Covid, in Campania 3.008 nuovi casi su 23.761 tamponi effettuati

Campania

Il rapporto tra test e positivi è al 12,6 %, in lieve aumento rispetto a ieri (12,1%). Gli asintomatici sono 2.681

 

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi in Campania

 

Oggi in Campania sono risultate positive al coronavirus 3.008 persone su 23.761 tamponi esaminati. 

Intanto nella casa di riposo per anziani "Monsignor Umberto Altomare" di Teggiano, in provincia di Salerno, sono risultate positive 9 persone.

Diego Maradona Junior, dimesso dall’ospedale Cotugno dopo essere stato ricoverato per serie conseguenze ai polmoni lasciate dal Covid e dopo aver effettuato il tampone, risultando negativo, non potrà volare in Argentina per l’ultimo saluto a suo padre, morto ieri. In serata è arrivata infatti dai medici la decisione di dimettere Maradona, ma con l’obbligo di rimanere a letto o in poltrona per 10 giorni osservando prescrizioni e prendendo medicinali. (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - MAPPE DEL CONTAGIO)

17:22 - Nel Casertano i guariti superano i positivi

Per il secondo giorno di fila si registrano più guariti che nuovi positivi al Covid nel Casertano; nel contempo continua a calare l'altro dato rilevante del rapporto tra tamponi eseguiti e positivi. Nelle ultime 24 ore, certifica il report giornaliero dell'Asl di Caserta, sono state 585 le persone che si sono lasciate alle spalle il virus (ieri erano state quasi duemila), a fronte di 436 nuovi contagi, con una percentuale del 15% dei test risultati positivi (ieri il rapporto era al 17,7%). Anche oggi cala dunque, anche se in modo meno marcato di 24 ore fa, il computo totale delle persone attualmente positive, che sono 15.288 rispetto alle 15.446 di ieri. Non diminuisce invece il numero dei morti, ormai sempre vicino alla doppia cifra: oggi sono nove, per un totale da inizio pandemia di 269 persone decedute causa Coronavirus, un terzo delle quali (173) morte dal primo novembre ad oggi.

17:00 - In Campania 3.008 nuovi casi su 23.761 tamponi effettuati

Oltre tremila positivi in un giorno in Campania dove la curva del contagio aumenta leggermente rispetto ai giorni precedenti. I casi riscontrati sono 3.008 a fronte dei precedenti 2.815 con un rapporto tra positivi e tamponi (oggi ne sono stati registrati 23.761) del 12,6 per cento rispetto al 12,1 di ieri e al 12,8 di martedì. Gli asintomatici sono 2.681, i sintomatici 327. Il totale dei positivi: 146.018 a fronte di un numero complessivo di 1.508.502 tamponi. I deceduti sono 49, tra il 7 ed il 25 novembre, per un totale di 1.483. I guariti sono 1.723, il totale arriva a 41.151. Il report su base regionale evidenzia che a fronte di 656 posti letto di terapia intensiva disponibili ne risultano occupati 200. I posti letto di degenza disponibili sono 3.160 tra posti letto Covid ed offerta privata mentre quelli occupati sono 2.212.

14:18 - Napoli, Maradona Junior dimesso da ospedale: non potrà salutare il papà in Argentina

Diego Maradona Junior, dimesso dall’ospedale Cotugno dopo essere stato ricoverato per serie conseguenze ai polmoni lasciate dal Covid e dopo aver effettuato il tampone, risultando negativo, non potrà volare in Argentina per l’ultimo saluto a suo padre, morto ieri. In serata è arrivata infatti dai medici la decisione di dimettere Maradona, ma con l’obbligo di rimanere a letto o in poltrona per 10 giorni osservando prescrizioni e prendendo medicinali.

12:25 - Cardinale Sepe a diocesi Napoli, tempo difficile e doloroso

''I temi dell'Avvento e del Natale richiedono da parte di ciascuno di noi un impegno particolare in relazione al contesto pandemico e alla testimonianza di carità. Lo esige non solo la nostra identità sacerdotale ma anche la situazione del tutto particolare che la nostra società sta vivendo in questo tempo della pandemia da covid-19. Dobbiamo continuare su questa strada di solidarietà e di carità intrapresa dalla Chiesa di Napoli''. Con queste parole l'arcivescovo di Napoli, cardinale Crescenzio Sepe, si è rivolto al clero diocesano in occasione dell'Adorazione eucaristica che si è svolta in streaming. Sepe ha parlato di ''tempo difficile e doloroso per l'intera comunità che provoca in tutti paura oltre a situazioni gravissime di ordine sociale, economico e anche religioso perché anche noi Chiesa non siamo esenti come state constatando da tempo ma è proprio in questi momenti che, come dimostra anche la storia, la Chiesa riesce a conservare il vero volto del Signore e a frasi prossimo di tutte le povertà che attanagliano tanti: ci sono famiglie ridotte in povertà, lavoratori privati del lavoro, giovani abbandonati a se stessi, ragazzi senza scuola, malati abbandonati e senza adeguata assistenza''. Condizioni in cui - ha sottolineato il cardinale - ''la vostra vicinanza materiale e spirituale, alle volte anche con il pericolo della propria vita, è stato il pasto che ha curato queste profonde ferite''. Sepe ha ricordato anche l'impegno in questi mesi della Chiesa di Napoli ''in prima linea'' nell'accoglienza dei senza tetto ''in strutture adeguate provvedendo anche alla loro salute con l'effettuazione di tamponi'' e per i diversamente abili a cui sarà dedicata la prima domenica di Avvento.

10:28 - Sindaco ordina sanificazione condomini nel Napoletano

Disinfezione immediata delle parti comuni condominiali e sanificazione mensile fino al 31 gennaio 2021. È quanto stabilito da un'ordinanza firmata dal sindaco di Torre del Greco (Napoli) Giovanni Palomba e indirizzata a tutti gli amministratori condominiali e ai proprietari di unità abitative presenti sul territorio cittadino. Il provvedimento, che rientra nelle iniziate predisposte dall'amministrazione comunale per provare a contenere i rischi legati alla diffusione e al contagio da Covid-19, riguarda in particolare androni, scale, vano ascensore, lastrici solai, ringhiere e portoni d'accesso. Nella sua ordinanza il sindaco sottolinea come ''le sanificazioni dovranno essere eseguite da personale specializzato e le relative certificazioni dovranno essere custodite ed esibite in caso di controlli''. 

9:16 - Napoli, in giro nonostante fosse positivo: denunciato

Controlli del territorio disposti dal comando provinciale di Napoli per i Carabinieri della compagnia Napoli Vomero. Da parte dei militari un invito all'uso delle mascherine ma anche sanzioni e denunce. I Carabinieri della stazione di Napoli Marianella hanno denunciato un 29enne del posto. L'uomo - nonostante il divieto di uscire dalla propria abitazione perché positivo al Covid - è stato trovato in strada poco distante da casa sua. Durante i controlli, i Carabinieri hanno anche sanzionato il titolare di un bar in via Santa Maria a Cubito. L'uomo consentiva ai clienti di consumare all'interno del locale nonostante il divieto imposto dalle recenti normative anti-contagio. 5 sono i giorni di sospensione per l'attività commerciale e 680 gli euro da pagare per la sanzione irrogata.

7:15 - Focolaio in casa di riposo nel Salernitano, 9 positivi

Un focolaio di Covid 19 è scoppiato nella casa di riposo per anziani "Monsignor Umberto Altomare" di Teggiano, in provincia di Salerno. Positive sono risultate 9 persone, 5 ospiti e 4 dipendenti. Già oggi due anziani ospiti saranno trasferiti al Campolongo Hospital di Eboli. Il focolaio si sarebbe sviluppato dopo la positività di un sacerdote ospitato per pochi giorni nella struttura prima di essere trasferito al reparto Covid del vicino ospedale di Polla. 

Napoli: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24