Christine Lagarde, chi è la nuova presidente della Bce

Mondo

Nata a Parigi, avvocato, è stata ministro dell’Economia in Francia prima di diventare direttore generale del FMI nel 2011. Il 2 luglio 2019 è stata nominata alla guida della Banca centrale europea al termine del mandato di Mario Draghi. È la prima donna all'Eurotower

Dal ministero dell’Economia francese alla direzione del Fondo monetario internazionale prima di approdare alla guida della Bce (TUTTE LE NOMINE UE). La carriera di Christine Lagarde è quella di una delle donne più potenti del mondo, come attestato anche dalla classifica di Forbes, che la inserisce ininterrottamente nella sua top 100 dal 2004.

La biografia

Christine Madeleine Odette Lagarde, all’anagrafe Lallouette, è nata a Parigi il 1 gennaio 1956. Si è laureata in legge e ha iniziato la sua carriera di avvocato. Nei primi anno 2000 si è spostata in Belgio, dove ha fondato l'European Law Centre, divisione dello studio Baker & McKenzie (di cui nel mentre presiedeva il cda) che si occupava di leggi all’interno della Ue. In Francia, nel 2005 è stata nominata Ministro delegato al Commercio Estero nel governo de Villepin. Poi è stata Ministro dell'Agricoltura e della Pesca nel primo governo Fillon mentre nel secondo esecutivo è diventata Ministro dell'Economia, dell'Industria e dell’Impiego.

La nomina al vertice del FMI

Nel giugno del 2011 il comitato esecutivo del FMI l’ha nominata nuovo direttore generale, dopo le dimissioni del suo connazionale Dominique Strauss-Kahn. Lagarde è diventata la prima donna a ricoprire questo incarico. Dopo la nomina è stata al centro di un’inchiesta per abuso d’ufficio ma non ha lasciato l’incarico. Ha guidato il Fondo monetario in anni difficili, segnati dalla crisi finanziaria globale, poi da quelle della Grecia e dell’Argentina, fino all’emergere della Cina come potenza mondiale. Negli ultimi anni ha portato avanti una battaglia contro la politica dei dazi del presidente Usa Donald Trump.

La presidenza della Bce

Il 2 luglio 2019, dopo una lunga trattativa sulle nomine, Lagarde è stata nominata dai leader dei Paesi Ue alla presidenza della Banca centrale europea dal prossimo 1 novembre, quando succederà a Mario Draghi. Lascia quindi il FMI con due anni di anticipo per andare a Francoforte. L’impegno è quello di proseguire sul solca tracciato dal suo predecessore italiano con un ulteriore stimolo monetario, se necessario.

Mondo: I più letti