Coronavirus Campania, Tar accoglie ricorso su ordinanza de Magistris

Campania
©Ansa

Sospeso il provvedimento del sindaco di Napoli, in base al quale, contrariamente a quanto previsto dal documento regionale, i locali avrebbero potuto somministrare bevande e alimenti, anche da asporto, fino alla mezzanotte. Il primo cittadino aveva inoltre allungato l'apertura dei locali fino alle 2.30 in settimana e nel weekend fino alle 3.30

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi in Campania

 

Il Tar della Campania ha accolto il ricorso della Regione contro l'ordinanza del sindaco di Napoli, Luigi de Magistris. Sospesa, dunque, l'ordinanza in base alla quale, contrariamente a quanto previsto da una ordinanza regionale, i locali avrebbero potuto somministrare bevande e alimenti, anche da asporto, fino alla mezzanotte (e non fino alle 22) e per gli orari di chiusura: fino all'1 per l'ordinanza regionale; fino alle 2.30 in settimana e nel weekend fino alle 3.30 per quella del sindaco di Napoli. (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI)

19:00  - Napoli, domani riapre museo Maschio Angioino

approfondimento

Coronavirus, Pregliasco: “Attualmente meno casi e meno pesanti”

Riapre domani al pubblico il museo Civico di Castel Nuovo - Maschio Angioino. Lo rende noto il Comune di Napoli che definisce la riapertura ''un ulteriore segnale di avvio alla normalità dopo il lungo fermo dovuto alle restrizioni imposte per evitare la diffusione del Covid-19''. Nel rispetto delle misure di distanziamento sociale imposte per la fase2, l'accesso è consentito esclusivamente attraverso un sistema online di prenotazione denominato 'SI.Ri.P.ARTE - Sistema Ricezione Prenotazioni per l'Arte' realizzato per evitare assembramenti o lunghe attese e nei prossimi giorni sarà tradotto in più lingue e adattato alle diverse esigenze di altri musei cittadini o spazi pubblici. I visitatori potranno scegliere tra 7 turni d'ingresso ognuno da 30 partecipanti massimo.
In particolare l'accesso è possibile dalle ore 8.30 alle ore 17.00 con i seguenti turni d'ingresso: 08.30, 10.00, 11.30, 13.00, 14.30, 16.00, 17.00. al momento è possibile prenotare visite da domani a sabato 6 giugno e successivamente saranno via via attivati nuovi turni di prenotazione apportando eventuali correttivi in base alle esigenze che si verificheranno durante la prima fase di rodaggio. Per l'occasione sarà attivato anche il pagamento con carta di credito e bancomat, anche contactless presso la biglietteria a cui si potrà accedere solo ed esclusivamente con il codice di prenotazione (Qrcode o testuale) da presentare in biglietteria. I visitatori che si presenteranno al botteghino muniti di prenotazione riceveranno due token di sconto (in criptovaluta), dal valore di 2 euro, da spendere come buoni sconti presso le attività commerciali che stanno aderendo al progetto del Comune di Napoli finalizzato alla diffusione di un'economia circolare, soprattutto in un periodo in cui devono essere rilanciate le economie locali. Il buono sconto non sarà fornito a chi pur avendo prenotato la visita non si presenterà al botteghino impedendo ad altri visitatori di poter aderire.

18:25 - In Campania un morto e quattro contagiati in più

Un morto e quattro contagiati in più in Campania tra la mezzanotte del 30 maggio e la stessa ora di ieri, 31 maggio. Secondo quanto rende noto l'Unità di crisi della Protezione Civile della Campania, sempre facendo riferimento allo stesso lasso di tempo, in ben quattro province della regione (Caserta, Benevento, Avellino e Salerno) non sono state rilevate persone positive al Coronavirus. I quattro contagiati sono stati individuati a Napoli (uno) e in provincia (tre). Tra il 30 e il 31 maggio, infine, sono stati eseguiti 2315 tamponi.

15:04 - De Magistris: "Tar non ci boccia e non pregiudica il merito"

"Il provvedimento di urgenza del Tar non pregiudica il merito che si discuterà nei prossimi giorni e siamo convinti che dal punto di vista giuridico abbiamo le ragioni dalla nostra parte. Il provvedimento non boccia e non sospende l'ordinanza sindacale ma dice una cosa finanche comprensibile: che di fronte a orari contrastanti si è ritenuto di far prevalere l'ordinanza della Regione perché giustificata come ordinanza di natura sanitaria ed è proprio questo il punto grave perché riducendo gli orari e i luoghi si spingono le persone a concentrarsi". Così in un video il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, commenta l'accoglimento da parte del Tar Campania del ricorso presentato dalla Regione Campania avverso l'ordinanza sindacale.

15:00 - All'Asl Napoli 1 Centro monitoraggio pazienti 2.0

 Il controllo dello stato di salute dei pazienti contagiati dal covid-19 diventa 2.0 all'Asl Napoli 1 Centro: l'azienda, partendo da cento pazienti sintomatici in cura presso le rispettive abitazioni, ha introdotto un sistema di sorveglianza da remoto che consente di rilevare i dati vitali dei malati, acquisiti in maniera continuativa e automatica, e inviarli direttamente nei loro fascicoli sanitari personali. Il tutto è stato reso possibile grazie a un kit composto da alcuni dispositivi medici indossabili, muniti di sensori, un'app e uno smartphone, che svolge la funzione di gateway di trasmissione.
La digitalizzazione del processo di misurazione, registrazione e invio dei parametri vitali contribuisce sia all'aumento della sicurezza dei pazienti che all'ottimizzazione delle attività lavorative di medici e infermieri. Inoltre, la soluzione prevede una dashboard (un pannello di controllo) in cloud che permetterà agli operatori sanitari di avere una visione sia globale che in dettaglio di ogni singolo paziente in carico.
"La tecnologia digitale - spiega Ciro Verdoliva, direttore Generale dell'ASL Napoli 1 Centro - include non solo l'informatizzazione dei dati, ma anche la capacità di supportare medici e operatori sanitari nell'adozione di decisioni cliniche ed organizzative. Contribuisce quindi in maniera concreta e fondamentale alla digitalizzazione delle strutture assistenziali ospedaliere e territoriali, e allo sviluppo del concetto di Healthcare 2.0".

14:36 - De Magistris: “Intervenga Conte altrimenti è caos”

approfondimento

Fase 2, cardiologi: “Usare la bicicletta ogni giorno fa bene a tutti”

"Ora sta al presidente Conte rimettere rapidamente a posto la democrazia. Se non lo fa, sarà il caos istituzionale e sociale e sarebbe molto pericoloso per le comunità. Tutti i sindaci sono uniti". Così il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, rispetto alla querelle con la Regione Campania sulle ordinanze divergenti. "Il presidente del Consiglio - ha aggiunto - sa bene che in alcuni luoghi si ha una leale collaborazione istituzionale e in altri no e pertanto è necessario un suo intervento di fronte a chi sta abusando di una posizione dominante come il presidente della Regione Campania altrimenti si pone una questione costituzionale e dovremmo dire che l'impegno preso da Conte lo scorso giovedì con tutti i sindaci siano solo parole ma sappiamo che non è così". "Pertanto - ha concluso - mi aspetto a breve un suo intervento chiarificatore perché altrimenti viene meno la tenuta democratica del Paese”.

“De Luca - ha proseguito il sindaco partenopeo - ci dovrebbe spiegare come mai noi non possiamo uscire la sera ma possiamo fare la campagna elettorale. Ma di cosa parliamo, serve un po' di serietà. Se qualcuno pensa di fare la campagna elettorale colpevolizzando i napoletani, mortificando i cittadini e i giovani e mettendo in difficoltà gli operatori economici e sociali, io non glielo consentirò''.

13:50 - Tar accoglie ricorso Regione: stop a ordinanza De Magistris

Il Tar della Campania ha accolto il ricorso della Regione Campania contro l'ordinanza del sindaco di Napoli, Luigi de Magistris. Sospesa, dunque, l'ordinanza in base alla quale, contrariamente a quanto previsto da una ordinanza regionale, i locali avrebbero potuto somministrare bevande e alimenti, anche da asporto, fino alla mezzanotte (e non fino alle 22) e per gli orari di chiusura: fino all'1 per l'ordinanza regionale; fino alle 2.30 in settimana e nel weekend fino alle 3.30 per quella del sindaco di Napoli.

11:52 - Teatro San Carlo, termoscanner e distanziamento per conferenza

Termoscanner per la misurazione della temperatura e gel igienizzate all'ingresso del Teatro San Carlo di Napoli in occasione della conferenza stampa di presentazione della stagione 2020-21. Misure adottate nell'ambito dei protocolli di sicurezza anti-Covid-19. Alla prova della temperatura è stato sottoposto anche il sindaco Luigi de Magistris. All'interno della platea, la stampa ha potuto prendere posto sulle poltrone indicate così da assicurare il distanziamento.

9:45 - Caserta, fabbrica abusiva sequestrata dalla guardia di finanza

approfondimento

Coronavirus Uk, l'Inghilterra allenta parzialmente il lockdown. FOTO

Una fabbrica abusiva per il confezionamento di mascherine, camice e tute anti-virali è stata sequestrata dalla guardia di finanza a Succivo, nel Casertano. I militari hanno sequestrato oltre ai macchinari quattromila mascherine ritenute non sicure e 10mila false etichette "made in Italy". Il titolare della fabbrica, un pakistano di 53 anni, è stato denunciato e multato per violazione della normativa di sicurezza anti Covid-19. Altri cinque immigrati pakistani trovati al lavoro sono stati sanzionati.

7:34 - Luigi de Magistris: "De Luca sbaglia anche su piano sanitario"

"De Luca sbaglia, secondo me, anche sul piano sanitario perché la sua è la politica dell'imbuto: chiudiamo piazze, chiudiamo strade, chiudiamo orari. Se tu alle 22 vieti di prendere una birra e di portarla a casa, i ragazzi si mettono tutti dentro al locale e quindi addirittura crei le condizioni per un aumento del contagio. Mentre la nostra politica è quella di portare le persone anche in altri luoghi, non solo in quelli tradizionali della movida, dove puoi stare fino a sera tardi, fare intrattenimento, 'diffondere' le persone in una città di un milione di abitanti perchè non è che se metti il limite alle 23 i ragazzi se ne vanno a casa". Così il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, intervistato dal Tg4 sul contrasto di ordinanze tra quella del Comune, più estensiva, e quella della Regione Campania, più restrittiva. 

7:31 - Quattro i positivi in Campania su 2.315 tamponi

Sono quattro i positivi di ieri in Campania su un totale di 2.315 tamponi. Lo rende l'Unità di Crisi Regionale per la realizzazione di misure per la prevenzione e gestione dell'emergenza epidemiologia da Covid-19. Il totale dei positivi in Campania è di 4.806, quello dei tamponi complessivamente effettuati 203.858. 

7:24 - Unità di crisi della Campania: "Preoccupati per Avellino"

L'Unità di Crisi della Regione Campania ha scritto al Prefetto di Avellino esprimendo "viva preoccupazione per quanto si è verificato la scorsa notte nel pieno centro del capoluogo irpino dove, con documentazione di video e foto, si sono registrati assembramenti in palese contrasto con le ordinanze regionali e le norme nazionali in vigore, con grave rischio sanitario". L'Unità di Crisi ha chiesto alla Prefettura "di mettere in campo tutte le azioni sanzionatorie e di contrasto al possibile ripetersi di tali gravi eventi".

7:19 - A Capri primi sbarchi di vacanzieri

L'ultima domenica di maggio ha visto l'arrivo a Capri dei primi turisti del post-lockdown, complice la bella giornata che è stata per molti anche l'occasione per fare il primo bagno della stagione, nonostante la temperatura non proprio invitante dell'acqua. Sono state 539 le persone sbarcate in mattinata sull'isola da alijet, aliscafi e nave traghetto. Si trattava di vacanzieri, proprietari di seconde case, turisti italiani e qualche straniero che vive a Napoli. 

Napoli: I più letti