Francia, Macron: "Dal 2023 preservativi gratis per i giovani"

Mondo
©Ansa

Il presidente francese ha annunciato l'introduzione di un nuovo provvedimento che consentirà a chi ha fra 18 e 25 anni di procurarsi condom gratuiti nelle farmacie della Francia a partire dal prossimo 1 gennaio. "È una piccola rivoluzione nella prevenzione"

ascolta articolo

Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sulle notizie dal mondo

 

Il presidente francese, Emmanuel Macron, ha annunciato l'introduzione di un nuovo provvedimento che consentirà ai giovani tra i 18 e i 25 anni di procurarsi preservativi gratuiti nelle farmacie della Francia a partire dall’1 gennaio 2023. “È una piccola rivoluzione nella prevenzione", ha annunciato Macron.

La scelta di Macron

approfondimento

Francia, crolla popolarità Macron. Sondaggio: indice di fiducia al 32%

L’annuncio è arrivato  durante il cosiddetto Consiglio Nazionale della Rifondazione (Cnr), consacrato alla salute dei giovani a Fontaine-le-Comte, vicino Poitiers. In Francia, dal 10 dicembre 2018, i preservativi vengono già rimborsati dall'assistenza pubblica su prescrizione medica. Ma ora Macron vuole spingersi oltre: la gratuità da lui annunciata per i giovani tra i 18 e i 25 anni riguarda confezioni da 6, 12 o 24 condom disponibili in farmacia.

"La salute sessuale dei giovani va presa sul serio"

Macron ha poi detto che la "salute sessuale" dei giovani è un "vero tema" da prendere sul serio. Il presidente ha evocato, tra l'altro, la vaccinazione degli adolescenti - ragazzi e ragazze - contro le infezioni da papilloma virus, legate alla comparsa di tumori. “È un enorme lavoro d'informazione - ha avvertito il presidente - bisogna farlo nelle scuole, bisogna moltiplicare gli sforzi e lo faremo". E ancora: "Non escludo di andare verso la vaccinazione obbligatoria", quando si avranno "le giuste raccomandazioni scientifiche". Quanto all'educazione sessuale, ha continuato, "non diamo il meglio su questo tema. La realtà - ha osservato - è molto molto lontana dalla teoria. Dobbiamo sollecitare meglio i nostri insegnanti, dobbiamo tornare a sensibilizzarli".

Mondo: I più letti