Provenzano (Pd) a “L’Ospite” su Sky TG24: “Al Colle serve una figura super partes“

Politica

Il vicesegretario del Partito democratico è il protagonista dell'appuntamento politico con Massimo Leoni. Tra i temi trattati, anche l’elezione del prossimo Presidente della Repubblica: “Nessuno schieramento ha la maggioranza per scegliere da solo. Serve un accordo per una figura sopra le parti e un patto di legislatura"

"Nessuno schieramento ha la maggioranza per scegliere da solo il Presidente della Repubblica: per questo serve un accordo politico per una figura super partes e un patto di legislatura”. Queste le parole sull'elezione del capo dello Stato del vicesegretario del Partito democratico Giuseppe Provenzano, protagonista de "L'Ospite", appuntamento politico del sabato pomeriggio di Sky TG24 condotto da Massimo Leoni. Al centro del botta e risposta l'imminente elezione del successore di Sergio Mattarella al Quirinale. Intanto, in serata è emerso che il centrosinistra potrebbe scegliere Andrea Riccardi come candidato di bandiera nelle prime votazioni. Il nome sarebbe emerso in ambienti M5S ed è stato confermato da fonti Dem come possibile scelta condivisa.

“Centrodestra non può fare da solo”

leggi anche

Il sondaggio per Sky TG24: Mattarella bis e Draghi i preferiti

Ore prima, interrogato da Massimo Leoni sulla volontà del centrodestra di indicare il nome per il Colle, il vicesegretario dem ha risposto: “I numeri dicono che nessuno ha la maggioranza autosufficiente, e quindi dobbiamo condividere la scelta sul Colle. Il presidente deve essere scelto dalla politica, serve un accordo con tutte le forze sulla scena”. Che deve riguardare non solo l'elezione del Presidente: "Governiamo con una maggioranza di unità nazionale, che non si può rompere in un passaggio così delicato e poi far finta di nulla. Sediamoci intorno a un tavolo".

“Capo dello Stato deve essere condiviso”

leggi anche

Draghi al Colle? Scatta toto-nomi per la successione a Palazzo Chigi

L’ipotesi di Mario Draghi al Quirinale sembra quella più solida in questo momento: sarebbe l’abdicazione della politica a una figura tecnica, una sorta di commissariamento della politica che dura sette anni? “Dipende come si arriverebbe a uno scenario del genere”, risponde il vicesegretario dem. “La scelta deve essere fatta dalla politica, se si individuasse in Mario Draghi la figura istituzionale per il Colle, un conto è arrivarci con un accordo politico, un conto è arrivarci dopo un caos. Al di là del nome, se la politica vuole riscattarsi agli occhi dei cittadini, invece di dare lo spettacolo di un Parlamento impantanato teatro di trame e mercanzie, sediamoci insieme e individuiamo la figura istituzionale e facciamo le riforme necessarie. Tra queste anche una legge elettorale”.

“Serve un patto di legislatura”

Per il vicesegretario dem è fondamentale un "patto di legislatura: il primo punto è individuare una figura super partes, il secondo è un nuovo accordo per rilanciare il governo e il terzo i temi fino alla fine della legislatura. Questi sono gli elementi che proponiamo alle altre forze politiche”, ha spiegato Giuseppe Provenzano.

“Rispettare volontà di Mattarella"

approfondimento

Sergio Mattarella, 7 anni al Colle da arbitro e garante

Un bis di Mattarella al Colle è fuori discussione? “Sarebbe il massimo, ma bisogna rispettare le sue intenzioni”, ha risposto Provenzano. Ma il nome forte sul piatto è sempre quello di Mario Draghi: se salisse al Colle, come vedrebbe la figura di Marta Cartabia come premier? “Questo non è il momento di fare nomi. Se sarà necessario fare un nuovo governo, se ne discuterà nel rispetto delle prerogative del Capo dello Stato. Non dobbiamo dare un messaggio di lontananza rispetto ai problemi dei cittadini: il rilancio dell’azione di governo deve affrontare le urgenze del Paese, dai casi di Covid-19 ai problemi del lavoro”.

L’incontro tra Letta e Salvini

È possibile che ci sia un passo avanti dettato dagli incontri in programma nelle prossime ore e ne prossimi giorni?  "Lo spero - dice Provenzano - Mi auguro che l'incontro tra il nostro segretario Letta e Matteo Salvini possa dare un'accelerazione significativa e una soluzione e individuare una candidatura condivisa, sarebbe un segnale da dare ai cittadini per recuperare credibilità. Sarebbe bello eleggere qualcuno alle prime elezioni". Poi alla domanda sull'ipotesi che serva aspettare la quarta votazione per avere il nuovo Presidente della Repubblica, Provenzano risponde: “Spero di no. Questa messa in scena del centrodestra con la candidatura di Berlusconi è stata una perdita di tempo verso quell’accordo che è necessario”.

L'Ospite di Massimo Leoni

leggi anche

Luca Zaia a "L'Ospite": "Centrodestra compatto sul candidato al Colle"

La cifra de “L’Ospite” è la schiettezza nel rapporto tra ospite e intervistatore ma anche con il pubblico. Prima del faccia a faccia Massimo Leoni, ascoltato dall’ospite, anticipa agli spettatori riflessioni e opinioni sulla personalità intervistata e i principali quesiti sui quali chiederà delle risposte. Inoltre in ogni puntata l’ospite sceglie, spiegando la decisione, un brano musicale che accompagna l’intervista. Le interviste de “L’Ospite” sono disponibili anche tra i podcast di Sky TG24, sul sito skytg24.it.

Politica: I più letti