Coronavirus, Zaia: "Sembra che paziente 0 serbo che ha contagiato vicentino sia deceduto"

Politica
©Getty

Il governatore del Veneto torna sul caso dell’imprenditore che, dopo aver importato il Covid dalla Serbia, ha ignorato ogni cautela. E spiega che sarà presentata una segnalazione alla Procura di Vicenza per valutare eventuali profili di colpevolezza. "Ora il governo deve intervenire", incalza. E annuncia: “Lunedì farò un'ordinanza che serra il più possibile le maglie dell'isolamento fiduciario"

"Il paziente serbo 0 che ha contagiato l'imprenditore vicentino sembra sia deceduto mercoledì". A dirlo è il governatore del Veneto Luca Zaia che torna così sui nuovi contagi da Coronavirus nella sua Regione. Il caso al centro della polemica è quello di un manager veneto che, dopo aver importato il Covid-19 dalla Serbia, ha ignorato ogni cautela, è stato reticente sui suoi numerosi contatti e ha rifiutato a più riprese di farsi ricoverare. Proprio per questo, ha fatto sapere Zaia, su quanto è accaduto sarà presentata una segnalazione  alla Procura di Vicenza. L'obiettivo: valutare eventuali profili di colpevolezza da parte dell'uomo che, pur sapendo di essere positivo, ha diffuso il contagio (GLI AGGIORNAMENTI LIVE - LO SPECIALE). 

Zaia: "Tso o carcere per gli irresponsabili"

"C'è poco da fare: con qualcuno la soluzione non può che essere il Trattamento sanitario obbligatorio. Il Tso. E bisogna inasprire le pene: qui si parla di vite umane, non di divieti di sosta", ha detto inoltre il governatore in un'intervista al Corriere della Sera sul caso. "Qui si corre contro il tempo, il sistema riesce a contenere i contagi soltanto se tutte le persone che sono venute a contatto con il positivo, peraltro in questo caso sintomatico, vengono isolate", ha quindi aggiunto.

"Il governo deve intervenire"

approfondimento

Coronavirus, la situazione in Italia: grafici e mappe

Zaia ha poi anticipato: “Lunedì farò un'ordinanza che serra il più possibile le maglie dell'isolamento fiduciario. Ma il governo deve intervenire".  "Dobbiamo essere severissimi: chi è in quarantena fiduciaria deve stare a casa. Non possiamo buttare via mesi di sacrifici e sostenere costi mastodontici per qualche genio", ha aggiunto il governatore. "Tra l'altro", avverte, "vediamo già che il virus ha nuove fiammate anche dove pareva superato".

Politica: I più letti