Renzi a Sky TG24: “Investire sul lavoro, sbloccare i cantieri”. VIDEO

Politica

Il leader di Italia Viva avverte: “O ci mettiamo adesso, subito, a creare i posti di lavoro, oppure un pezzo d’Italia sarà portato via dalla crisi”.  Sulla scuola: "Bisogna mettere miliardi di euro nell’edilizia scolastica". E sul Mes incalza: "Chi dice no tiri fuori 37 miliardi a tasso vantaggioso"

“Ora o mai più. O ci mettiamo adesso, subito, a creare i posti di lavoro oppure un pezzo d’Italia sarà portato via dalla crisi”. A dirlo, intervistato da Sky TG24, è il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, che chiarisce: “Per questo le infrastrutture sono da sempre nella storia dell’economia politica lo strumento migliore, poi in Italia servono. È l’uovo di Colombo: ci sono i soldi, servono le cose che dobbiamo fare e quelle cose, che puoi fare con i soldi che ci sono, creano posti di lavoro. Aspettare è da pazzi” (CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI LIVE - LA SITUAZIONE IN ITALIA).

Renzi: "Bisogna mettere miliardi di euro nell’edilizia scolastica"

approfondimento

Coronavirus, dal primo caso ai contagi: le tappe. FOTO

Renzi, inoltre, ricorda: “Due mesi fa ho detto di riaprire le scuole e sono stato subissato di fischi e di insulti. Forse avremmo potuto gestire in modo diverso, per esempio portando nel mese di maggio a scuola i ragazzi della maturità, facendo a tutti il test sierologico e controllando tutti” (COME SARÀ LA MATURITÀ). Per il leader di Italia Viva però ora è tempo di pensare a settembre. La didattica a distanza “non è la soluzione, ci vuole il contatto e bisogna avere delle aule migliori. Bisogna mettere miliardi di euro nell’edilizia scolastica. Chiediamo si sbloccare i cantieri, abbiamo perso tre mesi ma abbiamo ancora altri tre mesi”, incalza.

"Chi dice no al Mes tiri fuori 37 miliardi a tasso vantaggioso"

Ma Renzi è tornato anche sul tema del Mes: “Sono soldi che ci vengono offerti a un prezzo più vantaggioso. Costa meno restituire il prestito del Mes che restituire il prestito che prendiamo sui mercati. Chi dice di no al Mes vuol dire che ha dei soldi da parte. Se quelli che dicono no al Mes ci prestano 37 miliardi, noi diciamo no al Mes. Finché non tirano fuori 37 miliardi sull’unghia, prendiamo quelli più vantaggiosi” (VIDEO).

"Elezione diretta del capo del Governo è una possibilità"

Poi un passaggio anche sull’elezione diretta del capo del Governo che per Renzi “è una possibilità”. “Non voglio essere io a fare la proposta”, chiarisce, “altrimenti mi accusano di personalizzare, scelgano qual è la strada migliore. Noi viviamo in un tempo in cui tutto è sondaggio, opinione, news 24 ore su 24, Twitter, Instagram e dall’altro lato abbiamo un sistema, la democrazia parlamentare, che viene percepito come arcaico. È molto bello, ha una sua storia, una sua dignità e una sua tradizione, ma spesso non si concilia con queste nuove forme e questi nuovi modelli”.

 

Politica: I più letti