Etna: nuovo trabocco lavico dal Cratere di Sud-Est

Sicilia
Fotogramma/Ipa

Dal cratere è emersa una nube di cenere lavica alta più di un chilometro. L'Ingv-Osservatorio Etneo ha emesso un'allerta Vona per gli spazi aerei di colore rosso. Al momento l'aeroporto di Catania è operativo

Torna a risvegliarsi l'Etna: un nuovo trabocco lavico si è verificato dal Cratere di Sud-Est con inizio poco prima delle ore 8.55 di stamane e conclusosi in tarda mattinata. Successivamente si è verificato un nuovo fenomeno parossistico con alte fontane di lava; dal cratere è emersa una nube di cenere lavica alta più di un chilometro, che si è poi dispersa. Lo ha rilevato l'Istituto nazionale di Geofisica e vulcanologia con l'ausilio delle telecamere di sorveglianza del vulcano. Il flusso lavico è sceso lungo il versante orientale del cono verso la desertica Valle del Bove, attestandosi a una quota di circa 2.600 metri sul livello del mare. (LE IMMAGINI DELL'ESA)

L'ampiezza media del tremore vulcanico e l'attività infrasonica hanno registrato una diminuzione della loro intensità ed allo stato attuale risultano confrontabili a quelli che hanno preceduto l'attività di fontana di lava.

L'Ingv-Osservatorio Etneo ha emesso un'allerta Vona per gli spazi aerei di colore rosso, ma l'aeroporto di Catania è rimasto sempre operativo.

Si tratta del terzo episodio eruttivo, dopo quello di ieri notte e del 16 febbraio.

Fotogramma/Ipa

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.