Roma, scoperto deposito illegale di merce da rivendere: 7 denunce

Lazio

Il materiale, che veniva recuperato dai rifiuti, veniva poi rivenduto nei mercatini della Capitale. L'intera area, che comprendeva anche alcune baracche limitrofe, è stata bonificata

La polizia ha scoperto in via del Tintoretto, nelle vicinanze del parco delle Tre Fontane a Roma, un vero e proprio deposito di merci e materiali vari, accatastati e in parte già confezionati, pronti per essere venduti nei vari mercatini della Capitale. Gli agenti hanno denunciato sette persone e sequestrato oltre 150 chili di materiale ferroso. 

La scoperta del deposito

Il personale del Pics (Pronto Intervento Centro Storico), insospettito da alcuni movimenti da parte di persone che rovistavano all'interno dei cassonetti, ha avviato una serie di indagini, che ha portato all'individuazione del luogo dove tutto il materiale prelevato dai rifiuti veniva accatastato e selezionato, in attesa della successiva distribuzione. Sono stati rinvenuti numerosi sacchi, suddivisi per tipologia di articoli: capi di abbigliamento e accessori, bigiotteria e apparecchiature informatiche ed elettroniche. 

La bonifica dell'area

Sette persone di nazionalità romena sono state denunciate, e si è proceduto al sequestro di 150 kg di materiale vario, tra ferro, rame, ottone, alluminio e una decina di batterie esauste. Al termine dei controlli è stato avviato anche lo smantellamento di alcune baracche presenti nell'area adiacente. Con la collaborazione dell'Ama Decoro Urbano, tutto il materiale è stato rimosso e l'intera area è stata bonificata.

Roma: I più letti