Roma, condannato a 11 anni e 10 mesi il pugile che sequestrò bambino

Lazio
Agenzia_Fotogramma_giustizia

Il pugile professionista aveva sequestrato assieme alla madre un bambino, per farsi ridare dalla mamma del bimbo i soldi di una partita di droga. Condannati a undici anni e dieci mesi 

La Corte d’assise d’appello ha ribaltato il verdetto per Mirco Ricci, pugile professionista conosciuto come “The Predator”, e per la madre Palma Condemi, accusati di aver sequestrato un bambino di 9 anni per riavere indietro dalla madre del piccolo una partita di droga da cinquemila euro.

Per la Corte d’assise, presieduta da Andrea Calabria assieme a Giancarlo De Cataldo, non si è trattato di un tentativo di estorsione con minacce, ma di un sequestro di persona a scopo di estorsione. Per questo i due imputati sono stati condannati a undici anni e dieci mesi di reclusione ciascuno, invece che a quattro anni e mezzo ciascuno come stabilito dalla sentenza di primo grado. I giudici d’appello hanno ripristinato l’originaria imputazione (seppure assorbendo due capi d’imputazione), riconoscendo a entrambi gli imputati l’attenuante della lieve entità del fatto, nonché le attenuanti generiche prevalenti sulla minorata difesa.

Roma: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.