Roma, proseguono le indagini per fare luce sugli incendi a Centocelle

Lazio

Al momento gli investigatori non escludono alcuna ipotesi: dalla criminalità al gesto di un folle. Al vaglio le registrazioni delle telecamere della zona per ricostruire la dinamica dei roghi al Baraka Bistrot e alla Pecora Elettrica

Al vaglio degli investigatori le registrazioni delle telecamere della zona e le testimonianze per far luce sugli incendi che nei giorni scorsi hanno distrutto due locali, la Pecora Elettrica e il Baraka Bistrot (FOTO), nel quartiere Centocelle a Roma.

Le indagini

Nelle prossime ore i carabinieri della compagnia Casilina invieranno un'informativa in Procura sul rogo che due notti fa ha distrutto il Baraka Bistrot. Al momento gli investigatori non escludono alcuna ipotesi: dalla criminalità al gesto di un folle. Ancora da stabilire se dietro i due incendi ci sia la stessa mano. La libreria antifascista Pecora elettrica, storico locale, si trova in una parte più isolata del quartiere mentre il "Baraka Bistrot" nella zona della movida, i titolari lo avevano preso in gestione a settembre.

Gli incendi a Centocelle

Il Baraka Bistrot, situato in via dei Ciclamini, è stato distrutto dalle fiamme nella notte tra venerdì 8 e sabato 9 novembre. La serranda è stata divelta e sono state trovate tracce di liquido infiammabile. L'incendio, divampato attorno alle 4, non ha creato danni strutturali alla palazzina. Nella notte tra lunedì 5 e martedì 6 novembre, invece, l'incendio è scoppiato nella caffetteria e libreria antifascista La Pecora Elettrica. Il locale, già distrutto dalle fiamme la notte del 25 aprile scorso, avrebbe dovuto riaprire mercoledì. Un mese fa, è stato invece l'esercizio di fronte alla Pecora Elettrica a essere distrutto dalle fiamme.

Roma: I più letti