Roma, fermato il leader di Forza Nuova: in Questura per controlli

Lazio

Roberto Fiore è stato fermato dalla Digos mentre si stava recando in via dei Lucani, a San Lorenzo, dove nei giorni scorsi è stata annunciata una manifestazione del movimento di estrema destra 

Il leader nazionale di Forza Nuova, Roberto Fiore, è stato fermato dai poliziotti della Digos mentre cercava di raggiungere via dei Lucani, a San Lorenzo, dove nei giorni scorsi è stata annunciata una manifestazione di Forza Nuova per sabato 25 maggio, giorno del silenzio elettorale. Il leader del movimento di estrema destra, secondo quanto si è appreso, è stato portato in Questura per dei controlli.

Il sit-in degli antagonisti

A San Lorenzo, in largo Talamo, nella mattina di sabato, sono scesi in piazza i movimenti antagonisti di sinistra per presidiare l'eventuale arrivo dei militanti di Forza Nuova davanti al palazzo in cui morì Desiree Mariottini. Sul posto sono presenti anche le forze dell'ordine.

Le parole di Fiore

"Sono stato fermato perché stavo portando un mazzo di fiori sul luogo in cui è morta Desiree. Il quartiere era completamente blindato dalle forze dell'ordine per impedirmi di entrare", ha affermato Fiore. "Tempus est tacendi. Non per il silenzio elettorale, cosa di cui mi interessa poco – ha aggiunto - ma per la vergogna che come italiano provo per Desiree e per i suoi sogni e la sua bellezza svaniti quella sera. Solo la preghiera e un mazzo di fiori per lei oggi. Ma verrà un giorno in cui il sacrificio di Pamela e Desiree saranno ricordati come l'inizio della fine di chi odia l'Italia". 

Roma: I più letti