Nave Aquarius, Macron: “Non posso dare ragione a chi provoca”

6' di lettura

Cresce la tensione tra Italia e Francia. Tria non vedrà l'omologo francese, Conte valuta rinvio visita a Parigi. Salvini riferisce in Senato: "Niente da imparare su solidarietà, Eliseo si scusi". Il premier maltese contro il ministro: "Dichiarazioni inaccettabili"

È ancora tensione tra Italia e Francia sulla questione dei migranti innescata dal caso della nave Aquarius, partita alla volta di Valencia scortata da due imbarcazioni italiane. Per tutto il giorno, tra i due Paesi ci sono stati scambi di accuse e frecciatine. Che hanno portato prima il ministro dell'Economia Giovanni Tria ad annullare l'incontro con l'omologo francese Bruno Le Maire, in programma oggi a Parigi, e poi il premier Giuseppe Conte a valutare il rinvio della sua visita nella capitale francese - e del bilaterale con il presidente Emmanuel Macron - previsti per venerdì. Al momento non sussistono le condizioni, dicono fonti di Palazzo Chigi, precisando che il viaggio non è stato annullato. Nuovi attacchi all'inquilino dell'Eliseo sono arrivati dal ministro dell'Interno Matteo Salvini, che oggi ha anche riferito in Senato sul caso Aquarius (GLI AGGIORNAMENTI).

Lo scontro Salvini-Macron

"Non abbiamo niente da imparare da nessuno in termini di solidarietà. La nostra storia non merita di essere apostrofata in questi termini da esponenti del governo francese, che spero diano scuse", ha detto il vecepremier. E ancora, su Macron: "Passi dalle parole ai fatti e domani mattina accolga i 9mila migranti che si era impegnato ad accogliere". La replica del presidente francese: "Non posso dare ragione a chi provoca". La controreplica di Salvini: "Macron continua istericamente la sua guerra al popolo italiano". L'Eliseo, comunque, ha fatto sapere che "non ha ricevuto nessuna informazione dalla presidenza del Consiglio italiana su una richiesta di scuse o su un possibile annullamento della visita" di Conte. Il ministro Le Maire, invece, ha espresso "rammarico" per la decisione di Tria di non incontrarlo a Parigi e ha ricordato che il ministro sarà comunque nella capitale francese nei prossimi giorni. Tra i due, spiegano fonti del Mef, c'è stata una telefonata in un ''clima cordiale'' e "si incontreranno in vista dell'Eurogruppo e l'Ecofin". Il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi, intanto, ha convocato e ricevuto alla Farnesina l'incaricata d'affari dell'ambasciata francese, Claire Anne Raulin, e ha auspicato che le autorità francesi "assumano rapidamente le iniziative idonee a sanare la situazione che si è venuta a creare". "Il governo italiano - fa sapere in una nota - considera inaccettabili le parole usate nelle dichiarazioni pubbliche". E da Parigi sono arrivate parole più distensive: "Siamo perfettamente coscienti del carico che la pressione migratoria fa pesare sull'Italia e degli sforzi di questo Paese. Teniamo al dialogo con Roma".

L'intervento in Aula di Salvini

Durante il suo intervento nell'Aula del Senato, oltre ad attaccare la Francia, Salvini ha voluto rispondere a chi accusava il governo di isolarsi rispetto all'Unione europea dopo la presa di posizione su Aquarius: "Non siamo mai stati così centrali ed ascoltati", ha detto. Poi ha ringraziato la Spagna e il presidente spagnolo Pedro Sánchez che ha dato l'ok per l'attracco di Aquarius al porto di Valencia: "Mi auguro e spero che eserciti la sua generosità anche nelle prossime settimane, avendo spazio per farlo". Salvini ha poi precisato che l'Italia accoglie 170mila migranti a fronte dei 16mila della Spagna. E più volte ha ribadito che il nuovo governo non può essere considerato "non umano": "Da padre di due bambini, non voglio che altri bambini vengano messi su un gommone e muoiano nel Mediterraneo perché qualcuno li illude che in Italia c'è lavoro e casa per tutti. Sono stufo". Salvini ha parlato anche di "morti di Stato" riferendosi alle vittime dei flussi migratori. Poi ha aggiunto: "Dallo sbarco alla definizione dello status di un richiedente asilo passano tre anni. Troppo tempo. Nel 2018 ci sono state 42mila domande d'asilo, solo a 7 su 100 viene riconosciuto lo status di rifugiato politico, più un 4% di protezione sussidiaria. La maggioranza delle domande viene respinta perchè non ha fondamento. Ma c'è il business degli avvocati d'ufficio che fanno milioni di euro alle spalle di questi disgraziati ed occupano i tribunali".

Le reazioni di Ue e altri Paesi

Sulla questione relativa alla nave Aquarius è intervenuto anche Antonio Tajani, aprendo il dibattito in plenaria sulle migrazioni. "Chiedo alla Commissione e al Consiglio di agire. Le polemiche fra gli Stati non servono a nulla, sono soltanto delle piccole beghe che non risolvono e rischiano di provocare effetti nefasti nell'intera Ue", ha detto il presidente del Parlamento europeo. E sull'Aquarius sono intervenuti anche altri Paesi. Da una parte c'è stato il plauso della Libia: "Grazie a Dio l'Italia s'é finalmente risvegliata dopo essere stata a lungo un centro di sversamento di migranti da parte del mondo" e "siamo molto contenti di questa decisione", ha detto il portavoce della Marina Ayob Amr Ghasem. Dall'altra le critiche di Malta: "Speriamo che le relazioni bilaterali con l'Italia possano essere normalizzate, nonostante le dichiarazioni inaccettabili fatte da un ministro del governo", ha scritto su Twitter il premier Joseph Muscat. Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz, invece, ha annunciato la necessità di "un asse dei volenterosi" per contrastare l'immigrazione illegale. "Sono lieto della buona cooperazione che vogliamo costruire fra Roma, Vienna e Berlino. È ragionevole - ha aggiunto in una conferenza stampa con il ministro degli Interni tedesco Horst Seehofer - collaborare per ridurre ulteriormente l'immigrazione illegale". Sulla possibile cooperazione sono arrivate anche le dichiarazioni della cancelliera tedesca Angela Merkel: "Credo che oltre all'Italia, molto esposta alla migrazione, ci siano anche la Grecia e la Spagna in una certa misura, e quindi ritengo che vi debbano essere più di una cooperazione del genere". 

La nave Aquarius verso Valencia

E mentre le polemiche continuano, la nave Aquarius - che per due giorni è stata ferma a 27 miglia a nord di Malta e a 35 a sud della Sicilia - è partita in direzione della Spagna accompagnata da due imbarcazioni italiane, una della Guardia costiera e una della Marina militare. A Catania invece è arrivata la nave Diciotti con a bordo 937 persone salvate in mare. In Libia sarebbero 50mila i profughi pronti a salpare verso l'Italia.

Il caso Aquarius
Guarda tutti i video

Data ultima modifica 13 giugno 2018 ore 18:50

Leggi tutto
Prossimo articolo

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Schermata Home"

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Home"