Coronavirus, Cdm approva la proroga dello stato di emergenza al 15 ottobre

Politica
©Ansa

Il provvedimento ha avuto il sì del Senato lo scorso 28 luglio e quello di Montecitorio il 29. Il presidente del Consiglio Conte: "Nessuna misura più restrittiva, nessun ritorno al lockdown". Ma le opposizioni attaccano

Via libera del Consiglio dei ministri alla proroga dello stato di emergenza per coronavirus al 15 ottobre. Il provvedimento ha avuto il sì del Senato lo scorso 28 luglio e della Camera il 29. L'attuale stato di emergenza era in scadenza al 31 luglio (CORONAVIRUS, GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI - SPECIALE).

L'ok della Camera

approfondimento

Stato d'emergenza, cosa succede da qui al 15 ottobre. FOTO

Dopo il via libera del Senato, la risoluzione della maggioranza per la proroga dello stato di emergenza è stata approvata anche alla Camera il 29 luglio. Il documento è passato con 286 voti a favore, 221 contrari e 5 astenuti.

Le polemiche sulla proroga

leggi anche

Conte: "Proroga dello stato emergenza fino a ottobre". Senato approva

Lo scorso 28 luglio il premier Giuseppe Conte, in Aula a Palazzo Madama, ha formalizzato la decisione del governo e della maggioranza in una lunga "arringa". Il presidente del Consiglio, in quell'occasione, ha elencato tutti i presupposti giuridici ed empirici che portano l'esecutivo a tenere quella cornice normativa che permette di intervenire "con tempestività ed efficacia" e di completare quanto finora fatto. Ma il premier non aveva convinto le opposizioni. Fi, Lega e Fdi erano tornate a compattarsi contro la proroga e Matteo Salvini, nel pomeriggio, aveva chiamato il capo dello Stato Sergio Mattarella per manifestare il suo "sconcerto". Alla fine il Senato ha dato il via libera alla proroga, ma con solo 157 voti a favore, 125 contrari e 3 astenuti, mentre Mattia Crucioli, già in passato in dissenso con il M5s, ha votato contro il suo gruppo. E hanno votato contro anche due ex M5s, Carlo Martelli e Lelio Ciampolillo. La mozione dell'opposizione è stata bocciata (preclusa e non votata) nella parte che dice no alla proroga ma approvata nel passaggio che chiede il coinvolgimento delle Regioni, con 281 sì e 3 astenuti.

Politica: I più letti