“Per Singer letteratura significa dare onore a un mondo che non c'è più"

Mondo

Filippo Maria Battaglia

Adelphi prosegue la pubblicazione delle opere del premio Nobel."I suoi eroi sono anime nude - dice Fiona Diwan nell'ultima puntata di 'Incipit', la rubrica di libri di Sky TG24 - Si attorcigliano, si dibattono, cercando una nuova identità e una nuova collocazione in un terra che non è la loro"

“Uno scrittore molto prolifico, con un modo quasi tentacolare di scrivere", per il quale

"la letteratura è innanzitutto memoria". Così la giornalista e saggista Fiona Diwan racconta a Sky TG24 Isaac Bashevis Singer, di cui ormai da diversi anni Adelphi, con Elisabetta Zevi, sta pubblicando i romanzi. L'ultimo arrivato in libreria si intitola "Ombre sullo Hudson", è tradotto da Valentina Parisi ed è ambientato in una New York che, per stessa ammissione di uno dei protagonisti, sembra Varsavia. 

Non è la prima volta che accade: quella di Singer - spiega Diwan durante "Incipit", la rubrica di Sky TG24 dedicata ai libri  - "è una New York su cui volano nuvole polacche. Una città vissuta dai suoi personaggi quasi con ostilità, e che per sembrare più familiare e più vicina trascolora in un ritratto simile alla terra di origine".

"L’universo geografico di cui racconta Singer - dice la direttrice dei media della comunità ebraica di Milano - è fatto di poco più di dieci strade che ruotano attorno a  Broadway, Amsterdam Avenue, Lower East side", ed è intorno a questo stretto palcoscenico che il premio Nobel sperimenta con proverbiale maestria le passioni e le pulsioni che imprigionano l’uomo e dunque i conflitti che queste generano.

"Gli eroi di Singer sono anime nude"

approfondimento

"Scrivere è un dettaglio": il podcast con Bajani, Piccolo, Lattanzi

“Più una persona è forte, più forti sono le sue debolezze", dice a un certo uno dei personaggi di "Ombre sullo Hudson", aggiungendo subito dopo che "è un principio di compensazione universale”. 

"La forte personalità porta con sé anche forti pulsioni e dunque rischi di cadute altrettanto rovinose", chiosa Diwan, spiegando come "gli eroi di Singer siano anime nude: si attorcigliano, si dibattono, cercano una nuova identità e una nuova collocazione in un terra che non è la loro perché la loro è andata perduta, rasa al suolo dalla seconda guerra mondiale. È per questo - racconta ancora Diwan - che per Singer scrivere significa dare onore a un mondo che non c’è più, restituendolo nella sua complessità e dunque anche rievocando le sue magie, le sue superstizioni, i suoi demoni”.

"L'Atlantide espressiva inabissata con la Shoah"

approfondimento

Tullio Pericoli: “Anche in un quadro ci sono i punti e le virgole"

In questo legame, e in questa rievocazione, la lingua ha un ruolo determinante: "Singer - ricorda sempre Diwan - scrive in  yiddish, la lingua madre, e non un caso che continuerà a scrivervi per tutta la vita nonostante la sua pluridecennale esperienza americana, sottoponendosi peraltro a un lungo e faticoso lavoro di autotraduzione in inglese pur di non consegnare quel compito a qualcun altro. Un tour de force immane che tuttavia gli consentirà di restituire al lettore un mondo yiddish altrimenti sconosciuto, e con questo un’Atlantide espressiva che si era ormai inabissata con la Shoah".

 

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24