Coronavirus Campania, nuova ordinanza per trasporti su mare

Campania
©Fotogramma

Firmata l'ordinanza da Vincenzo De Luca: è valida su tutto il territorio regionale, fino al 15 agosto 2020

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi in Campania

 

Su navi, traghetti e aliscafi si indosserà la mascherina, 100% dei posti occupabili, ma i cosiddetti "faccia a faccia" riservati solo a componenti della stessa famiglia, rilevazione della temperatura all'imbarco e forze dell'ordine a bordo. (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI)

Intanto prosegue l'inchiesta in Campania sull'emergenza Coronavirus, nel mirino della procura di Napoli c'è la realizzazione degli ospedali prefabbricati per i malati Covid. "C'è stato un tentativo di speculazione politica e aggressione mediatica sulla nostra sanità. Mi pare che abbia lasciato il tempo che trova", ha affermato in merito alle polemiche il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca.

18:29 - In Campania 15 nuovi positivi su oltre 2mila tamponi

Sono 15 i nuovi positivi al coronavirus in Campania, su 2.025 tamponi eseguiti ieri. Secondo i dati diffusi dall'Unità di crisi, aggiornati alla mezzanotte scorsa, non si sono registrati nuovi decessi (il totale delle vittime resta fermo a 438) mentre i guariti sono stati 28, portando il numero complessivo a 4.240

17:43 - Comune di Capri a turisti e cittadini: “Usate l'app Immuni”

Capri rafforza le misure di sicurezza contro il coronavirus, chiedendo a tutti, residenti e visitatori, di scaricare l'app Immuni. Le Giunte dei Comuni di Capri e Anacapri, con due delibere hanno deciso di raccomandare a cittadini e turisti in visita o in villeggiatura l'adozione dell'App, sistema digitale di prevenzione gestito dal Ministero della Salute e predisposto dal punto di vista tecnico con la supervisione del Dipartimento del Ministro per l'Innovazione tecnologica e la digitalizzazione. "Si tratta - si legge sul sito del Comune - di un innovativo supporto tecnologico che si affianca alle misure già messe in atto da Governo ed Enti locali per limitare la diffusione del virus Covid-19 nel rispetto delle normative italiane ed europea sulla privacy. L'utilizzo dell'applicazione, scaricabile negli smartphone, permetterà di risalire senza violare la riservatezza personale ai contatti che possono aver esposto un individuo a rischi di contagio del Coronavirus diffuso in più parti del mondo. Consapevoli anche della responsabilità di essere luoghi dell'Italia particolarmente conosciuti e apprezzati all'estero, i Comuni di Capri ed Anacapri sono impegnati a garantire che la ripresa dei flussi turistici avvenga nella massima sicurezza possibile, a tutela dell'incolumità di abitanti, ospiti e dell'immagine del nostro Paese".

16:04 - De Luca: “Servono forze dell'ordine su mezzi pubblici”

"Sarebbe indispensabile l'intervento delle forze dell'ordine sui mezzi di trasporto pubblico. Mi dicono che a bordo dei traghetti arrivano piccole bande di delinquenti che, se chiamate a rispettare la correttezza dei regolamenti covid, hanno atteggiamenti aggressivi". Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca in una diretta Facebook. "Noi abbiamo fatto - ha spiegato De Luca - un'ordinanza per l'obbligo delle mascherine perché abbiamo registrato delle situazioni critiche su mezzi pubblici di trasporto e sui traghetti e abbiamo introdotto la multa di mille euro. Nel campo dei trasporti c'è ancora qualche problema per le misure non chiare da parte del Governo, ci adegueremo alle misure che attendiamo da comitato tecnico scientifico. Ma ricordo che serve l'uso rigoroso della mascherina e servirebbero le forze dell'ordine per evitare che atti di aggressività diventino prevalenti". Sulla lotta al covid19 in Campania, De Luca ha spiegato che "ora lavoriamo per individuare subito ogni piccolo focolaio e spegnerlo. Oggi la sfida è tutta qui, nei tempi immediati di individuazione dei focolai. Saremo impegnati in questo lavoro snervante, perché dobbiamo convivere con il covid per mesi fino a che non avremo il vaccino. Nei mesi scorsi abbiamo retto bene anche dopo l'apertura di tutte le attività decisa dal governo a giugno. Siamo stati la vera sorpresa, si aspettavano disastri ed ecatombi dalla Campania. Ora serve massima attenzione".

15:33 - De Luca: “Controllino, troveranno trasparenza”

"Sollecitiamo i controlli con la massima tranquillità. C'è stato in questi giorni un tentativo di equiparare alcune gravi questioni che hanno riguardato le Regioni del Nord con la Campania, un tentativo fallito, tranne qualche testata del nord la cosa ha fatto la fine che meritava", ha proseguito De Luca. "La Campania - ha aggiunto - esprime il massimo rispetto per ogni iniziativa di controllo di legalità e legittimità degli atti. Abbiamo dato prova di efficienza, concretezza e coraggio amministrativo, cosa che non è stata digerita da tutti. Molti si aspettano che Napoli sia ancora la camorra o il caos".

"Abbiamo ovviamente agito in maniera accelerata ma con una procedura ordinaria. Si facciano quindi tutti i controlli di legalità ma troveranno modelli di correttezza e trasparenza. Non ci distraiamo e continuiamo a pensare all'attività per la salute dei cittadini", ha concluso il governatore.

14:23 – Prosegue l'inchiesta sugli ospedali Covid: le denunce

Prosegue l'inchiesta in Campania sull'emergenza Coronavirus, nel mirino della procura di Napoli c'è la realizzazione degli ospedali prefabbricati per i malati Covid: un appalto da 15 milioni di euro vinto da Med, un'azienda padovana, che avrebbe dovuto fornire le strutture 'chiavi in mano'. Diversi, però, i punti da chiarire. Solo una delle tre strutture è al momento funzionante e mancherebbero tutti i collaudi. I magistrati ipotizzano il reato di turbativa d'asta e nell'inchiesta sono indagati il manager della Asl Napoli 1, Ciro Verdoliva, il presidente della società regionale Soresa, Corrado Cuccurullo, l'esponente dell'Unità di crisi, Roberta Santaniello, e il consigliere regionale Luca Cascone.

11:14 - Inchiesta su Istituto zooprofilattico: avvocato, in locali Ames macchinari Iszm

"E' pacifico che attrezzatura, materiali e reagenti che sono stati trovati nei locali di Ames sono di proprietà dell'Istituto Zooprofilattico e che ad adoperarli è stato personale dello stesso istituto". A sottolinearlo, all'ANSA, è il legale di A. L., direttore dell'istituto zooprofilattico (ISZM) di Portici (Napoli), indagato dalla Procura di Napoli per concorso in turbativa d'asta nell'ambito dell'inchiesta sugli "elementi di criticità" emersi in relazione alle procedure di aggiudicazione e di esecuzione e alle altre gare indette nel periodo di emergenza sanitaria. La dichiarazione fa riferimento a voci riguardanti la proprietà dell'attrezzatura trovata nel locali di Ames, il centro diagnostico di Casalnuovo, anch'esso finito nello stesso filone di indagine (anche il direttore sanitario A. F. è indagato per concorso in turbativa d'asta). Locali, secondo quanto reso noto dallo stesso direttore, messi a disposizione gratuitamente all'Iszm, durante la fase critica dell'emergenza sanitaria. "Era un momento particolare - sottolinea il legale - in cui chi (Paesi esteri, ndr) aveva materiale a disposizione se lo teneva stretto. Emblematico è il caso della Germania che trattenne le mascherine sul suo territorio. L'istituto zooprofilattico aveva stipulato un contratto con AB Analitica srl per l'acquisto di strumentazioni per diagnostica molecolare dei campioni covid-19. A causa della mancata sottoscrizione di un protocollo d'intesa da parte dell'Asl di Salerno con il Geinge che prevedeva l'uso di un laboratorio nel presidio ospedaliero Maria SS Addolorata di Eboli, l'Istituto, per accelerare i tempi ha dato il via libera alla dislocazione dei macchinari in consegna nei locali che Ames aveva offerto a titolo gratuito. Ritardare la consegna di quelle apparecchiature, che funzionano efficacemente solo con tamponi e reagenti della stessa marca, poteva significare non vederli più".

11:13 - Inchiesta Covid: esposto, per pagamenti uso estensivo norme

Sesto esposto in Procura, a Napoli, del presidente dell'Associazione "Campo Sud" Marcello Taglialatela, nell'ambito dell'inchiesta della Procura di Napoli sugli "elementi di criticità" emersi in relazione alle procedure di aggiudicazione e di esecuzione e alle altre gare indette nel periodo di emergenza sanitaria in Campania. Questa volta, con l'esposto, Taglialatela rende noto di avere avuto la copia di una comunicazione ufficiale, datata 23 aprile 2020, con la quale G. P., ex direttore amministrativo di SO.RE.SA. comunicava al presidente dell'Organismo di Valutazione di SO.RE.SA., generale F. M., "possibili irregolarità con le quali la stessa SO.RE.SA. aveva provveduto al pagamento delle forniture in materia di emergenza Covid 19". In particolare il direttore amministrativo richiamava l'attenzione circa l'erronea interpretazione estensiva di una norma da parte della Giunta Regionale della Campania che avrebbe utilizzato quell'articolo (il 34 del D.Lgs. N. 9 del 2 marzo 2020) - che consente questa possibilità solo per il pagamento dei dispositivi DPI - per tutte le spese riferite all'emergenza Covid 19 e, quindi, anche per pagare "l'intero ammontare degli importi relativi alle tre gare per la realizzazione degli ospedali Covid di Napoli, di Caserta e di Salerno". Stanziamenti avvenuti, sottolinea il presidente di "Campo Sud" nell'esposto, "anche in assenza dei collaudi delle opere". 

10:33 - Ok ad adeguamento spazi didattici scuole Napoli

La giunta comunale di Napoli ha approvato - su proposta dell'assessore Annamaria Palmieri - il progetto di manutenzione ordinaria relativo agli interventi di adeguamento funzionale degli spazi didattici delle scuole comunali in conseguenza dell'emergenza sanitaria da Covid-19. Con la delibera si destinano 150mila euro alla manutenzione e ai piccoli interventi necessari alla riapertura in presenza e sicurezza dei circoli a gestione comunale del comparto 0-6 anni, su molte delle quali sono già in corso interventi finanziati con i fondi del Miur per l'allestimento delle aree esterne con ripavimentazioni, nuovi giochi e interventi di messa in sicurezza.

7:41 - Nuova ordinanza per trasporti su mare

Su navi, traghetti e aliscafi si indosserà la mascherina, 100% dei posti occupabili, ma i cosiddetti "faccia a faccia" riservati solo a componenti della stessa famiglia, rilevazione della temperatura all'imbarco e forze dell'ordine a bordo. Sono alcune delle disposizioni contenute nell'ordinanza n. 65 firmata dal presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca. L'ordinanza è valida su tutto il territorio regionale, fino al 15 agosto 2020, salva l'adozione di ulteriori provvedimenti in conformità con l'assetto normativo vigente, con riferimento al trasporto pubblico locale si osservano le disposizioni seguenti. 

Napoli: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24