Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Governo, dalla fiducia (o sfiducia) alle elezioni, le prossime tappe

5' di lettura

Un percorso di circa quattro mesi, che inizia con il conferimento dell'incarico a Carlo Cottarelli e può sfociare in nuove elezioni subito dopo l'estate. Il presidente del consiglio deve ottenere la fiducia parlamentare, altrimenti si torna alle urne

Dal conferimento dell'incarico a Carlo Cottarelli (CHI E') a nuove elezioni subito dopo l'estate (LIVE). È questo il percorso di circa quattro mesi, scandito da diverse tappe istituzionali e previste dalla legge, che sembra delinearsi dopo che il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha affidato l'incarico a formare il governo all'economista ex spending review e Lega, M5s, Forza Italia e FdI hanno annunciato che non voteranno la fiducia all'esecutivo.

Un esecutivo "sfiduciato"

Il governo guidato da Cottarelli, quindi, sarebbe un esecutivo "sfiduciato", che - come ha spiegato lo stesso premier incaricato - "si dimetterebbe immediatamente e il suo principale compito sarebbe la gestione dell'ordinaria amministrazione e accompagnare il Paese a elezioni dopo il mese di agosto" (VIDEO). Al momento, tuttavia, non è possibile fare una previsione su quando il Capo dello Stato potrebbe sciogliere le Camere una volta dimessosi il governo.

Le tappe principali

Queste le principali tappe dal conferimento dell'incarico fino a nuove elezioni:

- PRESIDENTE REPUBBLICA AFFIDA INCARICO O PREINCARICO: Il presidente della Repubblica conferisce l'incarico. L'incaricato può accettare subito o accettare con riserva, ovvero prendersi alcuni giorni per avviare un confronto con le forze politiche e solo dopo tale confronto sciogliere la riserva. In questo caso, falliti tutti i tentativi di avere un governo politico con una maggioranza politica, Mattarella ha affidato a Carlo Cottarelli l'incarico. L'economista ha accettato con riserva, ma non svolgerà le tradizionali consultazioni con i partiti. 

- SCIOGLIMENTO RISERVA E LISTA MINISTRI: Una volta stilata la lista di ministri il presidente del Consiglio incaricato sale al Quirinale, scioglie la riserva e propone la sua lista al Capo dello Stato che, dopo averla accolta in toto o con qualche variazione concordata con il premier, nomina i ministri.

- NUOVO GOVERNO E GIURAMENTO: Il presidente del Consiglio e i ministri giurano nel salone delle Feste al Quirinale.

- CERIMONIA DELLA CAMPANELLA E PRIMO CDM: I componenti dell'esecutivo, una volta prestato giuramento al Quirinale, scenderanno a palazzo Chigi dove si svolgerà la cerimonia della campanella, cioè il passaggio di consegne con il premier uscente, e di seguito la prima riunione del Consiglio dei ministri che servirà a nominare il sottosegretario alla presidenza del Consiglio.

Il voto di fiducia del Parlamento

- PARLAMENTO VOTA FIDUCIA (O SFIDUCIA) A GOVERNO: Dopo il passaggio di consegne tra il presidente del Consiglio uscente e il nuovo, il neo-premier si riserverà alcune ore per scrivere il discorso programmatico con il quale si presenterà alle Camere per chiedere il voto di fiducia. Vale il principio della cosiddetta “culla”: si chiede per prima la fiducia alla Camera che la volta precedente fu lasciata per ultima. In questo caso si dovrà cominciare dal Senato. Ottenuta la fiducia il governo è in carica e può iniziare la sua attività. Se, come sembra profilarsi, il governo non dovesse ottenere la fiducia, il presidente del Consiglio si recherà al Colle per dimettersi. Lo stesso Cottarelli ha spiegato che, in caso di sfiducia, lo farà "immediatamente". (CREA LA TUA MAGGIORANZA: IL SIMULATORE)

- SCIOGLIMENTO DELLE CAMERE: Lo scioglimento delle Camere, secondo l'articolo 88 della Costituzione, spetta al Presidente della Repubblica, sentiti i presidenti delle Camere stesse. Il decreto presidenziale di scioglimento deve essere controfirmato dal presidente del Consiglio.

Se si torna al voto

- DATA ELEZIONI: La decisione sulla data delle elezioni spetta al governo che la decide con una riunione del Consiglio dei ministri, in un arco temporale fissato dalla carta che va dai 45 ai 70 giorni dopo lo scioglimento. Ma servono almeno circa 60 giorni per consentire tutto lo svolgimento delle necessarie procedure per il voto degli italiani all'estero.

- CAMPAGNA ELETTORALE: Con lo scioglimento delle Camere parte ufficialmente la campagna elettorale.

- PRESENTAZIONE DEI SIMBOLI DEI PARTITI PER LE ELEZIONI: Vanno depositati al Viminale tra il 44esimo e il 42esimo giorno (entro le 16) prima del voto.

- PRESENTAZIONE DELLE LISTE DEI CANDIDATI: Devono essere presentate tra il 35esimo e il 34esimo giorno prima del voto.

- COMIZI ELETTORALI: Per legge, mentre la campagna elettorale politica di fatto è già cominciata, lo svolgimento dei comizi elettorali può svolgersi solo dal 30esimo giorno prima del voto fino alle 24 ore prima. Questa norma riguarda in particolare gli spazi di affissione e l'autorizzazione all'uso delle piazze e dei luoghi pubblici. Nelle 24 ore prima del voto si deve rispettare il silenzio elettorale.

- SONDAGGI: è vietata la loro diffusione nei 15 giorni che precedono le elezioni.

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"