2 giugno, De Luca: "Nella nuova fase più unità e solidarietà"

Campania

"Occorre fare in modo che questa nuova fase sia un'occasione per far crescere i valori di unità e solidarietà nazionale, di impegno totale per il rilancio dell'economia e del lavoro, per il sostegno a chi è stato duramente colpito dalla crisi in corso", ha spiegato il governatore

"Celebriamo oggi l'unità nazionale all'insegna delle parole importanti pronunciate dal presidente della Repubblica - ha dichiarato il presidente della Campania, Vincenzo De Luca, in merito alla festa del 2 giugno (FOTO) -. Da domani, per decisione del Governo, parte la mobilità su tutto il territorio nazionale, al di là di talune riserve espresse. Cercheremo di adottare, con equilibrio e serenità, misure di prevenzione a tutela delle nostre comunità. Ma, una volta presa la decisione, si va avanti", ha sottolineato il governatore riferendosi alla Fase 2 dell'emergenza Coronavirus (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA - LO SPECIALE - L'EMERGENZA IN CAMPANIA).

 

De Luca: "Nuova fase occasione per far crescere valori"

approfondimento

Festa del 2 giugno, Mattarella in visita a Codogno. FOTO

"Occorre fare in modo che questa nuova fase sia un'occasione per far crescere i valori di unità e solidarietà nazionale, di impegno totale per il rilancio dell'economia e del lavoro, per il sostegno a chi è stato duramente colpito dalla crisi in corso" aggiunge il governatore.

Il prefetto di Napoli: "Coesione si declina sui territori"

approfondimento

Il discorso del presidente Mattarella per la Festa della Repubblica

"La coesione nazionale è un valore importantissimo che si declina sui territori con la coesione anche fra le istituzioni e fra tutti i livelli di governo - ha spiegato il prefetto di Napoli, Marco Valentini, a margine della cerimonia dell'alzabandiera che si è svolta in Piazza Plebiscito in occasione della Festa della Repubblica. Le Prefetture hanno questa come una delle missioni più importanti: di garantire che tutti i livelli di governo operino, soprattutto in una fase di emergenza e di crisi, con unità di intenti nell'interesse del benessere di tutti i cittadini". La cerimonia quest'anno,  a causa delle misure di distanziamento sociale per l'emergenza Coronavirus, non ha visto la grande partecipazione della cittadinanza come avvenuto in passato. "Questa piazza, cuore di Napoli - ha sottolineato il prefetto - sarebbe stata bellissima, come tante volte è stata, con tante persone ma oggi anche lo scenario soffre di una pandemia che ha duramente provato gli italiani ma questo momento è ugualmente denso di significato".

De Magistris "Oggi tentazione è dare fascia al prefetto"

"Oggi ci mettiamo la fascia ma la tentazione che ho è di consegnarla al prefetto". Così il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, a margine della cerimonia dell'alzabandiera in Piazza Plebiscito. "Non posso che essere d'accordo con il messaggio del presidente della Repubblica Mattarella - ha aggiunto - perché in questo momento serve unità fondata sull'armonia, sulla coesione senza rancori e discriminazioni ma tutti i sindaci uniti hanno detto al Governo e al presidente del Consiglio che senza mettere al centro il popolo e quindi i sindaci che sono i rappresentanti territoriali, il Paese non riparte e si rischia di andare nel caos e nel conflitto. I sindaci sono gli unici che possono fare un lavoro di mediazione sociale forte per evitare che l'esasperazione diventi rabbia, conflitto, questione di ordine pubblico e questione criminale". De Magistris ha concluso affermando: "Non abbiamo molto tempo. Il Governo deve accelerare".

Napoli: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.