Messico, arrestato il figlio di 'El Chapo' Ovidio Guzman

Mondo
©Getty

Il giovane è stato catturato a Culiacan, nello stato messicano di Sinaloa, dopo sei mesi di pedinamenti, e trasferito a Città del Messico

ascolta articolo

Alta tensione nella città messicana di Culiacan dopo l'arresto di Ovidio Guzmán, figlio di Joaquín 'El Chapo' Guzmán, il leader del famigerato Cartello di Sinaloa catturato nel 2016 e attualmente agli arresti negli Stati Uniti. Immediata la reazione dei membri dei cartelli narco che hanno messo in atto le prime azioni di rappresaglia tanto che le autorità della città hanno invitato la popolazione a non uscire di casa e hanno decretato la sospensione delle attività della pubblica amministrazione. "Si stanno verificando incidenti e blocchi stradali in diversi punti della città, chiediamo alla cittadinanza di non uscire", ha scritto su Twitter il ministro della Sicurezza di Sinaloa, Cristobal Castañeda. Ordinata anche la chiusura dell'aeroporto internazionale di Culiacan dove, a protezione della struttura e dopo che un aereo civile è stato attaccato a colpi d'arma da fuoco, sono atterrati anche due aerei dell'esercito. 

Le forze di élite della Guardia nazionale messicana 

approfondimento

Usa, droga e riciclaggio, moglie Chapo condannata a 3 anni

L'operazione che ha portato all'arresto di Ovidio Guzman, alias 'El Raton', è stata effettuata nelle prime ore del mattino di giovedì da parte delle forze di élite della Guardia nazionale messicana (Gn) che hanno circondato il quartiere Jesus Maria della capitale dello stato di Sinaloa, dove era stato individuato il figlio di 'El Chapo'. In una conferenza stampa, il ministro della Difesa messicano, Luis Cresencio Sandoval, ha precisato che il ricercato è stato messo a disposizione della Procura della capitale specializzata in materia di delinquenza organizzata (Fgr). Il ministro ha indicato che l'operazione è cominciata alle 5 del mattino in base ad un accurato lavoro di intelligence che ha permesso a elementi della Guardia nazionale e uomini del ministero della Difesa di arrestarlo. "Si è trattato" - ha assicurato - "di un colpo importante ad una sezione del 'Cartello del Pacifico'. 

Traffico di droga

approfondimento

Arrestato il re della droga Caro Quintero, Usa vogliono estradizione

I media messicani sottolineano che l'arresto del narcotrafficante è stato realizzato ad appena quattro giorni dall'arrivo in Messico del presidente Joe Biden che deve partecipare con il primo ministro Justine Trudeau e il presidente Andrés Manuel  López Obrador al X Vertice dei Leader dell'America settentrionale. Gli Stati Uniti erano sulle tracce di Ovidio Guzmán almeno dal 2008 e nel febbraio 2019 la giustizia statunitense lo aveva accusato presso il tribunale del Distretto di Columbia/Washington di traffico di cocaina, metanfetamina e marijuana. Su di lui era stata posta una taglia di cinque milioni di dollari. Con il padre che sconta una condanna all'ergastolo in una prigione di massima sicurezza negli Usa, Ovidio Guzman controllava da tempo il cartello di Sinaloa insieme ai fratelli Alfredo Guzman Salazar, Ivan Guzman Salazar, soprannominati 'Los Chapitos', e Ismael 'El Mayo" Zambada Garcia. 'El Raton' era stato arrestato già a ottobre del 2019, ma in quell'occasione le autorità del governo nazionale decisero di rilasciarlo dopo violentissime rappresaglie degli uomini del cartello che misero a ferro e fuoco la città. L'episodio, conosciuto come 'Culiacanazo', si concluse con la morte di sette agenti e di un civile, e con la fuga di 47 detenuti dal carcere della città al termine di una rivolta comandata dai narcos. Il rilascio di Ovidio Guzman valse enormi critiche al governo del presidente Andres Manuel Lopez Obrador e costituisce una pagina nera della lotta contro i cartelli della droga.  

Mondo: I più letti