Roma, irruzione nella sede Ama: insulti a dipendenti

Lazio

A dare notizia dell'aggressione è stata la presidente di Ama, Luisa Melara. "Chiediamo a tutti il il massimo rispetto per chi lavora" 

Tre persone, di cui una con indosso un casco, hanno fatto irruzione nella sede Ama di Trastevere, a Roma, e hanno aggredito e insultato alcuni dipendenti. A darne notizia è stata la presidente di Ama, Luisa Melara: "Chiediamo a tutti il massimo rispetto per chi lavora ogni giorno in prima linea profondendo il massimo dell'impegno per limitare i disagi derivanti dall'attuale scarsa ricettività degli impianti di destino dei rifiuti", le sue parole.

Melara: "Gesto non tollerabile"

"Che in questa situazione alcuni cittadini ritengano di avere diritto di fare irruzione in una sede di lavoro, di insultare e aggredire verbalmente persone che stanno facendo il proprio dovere non è più tollerabile", continua Melara. "Esorto - aggiunge - al senso civico e alla massima collaborazione, in particolare in un momento come questo, difficile per tutti!”. Infine, la presidente ha espresso allo staff e agli operatori "solidarietà e un ringraziamento particolare, a nome di tutto il Consiglio di Amministrazione, per aver gestito con responsabilità, professionalità e attaccamento all'Azienda l’episodio".

Roma: I più letti