Covid Sicilia, il bollettino: 156 nuovi casi su 9.759 tamponi

Sicilia
©Ansa

Il tasso di incidenza è pari all'1,6%. I pazienti in cura in terapia intensiva sono 43, mentre le persone in isolamento domiciliare sono 7.448

 

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi in Sicilia

 

A fronte di 9.759 tamponi, sono 156 i nuovi casi di coronavirus registrati oggi in Sicilia.

Intanto, "c’è una diffusa cultura del vaccino in Sicilia, anche nelle fasce giovanili. L’apertura ai giovani ha prodotto una grande crescita nelle somministrazioni: nei primi giorni di avvio, il portale ha registrato ben 120mila richieste. Ed è una stagione davvero felice: se continua così e se avremo vaccini a sufficienza, pensiamo che entro settembre sarà immunizzata la stragrande maggioranza dei siciliani”, sono le parole a Sky TG24 di Nello Musumeci. (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - MAPPE E GRAFICI DEI CONTAGI - I DATI DEI VACCINI IN ITALIA)

19:37 - Bonus per sanitari, domani protesta a Palermo

La beffa per gli operatori sanitari del Civico, premi per tutti anche per chi non è stato in trincea contro il Covid, e così i famosi mille euro in busta paga sono scesi anche fino a 165 euro. Lo denuncia il sindacato Nursind Palermo che segnala un allargamento della platea dei beneficiari, che era stato suddivisA in tre fasce, "in maniera molto discutibile, anche perché salta agli occhi il fatto che in alcune di queste unità operative lavorano noti sindacalisti dell'azienda". "Il risvolto è stato che i dipendenti si sono visti assegnare per la fascia A 810 euro, fascia B 490 fascia c 165 euro", sostiene il sindacato. A Villa Sofia-Cervello invece, secondo il sindacato, non è stato pagato alcun beneficio economico a causa della mancata nomina di un componente del collegio dei revisori. Per questo motivo domani dalle 10 i sindacati Nursind, Fials, Nursing Up e Uil Fpl manifesteranno in piazza Ottavio Ziino a Palermo.

18:00 - In Sicilia 156 nuovi casi su 9.759 tamponi

Sono 156 i nuovi positivi al Covid19 registrati in Sicilia nelle ultime 24 ore, su 9.759 tamponi processati, con una incidenza del 1,6%, che dunque torna a scendere e si allinea alla media nazionale. La Regione è nuovamente al terzo posto in Italia per numero di contagi giornalieri. Le vittime sono state 3 e fanno salire il totale a 5.876. Il numero degli attuali positivi è di 7.883 con una diminuzione di 88 casi dopo il lieve aumento limitato alla giornata di ieri. I guariti sono 241. Negli ospedali i ricoverati sono 435, 9 in più rispetto a ieri, quelli nelle terapie intensive sono 43, uno in meno rispetto al bollettino precedente. La distribuzione di casi registrati per province vede Palermo e Catania praticamente appaiate con, rispettivamente, 42 e 41 casi, Messina 24, Caltanissetta 17, Siracusa 14, Trapani 13, Ragusa 4, Enna 1 e nessun caso ad Agrigento

15:08 – D'Anneo: “A Palermo drammatico aumento della mortalità”

"I dati contenuti nel rapporto confermano il drammatico incremento della mortalità totale nella città di Palermo già rilevato nei precedenti rapporti. In particolare, dopo una diminuzione registrata a febbraio, a partire da metà marzo si è registrata nuovamente una mortalità superiore all'atteso". Lo dice Girolamo D'Anneo, responsabile dell'Ufficio Statistica del Comune, che ha elaborato il focus sulla città, dopo la pubblicazione del rapporto sull'andamento della mortalità giornaliera nelle città italiane aggiornato al 25 maggio1, a cura del ministero della Salute e del dipartimento di epidemiologia SSR Regione Lazio. "Nel mese di gennaio i decessi rilevati a Palermo sono stati 763, contro una media degli ultimi 5 anni pari a 684 (+79 decessi, pari a +12%). Nel mese di febbraio sono stati 575, contro una media degli ultimi 5 anni pari a 588 (-13 decessi, pari a -2%). Nel mese di marzo sono stati 679, contro una media degli ultimi 5 anni pari a 619 (+60 decessi, pari a +10%). Nel mese di aprile sono stati 653, contro una media degli ultimi 5 anni pari a 530 (+123 decessi, pari a +23%). Nella prima metà di maggio i decessi rilevati a Palermo sono stati 305, contro una media degli ultimi 5 anni pari a 236 (+69 decessi, pari a +29%). "Passando - dice D'Anneo - a un'analisi dei decessi settimanale, si rilevano dei picchi di eccesso di mortalità particolarmente elevati nelle settimane dal 20 al 26 gennaio (+34,5%), dal 24 al 30 marzo (+40,3%) e dal 14 al 20 aprile (+33,6%). Dal 24 marzo e fino a metà maggio l'incremento di mortalità è risultato sempre superiore al 20%. In valore assoluto, dal 30 dicembre 2020 al 25 maggio 2021, a Palermo si sono registrati 3179 decessi, con un incremento di 348 unità (+12,3%) rispetto alla media degli ultimi 5 anni".

14:41 - Vaccini, open day over 18: 200 in Fiera Palermo

"Circa duecento persone si sono presentate alla prima serata di vaccinazioni AstraZeneca in open day alla Fiera del Mediterraneo di Palermo. La possibilità di venire a vaccinarsi senza prenotazione con AstraZeneca è aperta a tutti coloro che hanno compiuto la maggiore età; si potrà partecipare fino all'8 giugno compreso, esclusivamente nella fascia oraria tra le 19 e le 24". E' quanto si legge in una nota dell'ufficio del commissario Covid di Palermo. "L'iniziativa, voluta dalla Regione, è stata pensata per dare ancora più impulso alla campagna vaccinale degli over 18 - afferma il commissario Renato Costa -. Stiamo riscontrando una buona affluenza soprattutto da parte dei ragazzi: sono i più impazienti di riappropriarsi delle loro vite".

12:49 - Nello Musumeci: "Entro fine settembre immune gran parte della Sicilia"

"C’è una diffusa cultura del vaccino in Sicilia, anche nelle fasce giovanili. L’apertura ai giovani ha prodotto una grande crescita nelle somministrazioni: nei primi giorni di avvio, il portale ha registrato ben 120mila richieste. Ed è una stagione davvero felice: se continua così e se avremo vaccini a sufficienza, pensiamo che entro settembre sarà immunizzata la stragrande maggioranza dei siciliani”, sono le parole a Sky TG24 di Nello Musumeci, presidente della Regione Sicilia, ospite di ‘Start’. "Tutto bene sul fronte AstraZeneca, con il superamento dei timori", ha aggiunto il governatore, così come sul versante delle isole minori Covid-free.

12:47 - Nello Musumeci: "Giovani consapevoli di importanza vaccino"

“Abbiamo affrontato settimane difficili per superare il partito dei recalcitranti e dei diffidenti al vaccino. L'apertura ai giovani ha avuto delle risposte straordinarie segno evidente che c'è una diffusa cultura del vaccino che diventa cultura della prevenzione. Nei giovani c'è una maggiore consapevolezza e responsabilità dell'utilità del vaccino rispetto agli over 60", ha detto Nello Musumeci, presidente di Regione Siciliana, a Sky Tg24.

12:44 - Nello Musumeci: "Con farmacie e vaccini domiciliari raggiunti anche anziani"

"Grazie alle aperture dei vaccini nelle farmacie e con le vaccinazioni domiciliari abbiamo raggiunto anche quegli anziani che non volevano sottoporsi al vaccino. Con gli over 80 abbiamo raggiunto l'80,91% in prima dose e il 72% in seconda dose”, ha detto Nello Musumeci, presidente di Regione Siciliana, a Sky Tg24.

12:42 - Nello Musumeci: "Lidi e Camper attrezzati per dosi a turisti"

Musumeci si è detto favorevole "a fornire la seconda dose del vaccino ai turisti che si trovano in Sicilia. Abbiamo pensato ad aree attrezzate negli stabilimenti balneari e a dei camper con personale medico per arrivare laddove si trovano i turisti, e consentire così le vaccinazioni”. Poi: “Finora sappiamo che chi si trova in Sicilia per motivi di necessità o di lavoro può essere sottoposto al vaccino. Noi speriamo di ottenere che anche il turista che si trova in Sicilia possa essere vaccinato. Credo che sia necessario conciliare la programmazione della vacanza, che non sempre è un fatto autonomo, con il richiamo del vaccino. Si può mettere il turista nella condizione di andare in vacanza e di sottoporsi al vaccino. Stiamo trattando con il generale Figliuolo e sono convinto che prevarrà il buon senso”. E sulle discoteche aperte a fine giugno: "“Anche noi abbiamo ricevuto lamentele dai gestori delle discoteche. credo che la politica debba essere prudente, fare un passo indietro e lasciare campo alla scienza. Se ci sono le condizioni perché le discoteche possano ospitare un certo numero di ospiti credo che le discoteche possano aprire a fine giugno. C’è un indotto molto significativo ed è giusto che anche questi operatori economici abbiano un po' di respiro”, ha detto Nello Musumeci, presidente di Regione Siciliana, a Sky Tg24.

12:40 - Nello Musumeci: "Sicilia dal 21 giugno in zona bianca ma al sicuro solo se tutti vaccinati"

"La Sicilia sta scontando l'ultima zona rossa che dopo Pasqua ci ha messo seriamente in difficoltà. Ma siamo tutti ottimisti e dal 21 giugno anche noi torneremo senza limiti, anche se bisogna continuare a osservare le regole della prudenza. La battaglia contro il virus non è vinta e non è il colore della zona che ci mette al sicuro. Quello che ci mette al sicuro è che anche l'ultimo cittadino siciliano sia sottoposto a vaccino”, ha detto Nello Musumeci, presidente di Regione Siciliana, a Sky Tg24.

11:03 - Sicilia, migliorano dati settimana ma non in intensiva 

L'ufficio statistica del Comune di Palermo ha reso noti i dati relativi all'andamento della pandemia, diffusi ieri dal dipartimento della Protezione civile e riguardanti la settimana appena trascorsa. Si riducono i nuovi positivi, i ricoverati e le morti, anche se aumenta rispetto alla settimana precedente il numero dei nuovi ingressi in terapia intensiva. I nuovi positivi in Sicilia sono 1.973, il 25,8% in meno rispetto alla settimana precedente, quando si era registrata una diminuzione del 6,3%. Ed è l'incremento settimanale più basso dallo scorso ottobre. Il numero degli attuali positivi è di 7.971, 1912 in meno rispetto alla settimana precedente. Le persone in isolamento domiciliare sono 7.545, 1.789 in meno. I ricoverati sono 426, di cui 44 in terapia intensiva. Rispetto alla settimana precedente sono diminuiti di 123 unità (-21 in terapia intensiva). Nella settimana appena conclusa si sono registrati 14 nuovi ingressi in intensiva (+27,3% rispetto agli 11 della settimana precedente). Il numero dei guariti (213.680) è cresciuto di 3.831 unità. La percentuale dei guariti sul totale positivi è pari al 93,9% (era il 93,0% domenica scorsa). Il numero di persone decedute registrato nella settimana è pari a 54 (la settimana scorsa 80). Complessivamente le persone decedute sono 5.873, e il tasso di letalità (deceduti/totale positivi) è pari al 2,6% (come domenica scorsa). I ricoverati complessivamente rappresentano il 5,3% degli attuali positivi (i ricoverati in terapia intensiva lo 0,6%).

10:29 - Al Cannizzaro di Catania anticorpi monoclonali a oltre 100 pazienti 

Hanno superato quota 100 i trattamenti con anticorpi monoclonali contro il Covid-19 eseguiti dall'Azienda ospedaliera Cannizzaro di Catania nell'Unità Operativa Complessa di Malattie Infettive. Si tratta di circa 1/3 di tutte le somministrazioni effettuate in Sicilia, che al 3 giugno, secondo il report dell'Agenzia Italiana per il Farmaco, erano poco più di 300. L'ospedale Cannizzaro ha selezionato, tra i primi in Sicilia, già dall'inizio di aprile i pazienti da avviare alla terapia monoclonale e nessuno di quelli trattati finora ha avuto necessità di un ricovero, un risultato raggiunto grazie alla collaborazione con il Commissario per l'emergenza CovidPino Liberti el'UOC di Farmacologia Clinica del Policlinico di Catania. Ma il 'modello Cannizzaro', che ha portato l'Azienda ospedaliera al primato regionale per numero di trattamenti eseguiti, fa leva anche sull'organizzazione messa a punto e sul rapporto con il territorio. "La tempestività nella selezione e nell'invio dei pazienti è fondamentale per l'efficacia del trattamento - afferma il direttore generale dell'Azienda Salvatore Giuffrida - e sotto questo profilo si è creata una valida sinergia con i medici di base e con le Usca che permette un confronto e uno scambio di informazioni quotidiani. Si è poi rivelato particolarmente utile il supporto di Croce Rossa Italiana nell'accompagnamento dal domicilio fino all'ambulatorio dei pazienti da trattare, che essendo positivi richiedono un trasporto protetto. Grazie alle condizioni create dall'assessore regionale alla Salute Ruggero Razza si è quindi instaurata una virtuosa integrazione ospedale-territorio che rappresenta una potente arma, insieme con la campagna vaccinale, nella lotta al Covid".

7:10 - In Sicilia 275 nuovi casi su 7.232 tamponi

Sono 275 i nuovi positivi al Covid-19 registrati in Sicilia nelle ultime 24 ore, su 7.232 tamponi processati, con un'incidenza del 3,8%. Le vittime sono due e fanno salire il totale a 5.873. Il numero degli attuali positivi è di 7.971 e tornano a salire di 76 unità i nuovi casi. I guariti sono solo 197. Negli ospedali i ricoverati sono 426, quelli nelle terapie intensive sono 44. La distribuzione di casi registrati per province vede Catania con 86 casi, Palermo 68, Siracusa 55, Messina 21, Ragusa 21, Trapani 14, Caltanissetta sei, Agrigento quattro e nessun caso a Enna.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.