Russia, esplosioni in due aeroporti: almeno tre morti

Mondo
Twitter

Secondo quanto emerso, sarebbe esplosa un'autocisterna carica di carburante nello scalo aeroportuale vicino a Ryazan. Oltre alle vittime ci sarebbero anche almeno altre sei persone ferite. Una seconda esplosione si è verificata nell'aeroporto di Engels, vicino a Saratov, dove secondo le fonti russe le forze armate ucraine hanno danneggiato due bombardieri strategici Tu-95 utilizzando un drone

ascolta articolo

Due esplosioni hanno interessato due aeroporti in Russia. È di tre morti e sei feriti il bilancio di una esplosione che si è verificata nell'aeroporto militare russo di Ryazan, 200 chilometri a sud est di Mosca. Lo riportano la Ria Novosti e la Tass, affermando che la deflagrazione sarebbe stata causata da un'autocisterna carica di benzina. L'aeroporto militare di Ryazan ospita il centro di addestramento per l'aviazione a lungo raggio e gli aerei cisterna. Una seconda esplosione si è inoltre verificata nell'aeroporto di Engels-1, vicino a Saratov, dove secondo le fonti russe le forze armate ucraine hanno danneggiato due bombardieri strategici Tu-95 utilizzando un drone. Ukrainska Pravda aggiunge che almeno due militari sono rimasti feriti e sono stati ricoverati in ospedale (GUERRA RUSSIA-UCRAINA: LO SPECIALE - GLI AGGIORNAMENTI).

Kiev conferma danni a due bombardieri russi

vedi anche

Allarme hacker, attacchi russi a siti delle istituzioni italiane

Il portavoce dell'Aeronautica delle Forze Armate ucraine, Yurii Ihnat, ha confermato su Facebook che due bombardieri strategici sono stati danneggiati dall'esplosione avvenuta oggi nella base aerea russa di Engels, nella regione di Saratov: lo riporta Ukrinform. "Un'esplosione si è verificata nella base aerea di Engels", ha scritto Ihnat: "Due bombardieri strategici russi sono stati danneggiati. Sono state segnalate vittime", ha aggiunto senza menzionare l'attacco con un drone riferito dai media ucraini.

Mondo: I più letti