di Fiumicino è stato pioniere nell'uso del drone durante l'emergenza Covid-19 - ricorda Franchini - È stato grazie alla nostra Protezione civile e all'amministrazione che Enac si è interessata alla possibilità di consentire il volo di questi dispositivi per aiutare le forze dell'ordine a controllare porzioni vaste di territorio". "Com'è già stato finora, anche nei prossimi giorni, oltre alle pattuglie, useremo il drone che volerà sulle spiagge del nostro litorale e sulle campagne di Tragliata e Tragliatella, oltre che sulle aree boschive dove normalmente si va per fare picnic e scampagnate - conclude Franchini - Attività del tutto vietate data l'emergenza in corso e su cui saremo severissimi".

11:28 - Prosegue la bonifica dei mezzi e delle stazioni a Roma

"Continuano le attività di sanificazione di mezzi e stazioni per prevenire la diffusione del coronavirus". Così su Facebook la sindaca di Roma Virginia Raggi. "Interventi su circa 1.500 mezzi di superficie, oltre 110 treni di metro e ferrovie e gli ambienti interni di 120 stazioni metroferroviarie - aggiunge - Tutti i prodotti disinfettanti e antibatterici utilizzati da Atac sono presidi medico-chirurgici”.

10:28 - Scoperto ad Ostia un laboratorio abusivo di mascherine

Una tappezzeria di Ostia, approfittando dell'emergenza Coronavirus, aveva riconvertito abusivamente la propria attività nella produzione di mascherine di protezione. L'attività è stata scoperta dai finanzieri del comando provinciale di Roma. Nel laboratorio, apparentemente chiuso, da giorni andava avanti la produzione di mascherine in difetto di qualsivoglia autodichiarazione all'Istituto Superiore di Sanità e all'Inail per l'attestazione delle caratteristiche tecniche e il rispetto dei requisiti di sicurezza, deroga consentita in via eccezionale dal Governo proprio per fronteggiare l'emergenza sanitaria in atto. I militari hanno sorpreso un operaio al lavoro, risultato tra l'altro in nero, e trovato circa 1.500 mascherine, una cucitrice professionale e materie prime utilizzate per realizzare i dispositivi. Tutto il materiale è stato sottoposto a sequestro e il titolare dell'impresa denunciato per i reati di frode in commercio e inottemperanza al provvedimento emanato dal Governo, con diffida a cessare l'attività.

9:29 - Virginia Raggi: "43mila colombe per medici e famiglie in difficoltà"

"A Roma la solidarietà non si ferma. Stiamo facendo partire la distribuzione di 43 mila colombe pasquali, donate dall'azienda Bauli, che consegneremo ai medici impegnati nel contrasto al coronavirus e alle famiglie romane più in difficoltà", ha affermato sui social la sindaca di Roma, Virginia Raggi. "Le colombe saranno distribuite grazie al supporto della Protezione Civile di Roma Capitale - aggiunge - anche tramite la rete delle parrocchie, dei Municipi e delle associazioni del Volontariato cittadino. Vogliamo dedicare così un piccolo pensiero a medici, infermieri e altri operatori sanitari che stanno lavorando in prima linea contro il coronavirus, per salvare delle vite. E poi alle famiglie e ai bambini in condizioni di fragilità, aggravate da questa emergenza. Questa iniziativa acquista un significato ancora più profondo in un momento in cui le difficoltà sono aumentate per tutti e per alcuni in modo particolare. Siamo una comunità forte e unita - conclude Raggi - Insieme supereremo questo momento".

9:23 - In Lazio l'età media dei positivi è di 58 anni

"Dei casi finora confermati di Covid-19 nel Lazio il 28% è ricoverato in una strutta sanitaria, il 47% è in isolamento domiciliare e il 4% è in terapia intensiva. I guariti sono il 15%. L'età mediana dei casi positivi è 58 anni". Lo comunica l'Unità di Crisi Covid 19 della Regione Lazio. "Il 51% è di sesso maschile e il 49% di sesso femminile - prosegue l'Unità di Crisi Covid 19 della Regione Lazio -. I casi positivi sono così distribuiti: il 36,6% è residente a Roma città, il 28,5% nella Provincia, il 10,7% a Frosinone, il 6,1% a Rieti, il 6,6% a Viterbo e il 9,2% a Latina. Il 2,2% proviene da fuori regione".

9:20 - Alessio D'Amato: "Non bisogna abbassare la guardia"

"Siamo in una fase in cui non bisogna abbassare la guardia. Siamo su un altopiano, molto stabile. Siamo al 3,8% è chiaro che in questo mese partivamo da dati più importanti di incremento giornaliero, attorno al 14-15, all'inizio del mese abbiamo avuto anche il 20 percento. Siamo quindi in una situazione migliore dall'inizio della crisi ma non bisogna abbassare la guardia, perché è un virus subdolo". Così l'assessore alla Sanità Alessio D'Amato, ai microfoni Rai di Buongiorno Regione. "Dal dato di ieri, come abbiamo visto - ha aggiunto - c'è stato un lieve incremento. Il numero dei guariti cresce, ma soprattutto quello di chi esce dalle quarantene è superiore a chi vi entra. E' un andamento importante, così come sono importanti i tassi di occupazione delle terapie intensive - ha detto ancora D'Amato - Abbiamo una rete assolutamente sufficiente a contrastare l'emergenza. Abbiamo messo in piedi una rete molto importante di Covid Hospital, ma anche nelle nostre province. Ringrazio gli operatori per lo sforzo. Questa rete verrà consolidata questo mese con l'entrata in campo di due realtà molto importanti - ha concluso l'assessore - una è lo Spallanzani, dove apriremo ulteriori 20 posti di terapia intensiva nell'area di biocontenimento, e poi ci sarà il contributo importante dell'ospedale militare del Celio, perché il ministero della Difesa d'accordo con la Salute ha deciso di farne un hub per il covid".

7:04 - Detenuta di Rebibbia positiva, negativi i contatti

"Ho appreso ora dalla direzione generale della Asl Roma 2 che i 75 tamponi eseguiti ai contatti stretti della donna di Rebibbia ricoverata allo Spallanzani, sono risultati tutti negativi. Una buona notizia per l'indagine epidemiologica in corso". Così in una nota l'assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D'Amato.

Roma: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24